Archivi tag: pensioni

Che fine ha fatto la “par condicio”?

Nella mia vita ho avuto occasione di assistere a molte campagne elettorali, per consultazioni di ogni tipo; ma quella di quest’anno, per le elezioni politiche del prossimo 4 marzo, mi sembra diversa dalle altre, connotata in modo particolare. Tanto per cominciare non mi pare rispettata nel suo spirito di base la legge sulla cosiddetta “par condicio”, che imporrebbe la parità tra tutti i leaders politici per quanto concerne lo spazio propagandistico loro riservato in televisione e negli altri organi di informazione. Le testate giornalistiche, a mio parere, non dovrebbero essere escluse da questo principio, dovrebbero quindi essere al di sopra delle parti e non prendere posizioni faziose, concedendo pari spazio e dignità a tutti i partiti che si presentano alle elezioni; ma così non è, perché certi quotidiani e altri periodici, pur non essendo ufficialmente organi di nessun partito, continuano imperterriti a fare pubblicità per l’una o l’altra delle parti politiche, attaccando spesso brutalmente quelli che considerano i loro avversari. Passando agli esempi pratici, mi pare piuttosto squallido che un quotidiano a larga diffusione nazionale come “Repubblica” stia di fatto facendo campagna elettorale a favore del PD e contro la compagine di centro-destra, accusata di continuo con i soliti marchi infamanti del razzismo e del fascismo. Questo atteggiamento si potrebbe tollerare in un giornale di partito, come l'”Unità” o il “Manifesto”, ma non in un quotidiano nazionale che dovrebbe stare super partes. Anche le TV nazionali, però, non scherzano; la Rai è tutta dalla parte del governo e dei partiti che lo sostengono, come si vede dal rilievo dato alla ripresa economica, alle leggi sul lavoro e sui diritti sociali ecc.; e soprattutto si nota dai continui attacchi contro il centro-destra e contro il Movimento Cinque Stelle, dato che ogni sera i vari TG1, 2 e 3 non mancano di ribadire i disservizi ed i problemi crescenti della città di Roma, proprio perché amministrata da un sindaco di quel gruppo politico. Non da meno è la 7, la televisione a diffusione nazionale che accoglie giornalisti e conduttori di primo piano come Lilli Gruber, Massimo Giletti, Formigli, Travaglio ed altri ancora. Qui assistiamo invece all’apoteosi dei grillini, presentati come salvatori della patria e unici “puri” in un mondo di corrotti e di mafiosi. Nulla di più falso.
Un’altra caratteristica di questa campagna elettorale anomala è la mancanza di confronti diretti tra i leaders dei partiti, i quali preferiscono essere intervistati da soli oppure, al massimo, inviano al dibattito qualche collega di loro fiducia, ma senza partecipare direttamente. Anche qui le varie televisioni offrono vantaggi consistenti ai 5 stelle, che vengono invitati sempre a parlare senza contraddittorio e sono quindi liberi di sproloquiare a loro piacimento, convincendo purtroppo molti ascoltatori. Il leader Di Maio, che non è certo nato con un cuor di leone (per parafrasare il buon Manzoni, che costui certamente non conosce) ha sempre evitato i confronti, nella consapevolezza della propria inferiorità culturale, e ha dato buca ogni volta che l’aveva promesso. Anche questo è un segno di imbarbarimento del costume sociale: se non si dialoga, non ci si confronta ma si preferisce fare il comizio da soli, significa che la democrazia è in pericolo, perché il pluralismo ed il confronto di idee sono alla base della vita democratica di un Paese civile.
Gli esponenti delle varie parti politiche, anziché confrontarsi e dialogare, si accusano e si insultano, e anche questo non è certo un buon segno. Il livore e l’odio per il “nemico”, residuo di vecchie ideologie, continuano purtroppo a imperversare. Lo dimostrano i fatti di Macerata, dove l’azione individuale di un pazzo che ha sparato per le strade è stata ignobilmente strumentalizzata da una parte della sinistra per le solite insulse accuse di razzismo e di “fascismo” contro gli avversari. Veramente qualcuno più intelligente c’è stato, come il segretario del PD Renzi, il quale si è rifiutato di aderire a questa campagna diffamatoria; ma molti esponenti della sinistra, come la signora Boldrini o lo scrittore Saviano, hanno ben rivelato la loro natura di sciacalli, quest’ultimo addirittura attribuendo al segretario della lega Salvini la responsabilità morale di quanto avvenuto a Macerata. Io sfido chiunque a sostenere che Salvini o altri del centro-destra abbiano mai detto che occorre sparare per strada agli extracomunitari; hanno detto solo che è necessario espellere i clandestini e che l’Italia non può accollarsi da sola il peso di milioni di immigrati che arrivano qua senza arte né parte e che finiscono per delinquere e rendere insicura la vita a noi italiani, che fino a prova contraria siamo a casa nostra. Del resto è ben chiaro ed evidente che le cose stanno così: gli stranieri che lavorano onestamente vanno rispettati e considerati cittadini a tutti gli effetti, ma quelli che delinquono debbono essere rimandati subito a casa loro, non essere mantenuti negli alberghi da una politica dissennata che ha preferito questa gente a molti italiani, costretti a vivere con pensioni inferiori a 500 euro mensili.
Una cosa che accomuna invece questa campagna elettorale alle precedenti è la gran quantità di promesse che gli esponenti politici fanno ai cittadini per strappare qualche voto in più; mi sembra anzi che adesso di sparate grosse come case se ne facciano anche più di prima. Anche sotto questo aspetto i campioni sono senz’altro i grillini, che finora hanno saputo soltanto urlare e insultare gli avversari dicendo pregiudizialmente di no a tutto e a tutti, e adesso si mettono invece a fare promesse roboanti ai quali solo gli stupidotti possono credere. Si va dal “reddito di cittadinanza”, che costerebbe 50 miliardi all’anno (dove li trovano, nelle tasche di Grillo?) e che oltretutto pagherebbe le persone per non fare nulla, fino alla promessa di abolire la legge Fornero, di aumentare le pensioni a tutti e finanziare le imprese abbassando le tasse, una promessa questa che però è comune anche ad altri partiti. Ora io mi chiedo: ma si sono accorti costoro che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, come dice un antico proverbio? A dire sempre di no, a trattare tutti da mafiosi ed a fare promesse mirabolanti non occorre una grande scienza; ma quando si tratta di realizzare quanto promesso, quando occorre trovare le risorse economiche che non ci sono, allora la musica cambia. Se questi dilettanti della politica, che hanno dato finora prova di una totale incompetenza, dovessero malauguratamente arrivare al potere, si accorgerebbero ben presto di quanto la protesta fine a se stessa sia stupida e inconcludente, e di quanto sia difficile mantenere ciò che si è promesso con tanta enfasi. Ma prima di loro ci renderemmo conto noi di quanto il nostro Paese sia finito in un vicolo cieco, di come sia passato in breve tempo dalla padella nella brace.

Annunci

3 commenti

Archiviato in Attualità

La questione delle pensioni

Nei dibattiti televisivi di questi giorni si fa un gran parlare del problema delle pensioni e di cosa fare per cambiare la situazione attuale. Diversi argomenti sono in discussione, dalla necessità di adeguare le pensioni minime ad una cifra che consenta ai beneficiari di vivere con più agio, ai futuri trattamenti di quiescenza per i giovani di oggi (destinati tra qualche decennio a ricevere un assegno misero), fino alla questione dell’età pensionabile, oggettivamente troppo alta in Italia con la riforma Fornero, dopo che il nostro Paese è stato per molto tempo quello di Bengodi, visto che qualche tempo fa si consentiva alle persone di ritirarsi dal lavoro a 40 anni o anche prima. Siamo passati, come spesso accade, da un estremo all’altro; evidentemente la medietas aristotelica ed oraziana è sconosciuta ai nostri politici.
Il problema, che fino a qualche anno fa nemmeno consideravo, adesso comincia ad interessarmi, perché sono molto vicino al momento in cui dovrò ritirarmi in pensione; perciò esprimero’ qualche osservazione a proposito di tre argomenti. Primo punto: ritengo che l’età del ritito dal lavoro non dovrebbe essere fissa ma flessibile, perché non siamo tutti uguali e non svolgiamo tutti la medesima attività: sarebbe opportuno stabilire un minimo ed un massimo (ad es. da 60 a 68 anni), in modo che ciascuno potesse scegliere ciò che più gli conviene, ovviamente con una consistenza diversa dell’assegno, senza tuttavia grosse disparita’. Perché costringere chi è stanco e provato a restare al lavoro fino a 67 anni come avviene oggi? E, d’altro canto, perché impedire a chi lavora volentieri e si sente ancora utile alla società di restare finché le forze glielo permettono?
La seconda riflessione riguarda i cosiddetti “lavori usuranti”, una definizione con la quale i personaggi televisivi mostrano di intendere attività fisicamente pesanti come quelle del carpentiere, del carrozziere, dell’operaio in catena di montaggio ecc. Nel pieno rispetto di queste ed altre professioni, io dico però che la fatica lavorativa non è soltanto fisica ma anche mentale, come dimostra il fatto che la nostra categoria, quella degli insegnanti, ricorre più di ogni altra alle cure di psicologi e psichiatri, ad onta dell’opinione pubblica che ci vuole nullafacenti, o poco più. In questa ottica mi pare che possano essere spiegati (non giustificati, per carità!) alcuni spiacevoli episodi di cronaca riguardanti le violenze sui bambini commesse da alcune maestre. Lo stress che si accumula per tanti anni, purtroppo, può causare fatti del genere, che ovviamente ci auguriamo che non accadano mai.
Il terzo punto riguarda il problema economico, poiché ogni intervento sulle pensioni comporta una maggiore spesa, una cifra che varia nelle previsioni da due a sei miliardi di euro. Dove trovarli? Io qualche idea ce l’avrei. In primo luogo si potrebbero operare significativi risparmi sulla spesa pubblica, ad esempio le amministrazioni: è forse logico che una cittadina come Perugia, tanto per fare un nome, abbia i consigli comunale, provinciale e regionale, con tutto ciò che comporta in termini di stipendi, manutenzione degli edifici, consulenze ecc.? Basterebbe la metà dei costi attuali. Un’altra cosa da fare è combattere seriamente l’evasione fiscale, che ogni anno sottrae alla comunità una cifra che si aggira sui 90 miliardi di euro. È mai possibile che paghino le tasse sempre i soliti noti, mentre i gioiellieri, così per fare un esempio, dichiarano in media al fisco 10 mila euro lordi all’anno, e molti imprenditori dichiarano di guadagnare meno dei loro operai? È una farsa sconcia, che un governo serio dovrebbe far finire prima possibile. In terzo luogo si potrebbero tassare i grandi patrimoni e quei liberi professionisti come ingegneri, avvocati e medici specialisti, che speculano sulla salute dei pazienti facendosi pagare cifre altissime spesso senza neanche emettere la ricevuta fiscale. Molti di loro sono anche professori universitari e cumulano il lauto stipendio statale coi guadagni privati. Il doppio lavoro non dovrebbe essere consentito, ma visto che lo è facciamo almeno in modo che queste persone paghino le tasse in modo adeguato. I soldi, se lo si vuole, si trovano; il problema è che quel che manca è proprio la volontà, mentre gli interessi privati e la paura di perdere il potere impediscono ogni miglioramento. Stiamo ancora aspettando un governo che abbia il coraggio di passare ai fatti senza limitarsi agli annunci e alle parole. Chissà se arriverà mai?

1 Commento

Archiviato in Attualità

Le donne al Parlamento

Il momento attuale di campagna elettorale, quando tutti (o quasi) i partiti fanno a gara per accaparrarsi i voti dei cittadini, concede una particolare attenzione all’elettorato femminile, facendo a gara per inserire nelle liste quante più donne possibile, quasi che questa fosse la soluzione principe dei problemi del nostro Paese. Il Partito Democratico, in tale ottica, ha stabilito addirittura una quota precisa (il 40 per cento) per le rappresentanti del gentil sesso da eleggere nel nuovo Parlamento.

Questo curioso atteggiamento intellettuale mi ha fatto venire in mente una celebre opera del commediografo greco Aristofane (ca. 445-380 a.C.), le Ecclesiazuse (“Le donne al Parlamento”), rappresentata ad Atene nel 392 a.C.   Quivi il poeta, deluso da tanti anni di guerra e di sfacelo politico e sociale delle istituzioni della sua città, immagina che il potere esecutivo, evidentemente mal gestito dagli uomini, venga conquistato dalle donne con un colpo di Stato. Ottenuto così il potere completo le signore ateniesi, guidate da Prassagora moglie di Blepiro, sconvolgono completamente gli ordinamenti precedenti introducendo una sorta di comunismo dei beni e delle donne stesse: ciascun cittadino perciò, ricco o povero, dovrà mettere in comune i propri beni e dedicarsi all’amore libero, senza più regolari matrimoni. Ne deriva una serie di conseguenze grottesche, tipiche della commedia farsesca propria di Aristofane: da un lato i ricchi sono reticenti a mettere in comune i propri averi, dall’altro si verifica una promiscuità sessuale senza precedenti tanto che un povero giovane, che aspirava ad amoreggiare con una ragazza sua coetanea, deve prima soddisfare tre vecchie tanto orrende quanto vogliose, in quanto così stabiliscono le nuove leggi. La commedia è una satira feroce, senza attenuanti: il governo delle donne non si rivela infatti migliore di quello degli uomini, conduce anzi ad un disastro morale ed umano, oltre che politico e sociale. Ovviamente tutto ciò resta sul piano dell’utopia, perché nel pensiero antico non era in alcun modo concepibile la partecipazione delle donne alla conduzione dello Stato, e su quello della risata crassa tipica del genere comico; che poi dietro al riso si nasconda l’angoscia e il disorientamento di chi ha visto la decadenza dei propri ideali, è ovvio. Del resto, tutti i grandi comici hanno adombrato dietro il riso una realtà spesso fortemente tragica.

Per tornare all’epoca nostrana, a me pare che questo interesse per le donne in politica, questa ostinazione a volerle a tutti i costi nella gestione della cosa pubblica, abbia origine da un presupposto errato e sia pertanto, anche se pare il contrario, discriminatoria nei loro confronti. Fissare un giorno di festa dedicato alle donne (l’8 marzo), o anche determinare delle “quote rosa” nelle amministrazioni pubbliche centrali e locali, significa trattare gli esseri umani di sesso femminile come “diversi”, come una particolare categoria differente, e spesso opposta, a quella maschile. Che le donne debbano entrare in Parlamento, come in ogni altro organismo, è giusto e inappuntabile; ma debbono arrivarci per meriti oggettivi, per capacità dimostrate, e non per una “quota” loro riservata, perché decidere a priori che un certo numero di posti è riservato alle donne è come trattarle da inferiori, è paragonabile alla riserva dei posti sugli autobus per gli invalidi o per gli anziani, categorie in certo qual modo protette perché particolari, diverse e disagiate rispetto ai comuni cittadini. L’elezione a tutte le cariche pubbliche e private dovrebbe avvenire sulla base dei meriti individuali, il solo criterio che a mio giudizio dovrebbe valere in ogni campo; che poi questi meriti ce l’abbia un uomo o una donna, è indifferente. Potrebbe pure accadere che in Parlamento entrassero l’80 per cento di donne anziché il 40 come ha deciso il signor Bersani, se i loro meriti fossero di tali proporzioni. Perché limitarle al 40, o al 20, o al 60 o a qualsiasi altra percentuale? Così facendo le si rinchiude in un ghetto, a mio giudizio, in una condizione di “diversità” che non deve esserci in uno stato moderno e civile. Io, se fossi una donna, non sarei affatto felice di questo trattamento, che mi parrebbe una sorta di discriminazione.

E questo ragionamento vale anche per l’età pensionabile, per la quale mi pare assurdo e inaccettabile che le donne siano autorizzate a lasciare il lavoro prima degli uomini. Prima di tutto, non si è invocata a ogni pié sospinto la parità dei sessi e la cosiddetta “pari opportunità”? Se uomini e donne hanno gli stessi diritti sociali, come è sacrosanto, allora non v’è ragione per cui le donne debbano andare in pensione prima. Anzi, se teniamo conto dei dati demografici del nostro Paese, dovrebbe avvenire il contrario, perché risulta che le donne vivono in media 6 anni più degli uomini; quindi dovebbero essere questi ultimi, semmai, a lasciare il lavoro prima, a rigor di logica. A me l’attuale legge pare un’ingiustizia vera e propria ai danni del sesso maschile; ma ormai di disparità nel nostro tempo ce ne sono così tante che, una più o una meno, non ci facciamo più caso.

2 commenti

Archiviato in Attualità

Incipit novus annus!

Siamo arrivati al 2013, un numero che quando ero ragazzo mi pareva lontanissimo, irraggiungibile, separato da me con un abisso incolmabile. E invece il lento ma inesorabile scorrere del tempo ci ha portati fin qua, senza neppure accorgerci di come ci siamo arrivati, almeno le persone della mia età. Su questo tema ricordo una stupenda immagine di Seneca, il quale dice che spesso nella vita siamo come viandanti i quali, stabilita una meta al loro cammino, si accorgono di averla superata solo quando non fanno più a tempo a tornare indietro. Purtroppo indietro non si torna, e quel che ci aspetta nel futuro è quanto mai incerto: la crisi economica è tutt’altro che superata, le condizioni generali di vita tendono a peggiorare, nel nostro ambito specifico (la scuola) non possiamo prevedere nulla di buono nemmeno da un nuovo eventuale governo, visto che per le lobbies dei politici noi docenti siamo un peso economico per lo stato e non produciamo nulla di concreto. Neppure in pensione possiamo andare, visto che la riforma Fornero ci tiene in servizio fino a 66 anni, come ho letto oggi.  Quindi non ci resta che rimetterci al lavoro con impegno e volontà sempre costanti, e con un’esperienza sempre più profonda specie per chi, come il sottoscritto, insegna ormai da 33 anni. L’unica cosa che mi auguro è di conservare quanto più possibile la salute fisica e mentale, perché se viene meno quella tutto si perde. E’ una frase banale, ma è la verità. E allora diamoci la forza per affrontare un nuovo anno, con la speranza che qualcosa di positivo abbia a venirci anche a noi, prima o poi. E mi piace estendere l’augurio a tutti i pochi lettori di questo blog, che spero di poter continuare. Dunque: auguri e buon anno a tutti!

Lascia un commento

Archiviato in Attualità