Archivi tag: Plauto

Echi antichi nei programmi TV

So di dire una banalità, ma pensando ai vari programmi di intrattenimento che ci propina attualmente la tv  mi è tornato in mente un pensiero che mi è presente da tanto tempo: che cioè i moderni si vantano di aver scoperto cose nuove quando invece, mutatis mutandis, esse non sono altro che una ripresa di ciò che, sia pure in forma diversa, esisteva già da prima. In questa ottica mi risparmio gli esempi illustri che spesso vengono arrecati per certe scoperte ritenute moderne e presenti invece già nel mondo antico (la forza del vapore, il sistema eliocentrico ecc.) e preferisco concentrarmi su concetti di importanza molto minore, come sono quelli relativi ai programmi televisivi attuali.
Tutti o quasi, io credo, sanno che cosa sono le cosiddette soap opera, cioè quegli sceneggiati a puntate che durano anche molti anni, nel seguire i quali si trovano invischiate tutte le persone che, per aver visto una puntata o due, sono poi praticamente costrette a continuarne la visione per vedere “come va a finire”; e di questi lunghissimi sceneggiati, dalle migliaia di puntate, ve ne sono alcuni d’oltre oceano come “Dallas” e “Dinasty”, ed altri prodotti qui da noi come “Vivere” o “Un posto al sole”, trasmesso da Rai 3. Gli autori di questi polpettoni, costretti ad inventare sempre nuove vicende per attrarre il pubblico e prolungare così all’infinito le puntate da trasmettere, si servono a piene mani (anche se forse inconsapevolmente) di espedienti narrativi che risalgono ad alcuni generi delle letterature classiche come la commedia di Menandro (poeta greco) e dei suoi emuli romani Plauto e Terenzio: bambini che vengono abbandonati e che poi da adulti ritrovano i loro veri genitori, ragazze sedotte che partoriscono figli di cui è ignoto il padre, caratteri umani con tratti totalizzanti come l’avaro, il misantropo, il padre severo, l’amico che aiuta il protagonista a realizzare il suo sogno d’amore (nella commedia antica era spesso il servo, ma tant’è, i tempi cambiano!), storie a lieto fine che si concludono con un matrimonio. Sembra strano a pensarci, ma le acquisizioni della grande letteratura, che hanno le loro radici nel mondo antico – pur se contemperate con le loro riprese in epoca successiva – influenzano anche generi diversi di intrattenimento e di spettacolo, come sono appunto oggi il cinema e la televisione. E non mi si dica che il livello culturale attuale è molto inferiore a quello dei modelli, perché questo è evidente; ma quello che vorrei affermare è che, nonostante il diverso grado di elevatezza artistica e la diversa destinazione dei contenuti, esiste comunque un filo conduttore che collega il mondo classico alle varie manifestazioni dello spettacolo moderno.
Un altro esempio a mio avviso illuminante riguarda i programmi di tipo pseudo-giudiziario, come il classico “Forum” di Canale 5 e il più recente “Torto o ragione” di Rai 1. In queste trasmissioni si dibattono cause, quasi sempre palesemente false e recitate da attori, in cui c’è un giudice arbitro o una giuria che, dopo aver ascoltato le parti in causa, emette il suo verdetto. Ed è proprio la falsità di queste cause “costruite” ad arte per avvincere il pubblico che collega questo genere di programmi con uno degli esercizi più un voga nelle antiche scuole di retorica, tra cui fu eccelsa quella diretta da Seneca il Vecchio, padre del celebre filosofo: le cosiddette controversiae,  finti processi che si tenevano in queste scuole, dove gli avvocati dell’accusa e della difesa si esibivano nelle loro arringhe davanti a un giudice che poi emetteva la sentenza. Il procedimento, cui va aggiunto lo scopo ludico di questo tipo di esercitazioni, corrisponde molto da vicino a quello delle trasmissioni televisive moderne, che dovrebbero servire a interessare il pubblico ma anche a mostrare situazioni che, pur non vere, sono comunque verosimili e potrebbero quindi verificarsi nella vita quotidiana. Gli esercizi antichi, oltre a intrattenere il pubblico, erano finalizzati soprattutto alla formazione degli oratori, oggi francamente non più attuale; ma il procedimento è più o meno analogo, e questo mostra come anche nelle manifestazioni culturali meno eccelse, come sono appunto i programmi della nostra tv, ci sia comunque una matrice più profonda ed un legame – sia pure indiretto – con il mondo classico, nel quale dobbiamo sempre ricercare le radici della nostra umanità e del nostro essere uomini moderni e civili. Per questo lo studio delle lingue e delle letterature classiche non va mai abbandonato, perché se perdiamo le nostre origini e le nostre tradizioni perdiamo noi stessi e sprofondiamo rapidamente nel buio della barbarie e dell’ignoranza.

Annunci

4 commenti

Archiviato in Attualità, Scuola e didattica

Come svolgere i programmi scolastici

Siamo all’inizio dell’anno scolastico, e come sempre dobbiamo compilare e presentare la nostra programmazione individuale, gli argomenti cioè delle nostre materie che intendiamo svolgere nel corso dei prossimi mesi, da adesso fino a giugno. Di solito la previsione di svolgimento dei programmi ci viene richiesta per singoli quadrimestri o trimestri ma anche, in alcune scuole, mese per mese: dovremmo quindi prevedere quali contenuti intendiamo svolgere a settembre, ad ottobre e così via fino al termine dell’anno scolastico. Di per sé la cosa è abbastanza facile, basta suddividere nei vari periodi il programma previsto per l’intero anno; ma nella pratica dei fatti queste previsioni si rivelano quasi sempre ottimistiche, dal momento che non riusciamo se non raramente a rispettare la tabella di marcia, ed alla fine ci ritroviamo arretrati, nel senso che alcuni argomenti non sono stati svolti e vengono rimandati all’anno successivo.
Perché avvengono questi ritardi? Solitamente le cause sono due; quindi non molte, ma molto frequenti. La prima è la situazione di base delle classi in cui insegniamo e la capacità ricettiva degli studenti: accade infatti che in qualche classe il lavoro può procedere speditamente perché gli alunni apprendono in fretta ed accettano di buon grado quel che il docente assegna loro in fatto di studio individuale ed esercizi correlati a quanto spiegato, mentre in altre emergono difficoltà di ogni genere (frequenti assenze, richieste di ripetere quanto già illustrato, esercizi che “non tornano” e debbono essere ripetuti ecc.) in grado di provocare un inevitabile rallentamento del ritmo didattico. La seconda causa del mancato rispetto delle previsioni sono le numerose ore di lezione che si perdono per le più svariate ragioni: vacanze, “ponti”, condizioni meterologiche avverse ecc., ma anche e soprattutto per le varie attività concesse o proposte dalla scuola, quali viaggi di istruzione, visite a mostre e musei, assemblee, conferenze, lezioni di persone esterne alla scuola, spettacoli teatrali e chi ne ha più ne metta. Oggi la scuola non è più quella dei tempi nostri, che s’identificava quasi totalmente con la lezione in classe, sebbene i giorni di festività nel complesso fossero più di adesso; nella concezione attuale la scuola è diventata più che altro un centro culturale, dove la lezione classica del docente è soltanto una delle varie attività, alla quale se ne aggiungono molte altre, e nei modi più svariati. E se un docente si azzarda a protestare per le ore di lezione che gli vengono sottratte, si sente rispondere che le attività collaterali o parascolastiche sono utili e che costituiscono occasioni preziose di apprendimento di cui gli studenti, soprattutto nei centri di provincia, non potrebbero usufruire in altro modo. Si è anche proposto di spostare al pomeriggio alcune attività per non depauperare l’orario delle lezioni al mattino, ma anche qui ci si sente rispondere che la maggior parte degli studenti è pendolare e che non può trattenersi nel pomeriggio. Comunque vada, è sempre la lezione curriculare ad essere sacrificata, ed è chiaro quindi che non sia possibile rispettare del tutto le buone intenzioni del docente e la programmazione effettuata all’inizio dell’anno.
Sulle modalità di svolgimento dei programmi c’è poi un sostanziale dissenso tra i docenti, che su questo punto si suddividono in due categorie: coloro che tendono a svolgere tutti gli argomenti previsti, anche a costo di trattarli con minore approfondimento (ed in questo novero si riconosce il sottoscritto) e coloro che invece si attardano sugli autori o sui problemi di loro maggior gradimento, magari approfondendoli con letture aggiuntive, percorsi tematici o altro che sia; così facendo, però, finiscono inevitabilmente per restare indietro e non concludere i programmi previsti, perché il tempo a disposizione è sempre quello e le varie attività prima elencate ne fanno perdere molto. A questo proposito io voglio fare una considerazione: la scuola superiore (nel mio caso il liceo Classico, ma anche le altre) deve fornire agli studenti una preparazione globale su programmi di vasta estensione, dei quali è necessario ch’essi ricordino gli aspetti fondamentali, senza la necessità di diventare degli esperti o dei tecnici delle materie, un compito che spetterà poi agli studi universitari. E’ del tutto fuori luogo, tanto per fare un esempio, che un insegnante di storia, che magari è profondo conoscitore del periodo giolittiano stia fermo per quattro mesi su quel periodo e che poi, per mancanza di tempo, non riesca a trattare la seconda guerra mondiale, la guerra fredda, o altri argomenti indispensabili per la cultura generale che un liceo deve fornire ai ragazzi. L’approfondimento specialistico di un unico argomento, i percorsi tematici ecc. sono propri dei corsi universitari, dove magari in un intero semestre viene trattato un solo autore o un solo periodo storico, perché si presuppone (spesso a torto) che gli altri siano già conosciuti; ma la scuola superiore non ha questo compito scientifico e specialistico, bensì quello di fornire una conoscenza generale di tutti gli argomenti previsti per quell’anno scolastico per le singole discipline. Anch’io ho le mie preferenze, e se fosse possibile vorrei stare un intero anno a parlare di Lucrezio o di Virgilio, per nominare due autori che mi stanno particolarmente a cuore; ma se così facessi gli alunni saprebbero tutto di questi due e non saprebbero nulla degli altri. E questo, almeno in base alla mia pluridecennale esperienza d’insegnamento, mi sembra profondamente errato.

16 commenti

Archiviato in Politica scolastica, Scuola e didattica

I profeti di sventure non mancano mai

Chi sono i profeti di sventure? Quelli che si lamentano di tutto, che dicono e ribadiscono che non va bene nulla e che finiremo tutti sul lastrico a chiedere l’elemosina, o qualcosa di simile. Sono le Cassandre del XXI secolo, una specie di individui che in Italia ha sempre prosperato e continua ancor oggi a prolificare. Basta accendere la tv e seguire un programma di attualità e ci rendiamo conto che questi gufi non mancano mai e non cessano di ripetere il loro lugubre ritornello: che tutti i politici sono ladri, mafiosi e delinquenti, che l’economia va malissimo, che le tasse ci soffocheranno, che moriremo di fame in breve tempo, e altre belle profezie di questo tipo. Questa abitudine al disfattismo e al pessimismo cosmico è un male tipicamente italiano, di un popolo cioè che non ha fiducia in niente ed in nessuno, e che sa solo lamentarsi e gettare sugli altri tutte le colpe possibili e immaginabili; non è così negli altri paesi, dove i cittadini si chiedono – caso mai – cosa possono fare loro per migliorare la situazione, non piangersi addosso e continuare a pronosticare guai e sciagure. Qualche anno fa questa abitudine era solita contraddistinguere la sinistra nostrana, che al tempo del governo di centro-destra seguitava a prevedere mali e disgrazie di ogni risma, tanto che Berlusconi ebbe a definire queste voci, provenienti dagli uomini e dagli organi di informazione di partito, le “Cassandre della sinistra”. La definizione è azzeccata, perché nella mitologia greca Cassandra era appunto una profetessa che aveva avuto dagli dèi un singolare destino: sapeva prevedere il futuro ma era condannata a non essere mai creduta. Così accade anche nell'”Agamennone” di Eschilo, dove Cassandra, ormai schiava del condottiero greco, prevede in una scena del forte pathos la morte sua e del suo padrone, ma come al solito non viene creduta e va incontro quindi alla propria triste sorte. Dev’essere dura, senza dubbio, prevedere eventi importanti e non ricevere credito da nessuno!
Le Cassandre di oggi, invece, fanno breccia nella mente dei cittadini italiani, ormai votati al disfattismo e all’idea della rovina totale, tanto da fidarsi – alle elezioni – di avventurieri senza scrupoli e senza idee come i sostenitori di Beppe Grillo, che ha fatto dello sfascismo la propria bandiera politica. I suoi servitori in Parlamento non trattano con nessuno, non si confrontano con nessuno, sono capaci solo di urlare, contestare e insultare gli altri al grido di “tutti a casa”, come se potesse esistere una democrazia senza politici e senza partiti. Si tratta di una deriva pericolosa ed eversiva alla quale i cittadini, se hanno un po’ di intelligenza e di coscienza, si dovrebbero ribellare sdegnosamente, anziché ascoltare i proclami deliranti dei paladini a 5 stelle, le Cassandre del nostro tempo. Nonostante sia palese l’inconsistenza totale di questo movimento, la tv continua a dare spazio a Grillo, al suo blog, ai suoi comizi da tribuno gracchiante, anziché rinfacciargli le menzogne di cui si riempie la bocca ad ogni pié sospinto. Ne ricordo una sola: nella primavera dell’anno scorso (2013) Grillo disse (anzi urlò) con la sua solita istrionica sicurezza che lo Stato non aveva fondi per pagare i suoi dipendenti e che quindi, da settembre in poi, non sarebbero più stati corrisposti i nostri stipendi. Invece, come ognuno può constatare, gli stipendi sono stati pagati regolarmente fino ad oggi, compreso il prossimo del corrente mese di aprile 2014. Perché nessuno rinfaccia a questo soggetto le sue fanfaronate degne del “Miles gloriosus” di Plauto, e tante persone continuano ad ascoltarlo come fosse un Messia, quando è soltanto un ciarlatano privo di ogni credibilità?
In questi mesi siamo dinanzi ai primi segnali di ripresa dell’economia, che non vanno sottovalutati; anzi, i dati positivi debbono essere seguiti dall’impegno e dalla collaborazione di tutti, facendola finita una buona volta con questo vittimismo e questo disfattismo che purtroppo – per colpa del movimento grillino ma non solo – continua a prosperare con tanta vigoria, proprio perché appartiene ai caratteri genetici dell’italiano medio, sempre pronto a lamentarsi, a piangersi addosso, a lasciarsi andare al più nero pessimismo. Io invece, dal canto mio, voglio sperare che la situazione generale del nostro Paese possa migliorare, soprattutto per i giovani, che hanno il sacrosanto diritto di trovare un lavoro e vivere serenamente la propria vita senza dover emigrare all’estero. Dobbiamo avere fiducia in qualcosa o in qualcuno, altrimenti tutto precipita del baratro del nichilismo, da cui non ci risolleveremo mai. Il tentativo di Matteo Renzi, giovane e promettente leader politico, va seguito con attenzione e fiducia, perché certamente è diverso da quelli che l’hanno preceduto. Può darsi che fallisca anche lui, non c’è dubbio; ma almeno lasciamolo tentare, aspettiamo a giudicarlo almeno per qualche mese prima di emettere le solite sentenze di condanna definitiva che vengono pronunciate, aprioristicamente, su tutti i politici. I 5 stelle hanno già cominciato a dargli del venditore di pentole e del mentitore, prima ancora di vedere cosa realmente farà; ma certo loro possono farlo, il loro profeta Grillo ha la presunzione di giudicare tutti e tutti, di vedere la pagliuzza nell’occhio degli altri senza vedere la trave che è nel suo. Per me lui e il suo movimento non sono altro che delle Cassandre, non perché siano veramente profeti, ma perché non credo a nessuna delle loro parole, anzi dei loro guaiti e dei loro ululati da lupi in gabbia.

3 commenti

Archiviato in Attualità