Archivi tag: Merkel

Esiste la coscienza nazionale?

La recente scomparsa del Presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ci induce a qualche riflessione circa il suo operato e sull’eredità politica e ideologica che lascia. Senza giudicare nel merito dell’azione di questo personaggio eminente dei nostri tempi, debbo dire che io personalmente gli sono stato e gli sono grato per una fondamentale ragione: per aver tentato di ridare senso al concetto di Patria e di coscienza nazionale, che si era perduto quasi del tutto in precedenza a causa delle farneticazioni sessantottine e della parte politica che le aveva ispirate, tanto che solo pronunciare la parola “Patria” faceva quasi sorridere e pensare a qualcosa di superato o addirittura di reazionario. Il pensiero di Ciampi, pur in un’ottica di partecipazione completa ad una politica europea e internazionale, tendeva al recupero dell’orgoglio del nostro essere italiani, che noi per primi abbiamo volutamente accantonato.
Questo è il punto fondamentale, secondo me: che un popolo che denigra se stesso, che non è orgoglioso delle proprie origini, che ritiene migliori in tutto e per tutto gli altri Paesi in luogo del proprio, è un popolo destinato alla derisione altrui ed al personale fallimento. Se andiamo all’estero vediamo benissimo che la coscienza nazionale esiste, ed è molto sviluppata: gli svizzeri, ad esempio, esibiscono ovunque quella loro brutta bandiera con la croce, gli austriaci e i tedeschi ritengono sempre prevalente il loro interesse rispetto a quello altrui e spesso ci guardano con ironia e disprezzo perché abbiamo un’economia meno forte della loro, gli inglesi sono morbosamente attaccati alle loro inveterate tradizioni, tra cui la monarchia, stupido residuo di sistemi politici ormai tramontati; altrettanto si dica per gli americani, che stanno per scegliere il loro presidente tra due personaggi melensi e impresentabili. E per non parlare dei francesi! Orgogliosissimi della loro lingua, si rifiutano in gran parte di apprendere quelle straniere; guardano agli altri con sufficienza e arroganza, tanto da permettersi anche, in quel loro giornale satirico da quattro soldi, di insultare pesantemente le nostre città colpite dal terremoto e metterci in mezzo la mafia che non c’entra proprio nulla. Un’azione da criminali, con la quale ho finito per sempre di compiangerli per l’attentato che subirono un anno e mezzo fa, che a quanto pare non è servito ad altro che ad aumentare il loro livello di imbecillità.
Tutti i paesi esteri hanno orgoglio e coscienza nazionale; soltanto noi siamo i primi a denigrare il nostro Paese. Basta leggere i giornali o i commenti su internet, e vediamo che sono gli stessi italiani a sproloquiare sulle disfunzioni e i disservizi che ci sono da noi, come se gli aeroporti non venissero chiusi per nebbia anche a Londra o a Parigi, o come se la criminalità, la corruzione e compagnia bella esistessero soltanto in Italia. Per la mia limitata esperienza, con i viaggi all’estero che ho fatto ed in base a quello che ho letto, mi sono fatto la convinzione secondo cui i problemi sono ovunque, e non certo minori dei nostri. Se qualcosa va meglio in una nazione, ce n’è sempre qualche altra che va peggio. Perché dobbiamo sempre denigrarci e pensare che gli altri paesi siano paradisi terrestri quando non è affatto vero, ed i comportamenti degli stranieri, in ogni aspetto della vita sociale, sono spesso molto peggiori dei nostri. Non vogliamo considerare il vandalismo e la maleducazione che molti turisti stranieri dimostrano nelle nostre città? Non ci ricordiamo dei tifosi olandesi che provocarono gravi danni ai monumenti di Roma? L’avrebbero fatto a casa loro? Però se noi italiani siamo i primi a denigrarci e a parlare male del nostro Paese, non possiamo lamentarci della scarsa considerazione che abbiamo all’estero, non possiamo indignarci se la Merkel e Sarkozy, due ignoranti nella sostanza, si permisero di giudicare Berlusconi, nostro Presidente del consiglio legittimamente eletto, con un risolino di commiserazione. Il risolino andrebbe fatto a loro, per la loro politica miope e spesso assurda, ma nessuno lo fa, e anzi sono proprio i giornalisti ed i politici italiani che, pur di denigrare Berlusconi, furono persino contenti di quell’episodio squallido. Io, per parte mia, ritengo che noi italiani non siamo inferiori a nessuno, in nessun settore, e per la cultura e l’arte siamo sempre stati i primi al mondo. Cerchiamo di ricordarlo e di non lamentarci della nostra Patria. Sì, io uso volentieri questa parola e sono ben felice di essere italiano, non mi scambierei con nessun altro al mondo e sono grato al presidente Ciampi per aver almeno tentato di ricostruire una coscienza nazionale.
Per lo stesso motivo, però, un altro aspetto dell’operato di Ciampi mi trova molto meno d’accordo, cioè l’ingresso nella moneta unica europea al tempo del governo Prodi. In quell’anno, nel 2002, l’ingresso nell’euro fu una catastrofe per i consumatori italiani: con un cambio così alto nei confronti della lira noi non potevamo guadagnarci nulla, anzi i prezzi aumentarono a dismisura e si ridusse di molto il potere d’acquisto degli stipendi, perché per comprare qualcosa che costava, ad esempio, mille lire, poi occorse quasi subito un euro, che invece nominalmente valeva quasi duemila lire: quindi un raddoppio dei prezzi, o quasi. Ma anche quando questa speculazione è finita, io che – lo ammetto – mi intendo poco di economia, non vedo quale vantaggio ci sia ad avere una moneta comune con altri paesi, come la Germania e la Francia, che economicamente sono più forti di noi. E’ chiaro che i banchieri tedeschi e francesi modulano la moneta a loro piacimento, e questo è un altro punto fondamentale della perdita della nostra autonomia nazionale. Un Paese che non può battere moneta, e soprattutto che non può determinarne il valore in confronto alle altre per il commercio internazionale, è un Paese che non sarà più libero, sarà sempre soggetto ad altri. E noi abbiamo fatto più di mezzo secolo di lotte per l’indipendenza, per scacciare giustamente gli stranieri dalla nostra Patria, ed adesso ci troviamo di nuovo ad essere soggetti agli altri, ad avere in casa nostra una vera e propria dominazione straniera dei banchieri tedeschi e della signora Merkel, che farebbe bene a comandare solo a casa sua. Credo che sarebbe utile e dignitoso uscire dall’euro e tornare ad una moneta nazionale, sempre per quell’idea di indipendenza e di dignità italiana di cui non dobbiamo dimenticarci. L’ingresso nell’euro è l’unico atto che non posso approvare del presidente Ciampi, viste le conseguenze che ne sono derivate. Per tutto il resto, onore ad un grande italiano (e toscano) che da ieri non è più con noi.

Annunci

3 commenti

Archiviato in Attualità

La Germania non ha pagato abbastanza

Ricorre oggi 27 gennaio il giorno della memoria, il ricordo cioè dello sterminio degli ebrei nei campi di concentramento nazisti, oggi diventati luoghi di turismo. Due anni fa visitai il più tristemente famoso di questi campi, quello di Auschwitz-Birkenau, e debbo dire che l’impressione che si ricava da una simile esperienza è grande e sconvolgente. Una tristezza infinita prende il visitatore mentre si trova sul posto e all’uscita, uno sgomento che si materializza in una domanda che sovrasta tutte le altre: come è stato possibile tutto ciò? Come può essere accaduto che un popolo civile e progredito come quello tedesco, che aveva dato al mondo tante menti illuminate in ogni campo della cultura e dell’arte, si sia reso colpevole di un orrore di questo tipo? Uccidere migliaia di donne e bambini indifesi, con la più totale indifferenza, andava di pari passo con un genere di vita che, per altri aspetti, si può definire normale: il comandante di Auschwitz ad esempio, Rudolf Hoss (di cui ho letto di recente le memorie), ordinava ogni giorno l’esecuzione nelle camere a gas di migliaia di persone, non solo ebrei ma anche zingari, omosessuali, prigionieri di guerra, malati fisici e mentali ecc.; eppure, proprio nelle vicinanze del campo, aveva la sua casa dove i suoi bambini giocavano tranquilli in giardino e la sera lui, quando rincasava, li accarezzava e giocava con loro come qualunque altro padre fa coi propri figli. Sappiamo che le SS avevano dei cani che trattavano con grande cura e che lo stesso Hitler era vegetariano, perché sosteneva che non si dovessero uccidere gli animali.
Le enormi contraddizioni che sorgono da queste notizie restano inspiegabili, benché sia risaputo che la logica feroce della guerra può far compiere, anche a persone normali e non violente nella vita privata, le più orribili atrocità. Ci si può forse accontentare della giustificazione che i criminali nazisti e lo stesso Hoss davano a chi chiedeva loro il perché di tanto orrore, il fatto cioè ch’essi erano soldati e obbedivano a ordini superiori, come ogni militare è tenuto a fare? Hoss in persona dice di non aver approvato lo sterminio degli ebrei, ma di non essersi potuto ribellare a quegli ordini, perché sarebbe stato giustiziato ed un altro avrebbe comunque preso il posto suo. Ma tutto ciò non è sufficiente a spiegare ciò di cui ancora oggi ad Auschwitz resta il ricordo: dalle tonnellate di capelli tagliati alle prigioniere mandate alle camere a gas, conservati in un’enorme teca, ai forni crematori, alle baracche di legno di Birkenau, dove entrava l’acqua, il freddo, l’umidità e che per le spaventose condizioni igieniche potevano da sole provocare enormi sofferenze e morte alle persone, in unione ovviamente con il vitto pessimo e scarsissimo. Qui l’umanità è morta per sempre, e nulla si può cancellare: dopo la Shoah anche l’arte è morta, perché l’uomo ha perduto i suoi più autentici valori e si è dedicato unicamente o quasi alla ricerca del benessere materiale.
Ma ciò che più mi indigna di questa immane tragedia è che la Germania non ha pagato abbastanza per il male che ha arrecato all’umanità intera. A parte i pochi gerarchi catturati e impiccati a Norimberga, la maggior parte di loro se la sono cavata o fuggendo all’estero (specie in America Latina) oppure riprendendo la vita di prima in tutta tranquillità, senza che nessuno li andasse a cercare. E non mi riferisco solo ai capi delle SS o della Gestapo, ma a tutti i piccoli ufficiali, sottufficiali o semplici kapò (sia uomini che donne) che nessuno ha punito per le loro atrocità, spintesi molto spesso ben al di là degli ordini ricevuti. Si è permesso alla Germania di non rendere conto al mondo, come popolo e come nazione, di ciò che ha provocato, degli orrori di cui non sono responsabili sono Hitler, Himmler o Heydrich, ma tantissimi comuni cittadini, e anche coloro che, pur sapendo cosa stava avvenendo, hanno taciuto. Si è consentito ai tedeschi di riprendersi dalle rovine della guerra, di riunificarsi nel 1989, di diventare la prima potenza economica d’Europa che, con la gabbia dell’euro, sta stritolando le economie degli altri Paesi, compreso il nostro. E la Merkel non può cavarsela con qualche discorsetto commemorativo, rimuovendo dalla coscienza del suo popolo un passato di questo genere.
La Germania fu trattata anche troppo duramente col trattato di Versailles dopo la prima guerra mondiale, mentre tutto sommato se l’è cavata bene dopo la seconda, almeno dal punto di vista delle responsabilità individuali. E’ prevalsa la teoria, avallata dai vincitori stessi incapaci di gestire la loro vittoria, secondo cui la colpa di quanto accaduto non era di un popolo intero ma solo dei suoi capi, già condannati o morti suicidi o anche, in tanti casi, fuggiti all’estero. Ma così facendo le ferite sono rimaste e sono insanabili anche dopo 70 anni, mentre il mondo continua a porsi gli stessi interrogativi e la Germania, senza più fare i conti col suo tremendo passato, mette nuovamente il cappio al collo dell’Europa con la dittatura dell’euro e dei potentati finanziari, anche senza bisogno di carri armati e di campi di sterminio.

6 commenti

Archiviato in Attualità