Archivi tag: pari opportunità

Ancora luoghi comuni sulla scuola e sui docenti

Ho letto poco fa, sul blog del “Gruppo di Firenze” (il link è a fianco tra i “blog che seguo”), i commenti ad un articolo di una certa signora Falco, dirigente scolastica di un Istituto comprensivo di Sesto San Giovanni, la quale tra l’altro dice: “Dovrebbe essere rivisto in ambito contrattuale il profilo professionale dei docenti della scuola pubblica, che non può più delinearsi quale lavoro eminentemente femminile, praticamente part time, a carattere quasi stagionale”.
L’assurdità di queste affermazioni, lesive oltretutto della dignità dei docenti, è stata rilevata da diversi colleghi che hanno commentato l’articolo; e così ho fatto anch’io, inviando questo contributo che intendo qui riproporre.

“La preside Falco, a mio giudizio, non fa altro che riesumare per l’ennesima volta antichi luoghi comuni sessantottini, del tutto distanti dalla realtà attuale. E’ pacifico il fatto – e penso che tutti qui lo riconosciamo – che il nostro lavoro non è affatto part-time e non si limita alle 18 ore settimanali, non credo ci sia bisogno di dimostrarlo ulteriormente. Tenere aperte le scuole il pomeriggio sarebbe un’inutile spesa per lo Stato; e poi, almeno per quanto mi riguarda, io curo la correzione degli elaborati, l’aggiornamento, la preparazione delle lezioni ecc. molto meglio a casa mia, dove ho tutto il necessario, piuttosto che nell’edificio scolastico. Non comprendo questa insistenza assurda, che viene soprattutto dalla sinistra e dal PD, sul voler tenere aperte le scuole al pomeriggio. Cui prodest? A noi no di certo, ma neppure agli alunni: nella mia scuola, ad esempio, abbiamo l’80% di pendolari, che non possono trattenersi oltre l’orario mattutino, tanto per dirne una.
E un’altra cosa poi: basta con questa assurda infatuazione per gli strumenti multimediali, che molti continuano a definire “nuovi” anche se ormai non lo sono più: sono 20 anni che esiste internet, i CD e quant’altro, e più di recente sono arrivate le LIM (spesa inutile a vantaggio esclusivo delle aziende produttrici), gli smartphon e i tablets; ma questi begli aggeggi possono soltanto essere usati come strumenti, non possono sostituire il cervello umano. Lo studio personale dell’alunno è affidato alle sue qualità ed al suo impegno, non certo a un tablet o una LIM. Finché non passerà questa sbornia informatica, che serve solo ad arricchire le aziende produttrici, si perderà sempre di vista il vero fine dell’insegnamento, in nome di una “modernità” che è solo di facciata, e non offre nulla di concreto.
L’unica riforma da fare alla scuola primaria sarebbe quella di tornare ad un insegnamento serio, che dia ai ragazzi gli strumenti concreti di conoscenza della lingua italiana e delle basi della matematica e della lingua straniera. E se qualcuno non raggiunge gli obiettivi minimi prefissati, è giusto che ripeta un anno o due, anche alla scuola primaria o secondaria di primo grado. Una ripetenza non distrugge nessuno, anzi consente di raggiungere con più agio e serenità le conoscenze e le competenze necessarie per il proseguimento degli studi. Saluti. Prof. Massimo Rossi – Montepulciano (Siena)”.

Occorre combattere con forza questi luoghi comuni che purtroppo esistono anche oggi e non fanno altro che squalificare la nostra categoria. E qui intendo contestare anche un’altra affermazione della Falco, quella circa la “femminilizzazione” del corpo insegnante. A parte il fatto che ciò non corrisponde a verità, perché c’è comunque in ogni scuola una parte di docenti uomini; ma poi non vedo che rilievo possa avere oggi, dopo tutte le lotte sostenute per le pari opportunità, un dato di questo tipo: l’efficacia didattica di un insegnante non dipende dal sesso, ma dalla professionalità, dall’impegno costruttivo nel lavoro, dalla personalità culturale e umana di ciascuno, a prescindere dal fatto che sia uomo o donna. Su questo punto si basa invece qualcuno tra i commentatori dell’articolo suddetto, il quale non ha esitato ad asserire che i nostri stipendi sono così miseri perché concepiti per le donne, nel senso che il contributo finanziario della moglie dovrebbe servire solo a integrare quello, ben più consistente, del marito. Ma anche questo è un luogo comune vecchio e ritrito, perché molte donne oggi guadagnano più degli uomini e contribuiscono in misura paritaria, e in molti casi preponderante, agli introiti di una famiglia media. E tanto che ci siamo, voglio contestare anche un altro luogo comune, quello cioè secondo cui il nostro stipendio sarebbe miserevole: è vero che è inferiore a quello di molti colleghi di altri Paesi europei, ma è anche vero che è più o meno in linea con quello di altri dipendenti pubblici di pari grado. Con la crisi economica che stiamo attraversando, non è proprio il momento di lamentarsi, dato che il nostro posto di lavoro – almeno per il momento – è sicuro. Se poi la situazione generale migliorerà, sarà giusto far recuperare alle nostre retribuzioni ai potere d’acquisto che avevano prima della crisi, ma per il momento non credo che si possa realisticamente chiedere molto di più: non perché non sia opportuno, ma perché i soldi non ci sono.

Annunci

8 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica

Le donne al Parlamento

Il momento attuale di campagna elettorale, quando tutti (o quasi) i partiti fanno a gara per accaparrarsi i voti dei cittadini, concede una particolare attenzione all’elettorato femminile, facendo a gara per inserire nelle liste quante più donne possibile, quasi che questa fosse la soluzione principe dei problemi del nostro Paese. Il Partito Democratico, in tale ottica, ha stabilito addirittura una quota precisa (il 40 per cento) per le rappresentanti del gentil sesso da eleggere nel nuovo Parlamento.

Questo curioso atteggiamento intellettuale mi ha fatto venire in mente una celebre opera del commediografo greco Aristofane (ca. 445-380 a.C.), le Ecclesiazuse (“Le donne al Parlamento”), rappresentata ad Atene nel 392 a.C.   Quivi il poeta, deluso da tanti anni di guerra e di sfacelo politico e sociale delle istituzioni della sua città, immagina che il potere esecutivo, evidentemente mal gestito dagli uomini, venga conquistato dalle donne con un colpo di Stato. Ottenuto così il potere completo le signore ateniesi, guidate da Prassagora moglie di Blepiro, sconvolgono completamente gli ordinamenti precedenti introducendo una sorta di comunismo dei beni e delle donne stesse: ciascun cittadino perciò, ricco o povero, dovrà mettere in comune i propri beni e dedicarsi all’amore libero, senza più regolari matrimoni. Ne deriva una serie di conseguenze grottesche, tipiche della commedia farsesca propria di Aristofane: da un lato i ricchi sono reticenti a mettere in comune i propri averi, dall’altro si verifica una promiscuità sessuale senza precedenti tanto che un povero giovane, che aspirava ad amoreggiare con una ragazza sua coetanea, deve prima soddisfare tre vecchie tanto orrende quanto vogliose, in quanto così stabiliscono le nuove leggi. La commedia è una satira feroce, senza attenuanti: il governo delle donne non si rivela infatti migliore di quello degli uomini, conduce anzi ad un disastro morale ed umano, oltre che politico e sociale. Ovviamente tutto ciò resta sul piano dell’utopia, perché nel pensiero antico non era in alcun modo concepibile la partecipazione delle donne alla conduzione dello Stato, e su quello della risata crassa tipica del genere comico; che poi dietro al riso si nasconda l’angoscia e il disorientamento di chi ha visto la decadenza dei propri ideali, è ovvio. Del resto, tutti i grandi comici hanno adombrato dietro il riso una realtà spesso fortemente tragica.

Per tornare all’epoca nostrana, a me pare che questo interesse per le donne in politica, questa ostinazione a volerle a tutti i costi nella gestione della cosa pubblica, abbia origine da un presupposto errato e sia pertanto, anche se pare il contrario, discriminatoria nei loro confronti. Fissare un giorno di festa dedicato alle donne (l’8 marzo), o anche determinare delle “quote rosa” nelle amministrazioni pubbliche centrali e locali, significa trattare gli esseri umani di sesso femminile come “diversi”, come una particolare categoria differente, e spesso opposta, a quella maschile. Che le donne debbano entrare in Parlamento, come in ogni altro organismo, è giusto e inappuntabile; ma debbono arrivarci per meriti oggettivi, per capacità dimostrate, e non per una “quota” loro riservata, perché decidere a priori che un certo numero di posti è riservato alle donne è come trattarle da inferiori, è paragonabile alla riserva dei posti sugli autobus per gli invalidi o per gli anziani, categorie in certo qual modo protette perché particolari, diverse e disagiate rispetto ai comuni cittadini. L’elezione a tutte le cariche pubbliche e private dovrebbe avvenire sulla base dei meriti individuali, il solo criterio che a mio giudizio dovrebbe valere in ogni campo; che poi questi meriti ce l’abbia un uomo o una donna, è indifferente. Potrebbe pure accadere che in Parlamento entrassero l’80 per cento di donne anziché il 40 come ha deciso il signor Bersani, se i loro meriti fossero di tali proporzioni. Perché limitarle al 40, o al 20, o al 60 o a qualsiasi altra percentuale? Così facendo le si rinchiude in un ghetto, a mio giudizio, in una condizione di “diversità” che non deve esserci in uno stato moderno e civile. Io, se fossi una donna, non sarei affatto felice di questo trattamento, che mi parrebbe una sorta di discriminazione.

E questo ragionamento vale anche per l’età pensionabile, per la quale mi pare assurdo e inaccettabile che le donne siano autorizzate a lasciare il lavoro prima degli uomini. Prima di tutto, non si è invocata a ogni pié sospinto la parità dei sessi e la cosiddetta “pari opportunità”? Se uomini e donne hanno gli stessi diritti sociali, come è sacrosanto, allora non v’è ragione per cui le donne debbano andare in pensione prima. Anzi, se teniamo conto dei dati demografici del nostro Paese, dovrebbe avvenire il contrario, perché risulta che le donne vivono in media 6 anni più degli uomini; quindi dovebbero essere questi ultimi, semmai, a lasciare il lavoro prima, a rigor di logica. A me l’attuale legge pare un’ingiustizia vera e propria ai danni del sesso maschile; ma ormai di disparità nel nostro tempo ce ne sono così tante che, una più o una meno, non ci facciamo più caso.

2 commenti

Archiviato in Attualità