Archivi tag: università

Scandali vecchi e nuovi

E’ veramente singolare constatare come periodicamente si accendano i riflettori dei mass media su eventi e situazioni presentati come nuovi e singolari, ma che invece hanno da sempre fatto parte del costume e dell’agire umano. Per fare un esempio,i vari telegiornali e carta stampata stanno parlando ininterrottamente da una settimana dello scandalo esploso intorno a quel produttore cinematografico di Hollywood che, secondo le accuse rivoltegli, avrebbe molestato sessualmente o addirittura violentato decine di donne aspiranti attrici con la promessa di far fare loro carriera nell’ambito del cinema. La questione in sé mi interessa poco, per non dir nulla; ma due brevi riflessioni mi sono venute in mente anche su questo argomento. La prima è che non si comprende perché queste accuse e queste denunce arrivino tutte adesso, quando i fatti risalgono a molti anni fa: perché quindi queste povere signorine e signore così offese non hanno denunciato prima l’accaduto? Forse perché al momento non conveniva? Già questo è un interrogativo di difficile soluzione. E poi c’è la seconda mia riflessione, che faccio pur essendo del tutto alieno dall’ambiente in cui i fatti sono avvenuti: siamo certi che queste donne siano solo vittime, oppure si sono volontariamente adattate a questa situazione per fare carriera, salvo poi lamentarsi e denunciare una volta ormai divenute intoccabili? Non credo che tutte coloro che, nell’ambito della moda, dello spettacolo, della politica ecc., hanno dovuto concedere simili favori per farsi strada siano state costrette con la pistola puntata alla testa; sono anzi convinto che alcune (non tutte, certo) l’abbiano fatto volontariamente, e qualche volta abbiano persino preso l’iniziativa… Ad ogni buon conto, meglio finire qui il discorso, altrimenti le nipotine delle femministe del ’68 mi scagliano chissà quali anatemi!
Tuttavia, tra gli scandali saliti alla pubblica attenzione negli ultimi tempi, ce n’è uno che mi coinvolge e mi interessa molto di più delle presunte molestie subite dalle aspiranti attrici, ed è quello dell’università, dato che vi sono state recenti inchieste sui nepotismi ed i favoritismi nelle assunzioni dei ricercatori e dei professori, concorsi truccati e compagnia bella. Mi fa specie che qualcuno si stupisca di questo procedere squallido e mafioso che esiste nelle nostre Università; e ciò non perché non sia un fenomeno grave e disgustoso – ed in effetti lo è – ma perché questo malcostume non è affatto una novità, c’è sempre stato. Anche quando mi sono laureato io, nel lontano 1978, i vari concorsi venivano tutti truccati dai “baroni” accademici, i quali sistemavano in cattedra prima di tutto i loro amici, parenti ed amanti varie, e poi i loro allievi preferiti, quelli cioè che avevano fatto loro ignobilmente i portaborse per anni o che avevano concesso loro favori di ogni genere, anche di ordine sessuale. L’università è sempre stata un vero porcile, come ha scritto in un suo libro un docente mio amico, anch’egli come il sottoscritto rimasto fuori dalla carriera universitaria proprio per non volersi sottomettere a quel sistema mafioso che ancor oggi è vivo e vegeto. Perciò non c’è da meravigliarsi: chi oggi si occupa dei concorsi universitari e ne denuncia le irregolarità credendo di fare uno scoop (come si suol dire) in realtà scopre l’acqua calda, perché le cose in quell’ambito sono sempre andate così.
A tal proposito ricordo ancora, perché non me lo posso dimenticare per la sua gravità, un episodio che mi riguarda personalmente accaduto qualche tempo dopo la mia laurea, nei primi anni ’80. Anch’io, come altri giovani studiosi, mi illudevo di poter accedere alla carriera universitaria e già da allora ne avevo tutti i titoli, comprese pubblicazioni scientifiche di filologia greca che avevo iniziato a comporre ancor prima della laurea. Venuto a sapere di un concorso per ricercatore che si teneva in un ateneo dell’Italia centrale, che non era però quello in cui mi ero laureato, decisi di partecipare e compilai accuratamente la domanda con il curriculum e tutte le mie referenze. Ma ecco che due giorni prima di recarmi in questa città per sostenere le prove concorsuali ricevetti una telefonata da un docente di cui avevo seguito i corsi e da cui avevo ricevuto grandi lodi. Questa persona, informata della mia intenzione, mi avvertì per telefono dicendomi che quel concorso aveva già un vincitore, e quindi l’unico risultato che avrei ottenuto recandomi in quella città sarebbe stato quello di ammirarne le bellezze achitettoniche. La mia reazione fu indignata e decisi di non partecipare più a quel concorso, né ad altri che furono indetti dopo quello; diressi invece il mio interesse verso l’insegnamento nei Licei, dove entrai poco tempo dopo vincendo brillantemente il concorso ordinario a cattedre del 1983/84. E dell’ambiente universitario, proprio per il marcio che vi regna, non ho sentito più alcuna nostalgia.
Mi pare difficile, se non impossibile, porre rimedio a questa situazione. Istituire commissioni a livello nazionale risolve ben poco, perché i commissari saranno comunque docenti universitari che continueranno a sistemare i portaborse dei loro colleghi per vedere a loro volta sistemati i propri. Con questo sistema entrano in ruolo dei veri e propri incompetenti, che non avrebbero meritato neppure una cattedra alla scuola media inferiore. E se anche ciò è vero solo in alcuni casi, mentre in altri i vincitori dei concorsi sono persone degne di quel ruolo, ciò non sposta più di tanto il problema: il fatto cioè che chi vince il concorso possa essere competente non esclude che in lizza per quel posto vi possano essere stati candidati ancor più competenti che invece restano fuori. Ma nel nostro Paese le cose vanno così da tempo immemorabile, se pure è vero che già presso gli antichi Romani esistevano i nepotismi e le raccomandazioni: abbiamo lettere di Cicerone e di Plinio, per citare due autori abbastanza famosi, che non si fanno scrupolo a raccomandare i loro pupilli ai potenti di turno. Questa mentalità, mutatis mutandis, si è purtroppo perpetuata fino ad oggi, ed è veramente da ingenui meravigliarsene. Temo quindi che non si possa trovare alcun rimedio ai mali della nostra università, un ambiente che mi ha disgustato quasi quarant’anni fa e che ancor oggi continua a disgustarmi, tanto che non vi ho più messo piede. Questo è il rimedio che io personalmente ho trovato e che applico come un principio di vita, quello cioè di restare del tutto estraneo a ciò che non è accettato dalla mia coscienza.

Annunci

3 commenti

Archiviato in Attualità, Scuola e didattica

I giovani e la lingua italiana

Ieri 6 febbraio ricorreva il mio compleanno, ma non intendo parlarne perché ormai, alla mia età, i tradizionali auguri vanno sostituiti con le condoglianze. Mi riferirò invece ad un evento recentissimo che mi coinvolge come docente liceale e riguarda tutto il nostro sistema educativo. Qualche giorno fa è stata diramata la notizia che ben 600 professori universitari hanno rivolto un appello al Ministero dell’istruzione perché provveda a porre rimedio a un vero e proprio disastro, il fatto cioè che circa il 70% (quota approssimativa) dei giovani italiani che si iscrivono all’Università non sa leggere correttamente un testo scritto in italiano, né comporre un periodo articolato e sintatticamente corretto. Beh, verrebbe da dire, finalmente il re è nudo, si è posta cioè all’attenzione pubblica una situazione che già da tempo conoscevamo e della quale rendono ampia testimonianza internet ed in particolare i social network come facebook: leggendo infatti i commenti che lì vengono postati, ci troviamo di fronte ad una serie impressionante di errori sintattici, morfologici e ortografici, oltre all’impiego di un lessico banale, limitato e molto spesso improprio.
Dato per certo il problema in sé, che però a mio giudizio è di portata un po’ inferiore rispetto alla presentazione catastrofica che ne è stata fatta, sarà opportuno cercare di individuarne le cause, perché senza conoscere le cause di un fenomeno è ben difficile trovarne i rimedi. Sull’argomento già altri hanno espresso le loro opinioni, e quindi anch’io mi sento libero di esternare la mia in questa sede, senza pretendere di dire verità assolute e incontrovertibili. I docenti universitari, con quell’atteggiamento di supponenza nei nostri confronti che molto spesso li caratterizza, gettano la croce addosso a tutto il sistema scolastico precedente, compresi i corsi liceali; ma proprio su questo punto io intendo esprimere il mio totale dissenso, perché i vari Licei italiani avranno sì tante pecche e tante mancanze, ma l’insegnamento delle strutture morfosintattiche e ortografiche basilari della lingua italiana non spetta certo a noi bensì alla scuola primaria di primo e di secondo grado, ossia, per impiegare termini che tutti comprendono, alla scuola elementare e media inferiore. E’ in quegli otto anni che il bambino (o fanciullo come si diceva una volta) deve apprendere a leggere correttamente, a scrivere senza errori di ortografia, a comporre periodi più o meno complessi e coerenti sul piano sintattico e contenutistico. Se un alunno arriva al liceo e compie ancora errori grossolani nell’impiego della lingua ben poco si può fare al riguardo; se scrive “sensa” invece di “senza” e “ha scrivere” invece che “a scrivere”, se usa impropriamente i pronomi come “gli” invece di “le” o “loro” o l’orribile “piuttosto che” in luogo di “oppure”, manterrà queste perle fino all’università e oltre perché i vizi, come dice Quintiliano, una volta acquisiti da bambini e protratti nel tempo sono difficilissimi da abbandonare, ed è pacifico che sono i primi anni di esperienza scolastica ad essere preposti a trasmettere le conoscenze fondamentali della propria lingua.
Detto ciò, quali sono gli eventi che possiamo indicare quali cause di questa Caporetto linguistica? Io penso anzitutto a tutte quelle politiche, adottate dai vari governi succedutisi negli ultimi 40 anni, che hanno dato avvio e compimento ad un processo di progressivo smantellamento della scuola tradizionale e della disciplina che in precedenza vi si osservava. Tutto questo cammino verso la rovina ha avuto inizio, sempre secondo il mio personale parere, con il tanto celebrato movimento del ’68, un evento ormai passato da quasi cinquant’anni ma i cui effetti, ad opera della mentalità e delle leggi che ne sono derivate, durano fino ad oggi, anche perché molti attuali insegnanti si sono formati con maestri a loro volta influenzati dal clima che allora si respirava. Le idee sessantottine sono a tutti note: vietato bocciare (perché la bocciatura era ritenuta discriminante nei confronti delle classi sociali più deboli, secondo la pedagogia spicciola del tanto osannato don Milani), via la disciplina e l’autorità del professore perché classiste, abolizione dei “vecchi” metodi fondati sullo studio grammaticale e linguistico, ritenuti allora inutili e vessatori. Le disposizioni di legge che, varate in quel periodo (diciamo dal 1969 al 1977), sono ancora vigenti nella scuola attuale, hanno fatto piazza pulita di esercizi come il dettato ortografico, il tema, il riassunto, considerati residui di un metodo arcaico di insegnare la lingua, sostituendoli con altre tipologie e togliendo anche ore di lezione prima dedicate all’italiano per consentire la realizzazione di progetti, lavori di gruppo e altre amenità simili, che hanno progressivamente ed ulteriormente eroso la didattica tradizionale. A queste novità si sono affiancate anche le norme che miravano all’inserimento degli alunni portatori di handicap e degli stranieri, che magari sono stati ammessi nelle classi ordinarie senza sapere una parola di italiano, senza un corso propedeutico sulla lingua che sarebbe invece stato ineludibile; di qui le ulteriori difficoltà per i docenti e per i ragazzi normodotati, perché se è vero che questi nuovi alunni avevano ed hanno il diritto di essere accolti nella scuola e trattati con la dovuta attenzione, è però anche indubitabile il fatto che la loro presenza ha costretto gli insegnanti a cambiare il loro metodo di lavoro ed ha rallentato il normale svolgimento dei programmi. A ciò va aggiunto che l’antico mantra sessantottino del “sei politico” e della promozione data anche agli asini è stato fatto proprio da tutti i ministri succedutisi negli anni, indipendentemente dalla loro appartenenza politica; ed è chiaro che la promozione praticamente garantita a tutti ha fatto sì che l’impegno degli alunni per ottenere un’adeguata preparazione è costantemente diminuito e la massificazione verso il basso di intere generazioni ha preso campo sempre di più. Perciò mi pare assurdo che i nostri politici, dopo averci imposto per decenni leggi buoniste e permissive, dopo averci praticamente costretto a promuovere tutti nel nome del detto “non uno di meno”, oggi ci vengano a dire che i giovani non sanno leggere e scrivere. Si facciano il mea culpa piuttosto e cerchino di guardare bene a dove sono le vere responsabilità. A tutto ciò si è poi aggiunta la generale disistima che la società attuale, come possiamo constatare anche attraverso i mezzi di informazione, nutre nei confronti della cultura: gli errori sintattici, ortografici e lessicali ormai non vengono più neanche fatti notare, anzi persino i personaggi televisivi e i giornalisti li compiono abitualmente o quanto meno li lasciano passare sotto silenzio, considerandoli poco importanti e bollando come saccente e “professorino” chi cerca in qualche modo di evitare gli svarioni più grossolani. La civiltà dell’immagine poi, che relega ad un ruolo del tutto secondario il testo scritto e la capacità di parola, ha fatto il resto. Siamo in una società incivile, dove l’analfabetismo di ritorno la fa da padrone e l’ignoranza non è più biasimata, anzi talora persino lodata e da taluni fatta divenire addirittura un vanto. Quindi perché stupirsi se i nostri giovani non leggono più, se hanno un lessico limitato a poche centinaia di parole e se non riescono a comporre un periodo organicamente strutturato? Oggi contano soltanto l’inglese e l’informatica, quindi la lingua italiana usata correttamente è ormai considerata un residuo del passato, roba per topi di biblioteca.
In questa tragica situazione io di rimedi ne vedo ben pochi, e quelli che potrebbero esservi, oltretutto, sono destinati a restare lettera morta perché nessuno avrà mai il coraggio di applicarli. Con buona pace dei “progressisti”, dei buonisti e dei residuati del ’68 che purtroppo esistono anche oggi, l’unico rimedio a questa situazione sarebbe quello di tornare alla scuola primaria di un tempo, con meno progetti e più ore di lezione dedicate allo studio della lingua (morfologia, analisi logica, analisi del periodo ecc.), meno inglese ed informatica e più italiano (giacché mi pare ovvio che la conoscenza della propria lingua madre sia prioritaria rispetto a quella di una lingua straniera), ripristino del dettato ortografico, dei riassunti e dei temi tradizionali. Occorrerebbe poi tornare ad una scuola più selettiva, prevedendo la possibilità di bocciare anche alla primaria, perché per un bambino che non riesce a raggiungere gli obiettivi base previsti per la sua classe è molto meglio ripetere un anno anziché doversi sobbarcare, con una promozione non meritata, un lavoro gravoso e insostenibile che lo espone oltretutto a delusioni e frustrazioni. E poi, ultimo ma non ultimo, occorrerebbe limitare di molto l’uso degli smartphone, dei tablets ed in generale di tutti gli strumenti elettronici che distruggono la memoria e le facoltà intuitive dei giovani fornendo loro immagini e messaggi già pronti senza stimolare le loro qualità. Al posto di queste meraviglie tecnologiche io propongo di reintrodurre la centralità del testo scritto, indurre i giovani a leggere e riflettere su quanto leggono, e farlo attraverso i libri cartacei, tesori insostituibili di cultura. Ma tutto ciò, come ripeto, è pura teoria, anzi pura fantasia: la storia non torna mai indietro, neanche quando si accorge di essere finita in un vicolo cieco.

11 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica, Scuola e didattica, Uncategorized

Come scegliere la facoltà universitaria

Tra pochi mesi i nostri alunni dei Licei dovranno decidere “cosa faranno da grandi”, cioè cosa intendono fare nella propria vita dopo la conclusione degli studi secondari. Ad eccezione di pochi casi, la grande maggioranza degli studenti liceali opterà per una Facoltà universitaria, più o meno coerente con l’indirizzo che hanno frequentato per cinque anni. In tutte le scuole esistono ormai dei servizi di orientamento per gli studenti, che li inducono a visitare centri universitari o ad assistere a conferenze di docenti che fanno pubblicità per la loro “parrocchia” così come facciamo noi con i ragazzi delle terze medie; ma la decisione è spesso condizionata da altri fattori, primo tra tutti la possibilità di inserirsi poi nel mondo del lavoro, trovare cioè un’occupazione che garantisca il più possibile il benessere economico.
Io non ho ancora saputo dagli alunni della mia quinta quali siano le opzioni prevalenti, ma mi immagino che il fattore economico giochi nella scelta un ruolo importante, anche perché sostenuto, in quasi tutti i casi, dalle famiglie: i genitori, in altri termini, consigliano sempre ai figli di intraprendere Facoltà considerate di maggior prestigio sociale e capaci di fornire più sbocchi lavorativi, come medicina, ingegneria, informatica, economia e via dicendo. Ben pochi tengono in considerazione quello che dovrebbe essere il criterio fondamentale alla base della scelta, cioè gli interessi personali, le qualità e le propensioni dei loro figli. Mentre una laurea in medicina è gradita a tutti i padri e le madri, perché avere in casa un figlio, una figlia o un genero “signor dottore” dà sempre lustro alla famiglia, avere un letterato o un filosofo significa avere un debito perpetuo, giacché il poveretto o la poveretta sono destinati a restare disoccupati, ed anche qualora trovassero un misero lavoro da impiegato o da insegnante avrebbero comunque uno stipendio da fame. Queste lauree sono quindi considerate una disgrazia per una famiglia. Una volta, almeno, c’era la speranza che la figlia laureata in lettere sposasse un medico o un ingegnere, e così il prestigio della famiglia ne veniva restaurato; ma oggi, quando non si sposa più quasi nessuno e le donne, giustamente, vogliono un’autonomia sociale ed economica, anche questa antica speranza è definitivamente caduta. E allora, cosa consigliare ai nostri studenti?
Intanto, prima di esprimere il mio parere in proposito, voglio accennare a quello che ho fatto io nella mia giovinezza. Quando terminai il liceo, nel lontanissimo 1973, i miei genitori erano assolutamente contrari alla mia passione per le lettere classiche, e avrebbero voluto che mi iscrivessi a giurisprudenza, per diventare avvocato come un cugino di mio padre, l’unica persona della famiglia che, prima di me, avesse frequentato una facoltà universitaria. Opponendomi con tutte le mie forze, mi iscrissi a Lettere Classiche e mi laureai brillantemente; poi, dopo qualche anno di precariato, vinsi il concorso ordinario e ottenni la cattedra di Latino e Greco nel triennio del Liceo Classico, cattedra che conservo a tutt’oggi e della quale sono sommamente orgoglioso. Ho poi continuato, durante gli anni di insegnamento a scuola, a praticare attività di ricerca nel mio settore, pubblicando saggi e libri divulgativi e scolastici, cosa che non avrei certamente potuto fare se fossi stato assorbito, magari per otto ore al giorno, in un altro lavoro. Così, senza alcun rimpianto e con estrema sincerità affermo che non mi pento affatto di questa scelta, anzi, se tornassi indietro farei la stessa cosa; e ciò perché sono fermamente convinto che la miglior gratificazione della persona, la miglior realizzazione dell’individuo consista nel seguire le proprie passioni e le proprie inclinazioni, anche a costo di guadagnare meno di altri o di tribolare un po’ di più per trovare una sistemazione. Io mi sento totalmente realizzato dalla mia professione di docente di Liceo, perché era proprio ciò che volevo fare nella vita, perché non è un lavoro meccanico né ripetitivo, perché mi consente di avere del tempo libero per dedicarmi ai miei interessi culturali e per un’infinità di altre ragioni. Ci può essere nella vita qualcosa di più bello di poter fare ciò che si è sempre desiderato? E ci può essere, di converso, un supplizio più atroce che essere costretti per tutta la vita a fare una professione che non ci piace, alla quale siamo stati costretti dall’ambizione dei nostri genitori? E l’aspetto economico è davvero così importante nella vita? Non è forse meglio guadagnare meno ma avere comunque una vita dignitosa ed esserne soddisfatti piuttosto che guadagnare molto ma essere sempre scontenti e frustrati?
Con questa convinzione, che è fermissima in me più di ogni altra, io consiglio sempre ai miei alunni di scegliere la Facoltà che più piace loro ed alla quale si sentono più inclini, perché a mio parere è meglio per la società avere un professore o un filosofo bravi piuttosto che un medico o un ingegnere mediocri. Per sostenere questa mia tesi, oltre ovviamente all’esempio personale, porto altre due argomentazioni. La prima è che la società attuale, nonostante la sbornia informatica e tecnicistica che da tempo la inquina, non ha bisogno solo di tecnici e di scienziati, ma anche di laureati in materie umanistiche, poiché saper parlare e scrivere bene, saper presentare un proprio progetto in modo razionale e convincente, saper argomentare e sostenere i propri punti di vista ed operare con spirito critico le proprie autonome scelte sono qualità ancora indispensabili, qualità che solo una cultura umanistica sa formare e trasmettere. La seconda ragione per scegliere ciò che si ama senza lasciarsi attrarre dai miraggi e dai falsi miti del guadagno e del successo è ancor più semplice, anzi semplicistica: consiste cioè nel constatare che oggigiorno nessuna Facoltà universitaria, data la situazione economica attuale, può dare la certezza di un impiego, né tanto meno di un’elevata remunerazione. Ragion per cui scegliere ciò che ci piace, senza tener conto d’altro, finisce per essere la scelta più intelligente ed anche più utile.

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Politica scolastica, Scuola e didattica

Scuola e Università: perché tante disparità?

Nel leggere i contributi sui siti e forum dei vari siti internet circa le folli proposte del sottosegretario Reggi in materia di scuola e di orario di servizio dei docenti, mi sono imbattuto in un articolo di Marina Boscaino sul “Fatto quotidiano” che mi pare bene affrontare il problema. Non è mia intenzione commentare qui l’assurdità di certe idee come quella di tenere le scuole aperte fino alle 22 per tutto l’anno o quella di portare a 36 ore l’orario di lavoro dei docenti, che evidentemente questo governo considera ancora “fannulloni” o per compiacere l’opinione pubblica o forse per ignoranza, visto che non sanno che molto spesso i professori lavorano anche più di quel limite. Mi è venuto in mente invece un altro aspetto del problema, presente in alcuni commenti all’articolo della sig.ra Boscaino.
A questo proposito mi chiedo: perché i vari governi succedutisi negli ultimi 20 anni hanno sempre manifestato la volontà di intervenire sui presunti “privilegi” degli insegnanti, che farebbero solo 18 ore settimanali (ma quando mai?), e nessuno ha mai pensato, neppure di striscio, ad intervenire sui privilegi (quelli sì, autentici e dimostrabili!) dei ricercatori e dei professori universitari? Costoro arrivano a ricoprire quei ruoli (non sempre, per carità, ma spesso sì) con concorsi dalla dubbia regolarità, grazie a favoritismi e nepotismi vergognosi i quali fanno sì che il prof. Tizio chieda al collega Caio di sistemargli il suo alunno X, e di rimando il prof. Caio chieda al collega Tizio di sistemargli il suo alunno Y; e non solo, ma spesso i posti di insegnamento all’università, con lauto stipendio pagato dai cittadini contribuenti, vengono distribuiti in base alle parentele, tanto che il prof. Tizio, autorevole luminare e barone indiscusso della sua facoltà, sistema nei ruoli la moglie, i figli, i cognati, i fratelli, gli amici ecc. Arrivano così a ricoprire cattedre molto ben remunerate autentici incompetenti, dei quali tutti noi abbiamo fatto esperienza durante i nostri corsi di laurea. Ci sono poi anche facoltà e dipartimenti dove i docenti e i ricercatori sono tutti imparentati tra loro. Come è successo? Chissà!
Ma, tornando a parlare dell’orario, si pretende che i docenti della scuola facciano 36 ore. Benissimo. Ma allora perché non imporre questo orario di servizio anche al personale universitario? Attualmente ricercatori e professori universitari svolgono sì e no 6 ore di insegnamento alla settimana, con la scusa di dover effettuare un lavoro di ricerca importante per le sorti del Paese. Ma chi controlla l’effettivo svolgimento di questa attività? Esistono indubbiamente docenti che si applicano intensamente alla ricerca e sono rispettabili e benemeriti, nessuno lo nega; ma ci sono anche altri che pubblicano forse un articoletto ogni cinque anni, spesso saccheggiando le tesi degli studenti, e nessuno li controlla e li caccia come sarebbe giusto fare. Esistono ricercatori che si presentano in facoltà solo al momento di ritirare lo stipendio, e questo è sempre stato sotto gli occhi di tutti. Ecco che i nostri ministri e sottosegretari si accaniscono contro i professori di Liceo, spesso più preparati e con più titoli dei colleghi universitari, e nulla fanno per limitare i privilegi e gli stipendi di questi ultimi, almeno quelli chiaramente immeritati.
E c’è un’altra cosa da aggiungere: il governo considera l’università come giudice insindacabile della scuola, dato che i concorsi e le iniziative di formazione dei professori della scuola (intendo le varie SSIS, TFA ecc.) vengono sempre affidati a docenti universitari, i quali non hanno la minima competenza e la minima conoscenza della scuola e dei suoi problemi. Lo stesso fanno le case editrici, nell’affidare a luminari accademici la compilazione dei libri di testo per la scuola, con cui poi, inevitabilmente, gli alunni si trovano male, perché vi viene impiegato un linguaggio non adatto a loro e contenuti spesso specialistici e pressoché inutilizzabili. Sarebbe il momento di rendersi conto, invece, che ciò che riguarda i Licei dovrebbe essere affidato a docenti di Liceo di provata esperienza, e non agli universitari che non sanno nulla della scuola. Il reclutamento dei professori (ed a maggior ragione il tirocinio) dovrebbe essere affidato, a mio parere, a commissioni formate da docenti liceali o anche ai singoli Istituti, i cui Dirigenti e docenti anziani avrebbero competenze infinitamente superiori a quelle degli universitari per stabilire quali siano le conoscenze, le competenze e l’impostazione didattica necessarie per insegnare in una scuola superiore.

10 commenti

Archiviato in Politica scolastica, Scuola e didattica

Umanesimo costruttivo o umanesimo pedante?

Come più volte ho scritto su questo blog, la crisi degli studi umanistici in Italia – e di conseguenza quella delle iscrizioni al Liceo Classico – si è molto accentuata in questi ultimi anni, e viene quindi spontaneo tentare almeno di individuarne le cause. So che su questo tema mi sto ripetendo, almeno in parte; ma la cosa mi sta talmente a cuore che non posso fare a meno di riflettere ancora sul problema.
Oltre quanto scritto in un post di qualche tempo fa intitolato “A chi giova la crisi del Liceo Classico?”, mi viene da aggiungere una ulteriore riflessione, suggeritatami da un articolo su un quotidiano locale scritto da un collega docente di un liceo della mia provincia.
In questo articolo vengono ribadite da un lato le motivazioni già ampiamente rilevate (la crisi economica, la fede incrollabile attuale nella tecnologia, la perdita di certi valori etico-sociali ecc.) su cui non mette conto ritornare, ma dall’altro si puntualizzano anche le responsabilità dei docenti stessi del Liceo Classico, specie del triennio conclusivo, i quali, anziché far gustare la bellezza eterna dei classici ed il loro valore storico e culturale, si perdono in minuzie di tipo linguistico, stilistico, retorico ecc., annoiando i giovani ed impedendo loro di cogliere l’autentico messaggio degli autori antichi.
Ora, fatte le dovute eccezioni e guardando oggettivamente ai fatti, occorre ammettere che, da un punto di vista generale, il collega ha ragione: studiando Omero, Platone, Virgilio e Tacito, maestri eterni di millenni di cultura, non dovremmo limitarci, come alcuni fanno, a sottolineare le particolarità dialettali o le regole metriche, ma far comoprendere agli studenti, nella loro complessità, l’importanza globale del messaggio culturale che questi grandi autori hanno trasmesso, come dimostra la loro cospicua eredità esercitatasi non solo in letteratura ma anche in altri campi dell’arte quali la pittura, la musica e persino la scienza. Di recente, tanto per fare un solo esempio, è uscito un bel libro di Piergiorgio Odifreddi su Lucrezio, nel quale l’autore mette in evidenza la straordinaria modernità, anche dal punto di vista delle scienze naturali e della fisica, del grande poeta antico.
Questo ho sempre cercato di fare con i miei alunni, e sono stato sempre sensibile al problema: di recente, come si può leggere in questo blog, ho postato una vibrante protesta contro l’estrema specializzazione degli studiosi universitari, molto spesso dediti a minuzie formali trovate in autori del tutto secondari e sconosciuti. Sarebbe invece necessario e opportuno un collegamento diretto tra scuola superiore e università, cominciando da un’impostazione diversa dei corsi accademici, che dovrebbero riguardare grandi autori e movimenti letterari del mondo antico, argomenti che fossero poi collegati ai programmi liceali; e soltanto in questo caso la frequenza dei corsi universitari sarebbe veramente utile a chi poi dovrà insegnare nella scuola.
L’articolo del collega mi ha fortemente colpito e, come ho detto sopra, gli ho dato ragione. Però c’è da fare una piccola parziale obiezione: che cioè gli aspetti formali degli autori antichi (specie i poeti) non sono così distaccati dal valore letterario complessivo della loro opera. Ad esclusione dei formalismi puri e semplici che incontriamo in alcuni periodi della tarda antichità (v. i “poetae novelli” ad esempio), per gli autori classici la forma era sostanza, nel senso che il valore artistico e letterario di un’opera non era valutato soltanto in base al contenuto espresso, ma anche tenendo conto dello stile, della lingua, del lessico, della metrica ecc., le quali erano componenti essenziali del prodotto letterario. Faccio solo un esempio: nella descrizione di certi ambienti i poeti latini (v. Lucrezio e soprattutto Virgilio) impiegano determinati suoni vocalici e consonantici atti a riprodurre visivamente il luogo dscritto. Così, in occasione della discesa di Enea nel regno dei morti (libro VI dell’Eneide) Virgilio usa costantemente nessi allitteranti con il suono “u”o con il suono “r”, che riproducono mediante la sonorità le caratteristiche dell’ambiente descritto, cavernoso e orrido qual è appunto l’Averno. In tal caso è necessario, a mio giudizio, far notare agli studenti l’intensità di questo procedimento fonosimbolico virgiliano, che non è virtuosismo formale ma elemento essenziale dell’espressione poetica latina, tanto da rendere necessaria, per ben capire il fenomeno, la lettura del testo in lingua originale. Per questo si leggono i classici in latino e greco; altrimenti sarebbe sufficiente procurarsi una buona traduzione e sarebbe risolto per sempre l’annoso problema della fatica dei nostri poveri ragazzi, affannati sul dizionario, di fronte ai testi da tradurre.
Detto ciò, continuo a pensare che il collega autore dell’articolo abbia ragione, e che l’umanesimo dei nostri tempi debba essere costruttivo e non pedante. Altrimenti gli studi classici si riducono, come troppo spesso oggi succede in ambito universitario, a un dialogo tra esperti che “se la cantano e se la suonano” da soli, senza alcun collegamento con il mondo reale.

11 commenti

Archiviato in Arte e letteratura, Politica scolastica, Scuola e didattica

Scuola e università: amici o nemici?

Riprendo a scrivere sul blog dopo un’assenza di alcuni giorni, che mi sembra del tutto giustificata: sono infatti stato impegnato a tempo pieno nella preparazione della mia relazione da tenere ad un convegno internazionale sulla Commedia greca organizzato dall’Università di Firenze, al quale io – semplice docente di Liceo – sono stato invitato. Mi sono dovuto misurare con docenti universitari illustri e ben noti in Italia ed all’estero, e spero di essermela cavata in maniera almeno decorosa; ma un’esperienza di questo tipo, per me che manco dall’ambiente universitario da vari decenni, è servita anche per osservare quel mondo, scoprirne alcuni lati più o meno positivi, confrontarli poi con l’ambito della scuola, nella quale vivo ed opero da oltre trent’anni.
A parte i problemi di ordine logistico ed economico che accomunano i due mondi, vi sono però anche rilevanti divergenze che nessuno cerca di colmare o almeno di attenuare. Il problema che mi sembra più rilevante, comunque, è l’assoluta mancanza di comunicazione e di collaborazione tra scuola e università, ciascuna delle quali procede per la propria strada senza tenere in alcun conto le esigenze dell’altra. I programmi, le metodologie, i rapporti umani e culturali si diversificano fortemente senza alcun collegamento, al punto che gli studenti, al momento del passaggio dal Liceo all’Università, si sentono smarriti e vivono una vera e propria crisi di identità del tutto simile, e spesso ancora più grave, di quella provata nel passaggio dalla scuola primaria a quella secondaria, o dalla scuola media alle superiori. Sarebbe opportuno, a mio parere, cercare di avvicinare queste due realtà creando elementi comuni e contatti più frequenti, in modo da dare agli studenti un più consolante senso di continuità, che favorirebbe anche il successo degli studi ed eviterebbe molti abbandoni.
Cosa si dovrebbe fare, in concreto? Le scuole superiori, dal canto loro, dovrebbero dare agli studenti una maggiore informazione sulle facoltà e gli indirizzi universitari, evitando le scelte affrettate o dettate solo dal miraggio dell’impiego facile e del guadagno, che d’altro canto nessuna laurea può oggi garantire. Sarebbe anche opportuno che gli studi liceali si avvicinassero a quelli accademici nel senso di conferire ai contenuti una maggiore precisione scientifica: ad esempio, per quanto attiene alle letterature classiche e moderne, occorrerebbe dare spazio a elementi di metrica, di critica del testo, di analisi comparata che quasi mai, o per mancanza di tempo o di volontà, si riesce a fare. Ma anche i docenti universitari dovrebbero un po’ cambiare mentalità, abbandonando quel senso di fastidio, di supponenza e di superiorità che spesso provano di fronte ai professori ed agli studenti dei Licei, da loro considerati a priori come inferiori, talvolta persino come poveri ignoranti che non mette conto di rieducare. Questa è la realtà, sebbene non sia opportuno generalizzare; ed è capitato anche a me di invitare docenti universitari a tenere conferenze nel mio Liceo e che costoro si siano limitati ad esprimere quattro nozioncine banali (che noi già conoscevamo benissimo) perché evidentemente, a loro giudizio, non meritavamo di più.
E poi c’è un’altra cosa che le facoltà universitarie, almeno quelle letterarie che conosco meglio, dovrebbero fare: trattare nei loro corsi e nei loro convegni argomenti più generali, più fruibili, argomenti che fanno parte anche dei programmi liceali. Dico questo perché, esaminando i titoli dei vari corsi che i docenti di Lettere Classiche tengono nei loro Atenei, ben di rado capita di sentir parlare di Omero, Platone, Cicerone, Virgilio, o altri autori veramente basilari delle letterature classiche e che si studiano anche a scuola. Quasi sempre invece il loro interesse si indirizza verso autori secondari, quasi sconosciuti, “minori” in tutti i sensi, dei quali oltretutto non viene enucleato il valore storico e letterario generale, ma ci si perde in minuzie riguardanti una variante testuale o la particolare accezione di una parola da loro usata. Un tale livello di specializzazione rischia di diventare un dialogo tra esperti, persone che vivono nella torre d’avorio e che non hanno alcun contatto né con la realtà scolastica né, in generale, con il mondo esterno. Che vantaggio potranno trarre gli studenti da questa estrema specializzazione, che non servirà a nulla nel momento in cui andranno ad insegnare in un Liceo? Si tratta, come diceva un grande latinista del passato qual era Concetto Marchesi, di un pranzo preparato per i cuochi e non per i commensali. Finché certi soloni accademici continueranno a vivere nel loro mondo di sogno, fatto di minuzie, di pedanterie e di polemiche spicciole, nulla di concreto ne verrà alla scuola e nessuna collaborazione potrà veramente instaurarsi. Loro continueranno a guardarci dall’alto in basso e noi continueremo a stigmatizzare la loro supponenza ed astrusità, senza alcun vantaggio per nessuno.

2 commenti

Archiviato in Politica scolastica, Scuola e didattica

Cosa c’è di nuovo nella scuola?

La nomina del nuovo ministro, la prof.ssa Maria Chiara Carrozza, mi ha lasciato quasi del tutto indifferente, anche perché finora non ho mai avuto l’onore di conoscerla; sono venuto a sapere che era la direttrice della prestigiosa Scuola S.Anna di Pisa e che appartiene al Partito Democratico, ma non mi è noto alcun suo contributo per quanto riguarda la scuola primaria e secondaria. Può anche darsi che ne abbia piena conoscenza, ma la cosa, almeno fin qui, non mi risulta; ed il fatto che provenga dal mondo universitario non è una garanzia che sia un buon Ministro dell’istruzione, come dimostra chiaramente l’operato del suo predecessore. I signori del Governo dovrebbero sapere, d’altro canto, che Scuola e Università non sono la stessa cosa, ma hanno invece esigenze e problematiche del tutto diverse, e che l’esser vissuti in un ambiente non vuol dire automaticamente adattarsi anche all’altro, anzi spesso è il contrario. Tuttavia, nonostante i legittimi dubbi, non voglio e non posso esprimere giudizi prima di aver visto all’opera il nuovo Ministro.

Alcune avvisaglie ci sono però, e non mi sembrano positive. In un’intervista rilasciata qualche tempo fa, la prof. Carrozza ha riesumato una vecchia idea della sinistra italiana dimostratasi del tutto fallace, quella del biennio unitario alle superiori. Si tratta di un grossolano errore, un “revival” dell’egalitarismo sessantottino, perché è assurdo far fare lo stesso percorso a ragazzi che frequenteranno un liceo Classico o Scientifico ed a quelli destinati agli istituti professionali. Il mio pensiero è del tutto opposto, nel senso che a me parrebbe opportuno differenziare anche la scuola primaria (com’era ai miei tempi!), introducendo fin dalle medie materie opzionali a seconda del percorso futuro che compirà ogni studente. Ma so che questo non è proponibile, e quindi mi taccio.

Un’altra cosa che mi lascia deluso è la circolare del ministro sugli esami di Stato, in cui si raccomanda di nuovo a presidenti e commissari di sorvegliare affinché gli studenti non copino con il cellulare, escludendoli da tutte le prove se sorpresi ad utilizzare tali apparecchiature. Queste disposizioni c’erano già prima, ed hanno ormai compiutamente dimostrato la loro totale inefficacia, perché gli studenti non sono sciocchi e sanno bene come fare: consegnano un cellulare, magari vecchio e inservibile, e tengono addosso quello nuovo, supertecnologico, con cui si collegano a internet e copiano quanto vogliono. Non possiamo perquisire i ragazzi, né sorvegliarli ininterrottamente per sei ore, questo lo sanno tutti. Tanto eccessiva quanto inefficace, inoltre, è la prescrizione di escludere l’alunno trovato col cellulare da tutte le prove, facendolo quindi bocciare e ripetere l’anno: un provvedimento del genere, proprio perché troppo severo, non viene adottato da nessun presidente di commissione, il quale, anche nel caso di studente colto sul fatto, preferisce far finta di non vedere e lasciar correre, perché non se la sente di rovinare la carriera di una persona per così poco, ed anche perché l’immancabile ricorso al TAR finirebbe per dar ragione al ragazzo e quindi costringere la commissione a riunirsi nuovamente e rifare l’esame. Una minaccia del genere è troppo grave per indurre un presidente ad una misura simile; sarebbe stato molto più assennato, a mio giudizio, prevedere l’esclusione dello studente soltanto dalla prova in cui ha copiato (assegnandogli la valutazione minima, cioè un quindicesimo), ma lasciandogli ugualmente la possibilità di superare l’esame, ovviamente con un voto basso. Ma la vera soluzione del problema, come ho detto altrove, sarebbe quella di dotare le scuole di apparecchiature elettroniche (i cosiddetti disturbatori di frequenze) che impediscono ai cellulari, in un certo raggio, di collegarsi a internet e di comunicare con l’esterno in qualsiasi modo. La cattiva tecnologia si combatte con altrettanta tecnologia, c’è poco da fare. E quanto ai provvedimenti sanzionatori, mi pare chiaro che, come dimostrano le gride manzoniane, val più una norma moderata ma rispettata rispetto ad una severissima ma di fatto mai applicata. Possibile che la storia non abbia insegnato niente ai nostri politici?

2 commenti

Archiviato in Politica scolastica, Scuola e didattica

Un perenne problema scolastico: le interrogazioni

Mi è arrivato in questi giorni un commento ad un mio recente post (Ancora sul decalogo del docente) da parte di una signora, la quale è madre di ragazzi che sono andati o vanno ancora a scuola, ed in più fa la psicologa di professione. In quel commento lei sostiene, con argomenti in parte condivisibili, che le verifiche scolastiche sugli studenti non andrebbero mai programmate, perché altrimenti molti ragazzi, dopo essere restati inoperosi per mesi, si fanno la classica abbuffata di studio uno o due giorni prima dell’interrogazione, con il risultato di acquisire una cultura appiccicaticcia che viene dimenticata subito dopo. A suo parere, quindi, occorre non programmare mai le verifiche, né accettare i cosiddetti “volontari”, ma interrogare ogni qual volta che il professore lo desidera, senza avvertire nessuno, in modo da costringere gli studenti ad uno studio metodico e quotidiano.
Premetto che anch’io molto spesso sono stato assalito dai dubbi che mi rammenta il commento della signora; non mi sfugge di certo che molti studenti, mentre il programma va avanti, non fanno nulla e poi alla fine, quando incombe l’interrogazione, studiano tutto assieme in modo confuso e approssimativo; e so anche che, con il fenomeno dei cosiddetti “volontari”, gli unici che si preparano per quel giorno sono i volontari stessi mentre gli altri fanno la bella vita. Tutto ciò è ben chiaro, ma non è detto che questo sistema non possa cambiare e che gli alunni non possano comprendere che una riflessione quotidiana, anche se non esaustiva, su quanto spiegato al mattino costituisce un metodo di apprendimento molto migliore rispetto alla sfacchinata dell’ultimo momento. E’ un problema di organizzazione personale, che servirà poi anche nella vita al futuro cittadino che per il momento è studente; e sono sicuro che molti miei alunni hanno capito questo e che non si riducono all’ultimo giorno. Se poi c’è qualcuno che lo fa se ne prenderà le conseguenze, anche perché un docente con esperienza si accorge se la preparazione acquisita dal ragazzo è consolidata oppure raccogliticcia. Un indizio sicuro di quest’ultimo caso si verifica quando l’alunno confonde i concetti o i dati tra loro: se ad es. viene posta una domanda su Manzoni e lo studente gli attribuisce le Operette morali significa che si è preparato all’ultimo momento e non ha riflettuto su ciò che studiava.
In alcuni casi io non concedo ai miei alunni interrogazioni programmate, in altri sì, e per un motivo semplice: negli ultimi periodi del quadrimestre, soprattutto quando si avvicina il termine dell’anno scolastico, gli studenti sono bersagliati da verifiche e interrogazioni a ritmo battente, in tutte le materie del loro curriculum. Se tutti i docenti interrogassero a sorpresa, senza avvertire e senza programmare, gli studenti uscirebbero di senno, non avrebbero la minima possibilità di organizzare il loro lavoro. Facciamo un paragone con il mondo degli adulti: se un avvocato fosse consultato contemporaneamente da otto o dieci clienti, ognuno dei quali avesse un caso particolare da esporgli che richiede riflessione, consultazione di codici, leggi ecc., e pretendesse una risposta immediata, come farebbe il malcapitato ad accontentare tutti? Si può pretendere dagli studenti, che sono ragazzi con i loro problemi e spesso gravati anche da ansia e da uno stato emotivo non proprio invidiabile, che nello stesso periodo di venti, trenta giorni siano pronti a riferire sul programma di dieci materie, magari affrontando due o tre verifiche nello stesso giorno? Si può anche pretendere, ma bisogna concedere loro la possibilità di organizzarsi nello studio e di conoscere il momento in cui saranno sentiti nelle varie discipline; altrimenti si crea un disagio psicologico che non può che dare esiti negativi. Si sa che i giovani di oggi soffrono di insicurezza e fragilità emotiva, provocata anche da una società che concede loro tutto ma non li abitua ad affrontare le difficoltà; la scuola deve assolvere questo compito, preparare gli studenti alla vita futura, ma non può farlo incutendo il timore, diffondendo la paura delle verifiche a sorpresa, una vera forma di terrorismo psicologico. Programmando le interrogazioni non togliamo nulla agli alunni, che comunque debbono studiare tutto il programma e su tutto vengono verificati; ma al tempo stesso diamo loro la possibilità di organizzare il loro lavoro e di affrontarlo nel modo più responsabile. Del resto è pacifico che quando i nostri ragazzi saranno all’Università conosceranno sempre in anticipo le date degli esami; perché non possiamo fare lo stesso anche noi? E poi io credo anche in un altro principio: che il ricordare o meno i contenuti culturali non dipende soltanto dalle modalità con cui vengono studiati, ma dall’interesse e dalla passione che lo studente mette nel proprio lavoro. Se un giovane (ma anche un adulto!) legge un libro o anche una sola pagina in maniera svogliata, con fastidio e senza il vero desiderio di apprendere, dimentica tutto in breve tempo; se invece si lascia guidare da curiosità intellettuale e vero entusiasmo per ciò che studia, se lo ricorderà per sempre. Il nostro compito di docenti, perciò, non è tanto quello di fare interrogazioni programmate o meno, ma quello di far comprendere ai nostri studenti che la cultura è essenziale nella formazione e nella vita futura di ogni giovane, che ciò che si studia a scuola non è necessariamente inutile o noioso. Se noi riusciremo a trasmettere agli alunni il nostro amore per la cultura, se ci mostreremo noi stessi entusiasti di ciò che diciamo e facciamo, avremo raggiunto il più alto obiettivo che la nostra professione può e deve prefiggersi.

Su questo ed altri spunti di riflessione presenti nel post gradirei di conoscere l’opinione dei lettori, che sono quindi invitati a lasciare un commento nello spazio sottostante.

18 commenti

Archiviato in Politica scolastica, Scuola e didattica

Il declino del Liceo Classico

Leggendo, in questi giorni, i dati emanati dal MIUR sulle iscrizioni alla scuola secondaria superiore per il prossimo anno scolastico 2013/14, si nota che a livello nazionale risultano in aumento gli istituti tecnici e professionali, mentre nell’ambito dei Licei, l’unico incremento significativo è quello dello scientifico delle scienze applicate. Non buoni sono invece i risultati dei Licei tradizionali, ed in particolare quello del Liceo Classico, per il quale risulta in calo la percentuale degli iscritti a livello nazionale, con un passaggio dal 6,7% del totale al 6,1%; se poi consideriamo che, attorno agli anni 2005-2007, la percentuale dei ragazzi che sceglievano il Classico era intorno al 10% del totale, il declino appare ancor più chiaro e inarrestabile,con un’accentuazione in questi ultimi due o tre anni.
Quali le cause di questo mancato gradimento degli studi classici e della cultura umanistica, che pure ha costituito da sempre la culla della nostra civiltà? In parte possiamo chiamare in causa la crisi economica, che induce le famiglie a ritornare al vecchio concetto del diploma da utilizzare dopo cinque anni di studi, senza dover affrontare l’Università, che come tutti sanno è molto dispendiosa; e questa motivazione può essere chiamata in causa per tutti i Licei, non solo per il Classico, cioè tutte le scuole che presuppongono, come naturale esito del proprio percorso formativo, la prosecuzione degli studi in ambito universitario. A ciò si è aggiunta però, per volontà del nostro Ministero e del ministro Profumo, una insistente propaganda, effettuata anche mediante spot televisivi, a favore degli istituti tecnici e professionali. Io considero vergognosa e bugiarda questa propaganda: vergognosa perché un ministro della Repubblica non deve mai favorire un ordine di scuole rispetto ad un altro, e illusoria perché con questi spot si è lasciata intravedere per i diplomati un’immediata immissione nel mondo del lavoro, un’affermazione che è pura e semplice fantasia, considerato l’attuale tasso di disoccupazione giovanile, che, se è elevato per i laureati, è elevatissimo per i diplomati, il cui inserimento nell’attività produttiva è sempre più problematico.
Ma per quanto attiene al Liceo Classico le cause del declino sono ancor più variegate. A quelle sopra descritte va aggiunta anche la superficialità della società moderna, che non tiene più in alcun conto la cultura e la formazione umana dei nostri giovani. Si tratta, nel caso specifico delle discipline umanistiche, di una formazione lenta e graduale, i cui frutti non si colgono subito, ma nel corso degli anni e durante l’intero percorso dell’esistenza: una mente che funziona, che mediante lo studio del passato sa comprendere il presente e programmare il futuro, che sa ragionare autonomamente e compiere in piena libertà intellettuale le proprie scelte, non si forma in poco tempo, né con poca fatica. Ma questi princìpi, che per noi uomini alle soglie della terza età e da sempre cresciuti con questo tipo di cultura sono ovvi e scontati, non lo sono per i giovani di oggi, figli della società del “tutto e subito” e alimentati con la tecnologia della tv e del computer, anch’essa peraltro vissuta passivamente e superficialmente da chi passa le sue giornate su facebook o su twitter. I ragazzi di oggi, condizionati dall’ignoranza dei mass-media, dei politici e dei ministri stessi, i quali fanno intendere che per realizzarsi nella vita è sufficiente saper usare un tablet o sapere l’inglese, non comprendono più nemmeno l’importanza ed il valore della cultura umanistica, e perciò non prendono più neanche in considerazione l’idea di frequentare un Liceo Classico. La loro è pura ignoranza, l’ignoranza di chi è inconsapevole del valore di certi studi e perciò li rifiuta a priori. A ciò si aggiunge il fatto che studiare il latino e il greco (oltre ovviamente alle altre materie) richiede tempo e impegno costante, una fatica che i giovani di oggi non sono più disposti a sostenere; e non solo perché non ne comprendono il valore e l’utilità, ma anche perché è la società stessa a distoglierli, una società dove chi meno si impegna e più si fa furbo ottiene i maggiori successi. Non va poi trascurato che quelle scuole a cui si iscrive la maggior parte degli studenti attuali richiedono un tempo dedicato allo studio molto inferiore a quello richiesto da un Liceo Classico, mentre ad un tale disimpegno totale o parziale corrispondono, nella maggior parte dei casi, valutazioni più alte sia negli esiti dei singoli anni di studio sia in occasione dell’esame di Stato. Non ci vuole molto a capire, con tali premesse, il motivo per cui i ragazzi di terza media, interrogati sulla scelta della scuola superiore, storcono il naso quando si nomina loro il Liceo Classico e pongono all’interlocutore varie domande, tra le quali le più frequenti sono due: “A cosa servono il latino e il greco?”, e “Perché dovrei studiare tanto per avere voti più bassi di quelli che avrò in altre scuole studiando meno?”. Già: perché dovrebbero sacrificare la loro gioventù, i loro anni migliori, sui libri? Andiamoglielo a spiegare, con gli esempi che si vedono oggi in questa nostra società, a cominciare da quelli che ci fornisce la nostra classe politica.

12 commenti

Archiviato in Attualità, Scuola e didattica

L’ignoranza, la follia e la dittatura

Non avevo intenzione di scrivere alcun post in questo periodo, ma la sciagurata proposta fatta da questo governo di “tecnici” inserita nella legge di stabilità, ossia la volontà di aumentare di un terzo (da 18 a 24 ore settimanali) l’orario dei docenti delle scuole superiori, mi costringe ad intervenire, se non altro per sfogare l’odio e la rabbia che nutro per questo governo non eletto da nessuno e per questo ministro, il sig. Profumo, per il quale ho un disprezzo e una disistima che mai ho provato per nessun altro dei suoi predecessori. Un ministro che, dopo la nomina, ha passato almeno sei mesi senza fare praticamente nulla per la scuola e che poi, quando si è deciso a mettersi in gioco, ha fatto una serie di dichiarazioni ed ha preso decisioni che rivelano senza ombra di dubbio la più totale incompetenza rispetto a quelli che sono i problemi della scuola.

L’aumento dell’orario di servizio dei docenti, a dirlo così senza conoscere la realtà, può apparire anche come una cosa giusta, visto che l’opinione pubblica (e anche alcuni politici come l’ex ministro Brunetta e gli attuali “tecnici”) ci considerano lavoratori a mezzo servizio, o per meglio dire, “part time”. Ma lor signori non sanno che 18 ore di lezione, con classi ed alunni sempre più difficili, con la necessità quotidiana di confrontarsi con delle persone e con i loro diversi caratteri, con il compito non solo di trasmettere conoscenze ma anche di interessare gli alunni, coinvolgerli, comprenderli ecc., tutto questo fa sì che le nostre 18 ore equivalgano almeno alle 30 o 36 degli impiegati pubblici, che stanno dinanzi ad un computer a scrivere e magari si rilassano chiaccherando e facendo la pausa caffé. Se non foss’altro, ciò che dimostra l’usura psicologica che il nostro lavoro determina è un dato oggettivo: gli insegnanti sono in assoluto la categoria che più soffre lo stress e che più di ogni altra deve ricorrere a cure psichiatriche. C’è poi da dire – dovrebbe essere ovvio ma c’è ancora qualcuno che non lo sa – che le 18 ore frontali sono soltanto una parte del nostro lavoro, e che almeno altrettante ore sono dedicate alla correzione degli elaborati degli alunni, alla preparazione delle lezioni, alle riunioni, all’aggiornamento e via dicendo. Io sottoscritto dichiaro, e sono pronto a dimostrarlo, di lavorare fra tutto almeno 40 ore settimanali per la scuola, se non addirittura di più.

Ciò che fa drizzare i capelli sulla testa è che queste cose non siano chiare non tanto al popolino, che per definizione è ignorante, ma ai signori del Governo, i quali sono tutti esimi professori, banchieri, economisti di livello mondiale, a partire dal sig. Monti. Costoro non sono mai andati a scuola? Non si rendono conto dell’impegno richiesto dal nostro lavoro? Possibile che siano così ignoranti e incompetenti? Sì, perché folle e sconsiderata è questa proposta, che nessun altro ministro aveva neppure pensato in precedenza.  Ma c’è di più: questi signori non sanno neppure lontanamente dove abita la democrazia. Quando si è mai vista una categoria alla quale, senza concertazione sindacale e senza alcuna consultazione, si aumenta di un terzo l’orario di servizio senza alcun aumento di stipendio? Provino a farlo con i metalmeccanici o con gli autoferrotranvieri! Sarebbe la rivoluzione, il blocco totale del Paese. Costoro sono cani da pagliaio, che tremano di fronte ai forti e infieriscono sui deboli, su una categoria che sanno essere divisa e incapace di prendere iniziative efficaci di protesta. Ma questa volta si sbagliano, perché i docenti non staranno a guardare, si ribelleranno contro una manovra degna delle peggiori dittature e che tradisce un contratto di lavoro firmato da ambo le parti. Che esiste a fare la Costituzione, da tutti invocata? Provvedimenti di questo tipo li adottavano Hitler o Stalin, e forse neppure loro, se ne sarebbero vergognati.

Mi dicano poi, questi signori del governo, come si potrebbe realizzare ciò che hanno in mente, cioè portare l’orario dei docenti da 18 a 24 ore settimanali. Innanzitutto, se tutti dovessero avere una cattedra di 24 ore, sarebbe impossibile stilare l’orario delle lezioni, perché le sovrapposizioni sarebbero inevitabili. Inoltre, con che criterio verrebbero distribuiti gli spezzoni orario? Nessuno ce l’ha detto. E ancora: se una supplenza, mettiamo per maternità, inizia nel mese di febbraio, com’è possibile affidare quelle ore a docenti che hanno già la loro cattedra e che quindi si sovrapporrebbero per molte ore alla cattedra della docente da sostituire? Dovremmo modificare l’orario tutti i mesi, anzi tutte le settimane, tanto che la didattica diventerebbe di fatto impraticabile. Hanno pensato, lor signori, all’organizzazione pratica di quanto vanno farneticando? E tutto ciò per risparmiare denaro? Ma della qualità dell’istruzione, della formazione delle generazioni future, non interessa nulla a nessuno? Possibile che persone laureate e investite di cariche importanti siano così miopi, non vedano neppure davanti al loro naso?

Se veramente c’è bisogno di risparmiare denaro pubblico – e non intendo contestare questo – si prendano altri provvedimenti, a cominciare dai costi della politica, delle amministrazioni locali (tutti hanno visto quel che accade oggi nelle regioni Lazio, Lombardia e altre), dei vari enti inutili che ancora ammorbano questo paese. Nel settore dell’istruzione ci sarebbe sì qualcosa da tagliare, ma non sulla pelle dei docenti delle scuole superiori, che già hanno dato e danno abbastanza. Se proprio vogliono aumentare l’orario di servizio di qualcuno, lo aumentino ai docenti universitari, che spesso insegnano per 3 ore alla settimana, con la scusa di dover svolgere un’attività di ricerca che spesso non svolgono affatto. e che comunque nessuno controlla. I privilegi dei baroni universitari sono sotto gli occhi di tutti; il problema è che i componenti di questo scellerato governo vengono proprio da quell’ambiente corrotto e clientelare che è l’Università italiana, e le decisioni che prendono ce lo dimostrano senza ombra di dubbio.

2 commenti

Archiviato in Politica scolastica