Archivi tag: materie scientifiche

Com’ero io da studente

Proprio adesso che sono giunto al termine della mia carriera di docente mi viene da pensare a quanto la scuola sia cambiata dai tempi in cui ero studente io ad oggi. Si parla di un periodo lontano nel tempo, e tanto più lontano se consideriamo che negli ultimi trent’anni il progresso tecnologico ha fatto più passi avanti di quanti non ne abbia fatti nei 100 anni precedenti: quando andavo a scuola io, negli anni ’60 e ’70 del secolo scorso, non esistevano né computers, né internet né cellulari; la televisione trasmetteva la “Tv dei ragazzi” per un’ora o poco più al giorno, c’era un solo canale in bianco e nero e le trasmissioni finivano alle 11 di sera; non esistevano discoteche né altri luoghi di ritrovo tipici dei giovani di oggi. I nostri svaghi consistevano nell’uscire nel primo pomeriggio a fare una partita di pallone nella quale le porte erano costituite da due sassi sistemati a una certa distanza, oppure nel fare un giretto in bicicletta, perché pochi di noi si potevano permettete il motorino all’età di 14 anni in cui era consentito guidarlo. In casa non avevamo altra sorgente di cultura che non fossero i nostri libri di scuola oppure – solo nelle case delle persone socialmente più elevate – qualche altro libro o enciclopedia acquistata per noi dai genitori.
Anche nella pratica scolastica molto era diverso da oggi. Maestri e professori godevano di maggior rispetto in linea generale, ma non sempre: in qualche caso avveniva anche il contrario, perché se l’insegnante non possedeva una certa autorevolezza e non sapeva tenere adeguatamente la disciplina veniva snobbato ed anche sbeffeggiato come e più di adesso. I genitori non difendevano quasi mai i figli: se uno di noi aveva un diverbio con un docente la colpa era sempre nostra, a prescindere da come i fatti si erano veramente svolti. Ma di questo io non do un giudizio così positivo come fanno molte persone che rimpiangono i bei tempi passati: come docente, infatti, ho sempre sostenuto che il rispetto tra professori ed alunni deve essere reciproco, quindi anche il professore deve rispettare la dignità e l’autostima dei suoi studenti e non è detto che in caso di contenzioso la colpa sia sempre di questi ultimi. Certi colleghi, che magari si vantano di avere un rapporto aperto e amichevole con i loro alunni, spesso ne offendono la sensibilità senza rendersene conto, ed è meglio quindi tenere un atteggiamento distaccato ma comprensivo e deferente al tempo stesso, da entrambe le parti.
Un problema scolastico di cui oggi si parla tanto come se fosse una novità di questi ultimi anni e che invece esisteva (eccome!) anche ai miei tempi è il bullismo, che anzi era ancor più grave e odioso di quanto non avvenga adesso, tranne il fatto che allora non esistevano i “social” e quindi gli atti di violenza e di intimidazione restavano confinati all’interno dei gruppi giovanili. Però c’erano e talvolta incidevano profondamente nello sviluppo psichico delle persone. Quante volte ho assistito a vere e proprie risse tra compagni, frasi minacciose come “t’aspetto fuori!”, persecuzioni vere e proprie contro i più deboli e tutti coloro che avevano una qualche caratteristica giudicata diversa dalla norma! Bastava essere un po’ più grassi del normale e si diventava “ciccio bomba”, un po’ più magri e si diventava “stecchino”, avere gli occhiali e si era chiamati col simpatico soprannome di “quattrocchi”, e via dicendo. Di questo bullismo ho sofferto anch’io soprattutto alla scuola media inferiore (anni 1965-1968) ma non per l’aspetto fisico, benché qualche soprannome – come usava allora – me lo avessero appiccicato. Le intimidazioni che subivo io derivavano dal fatto che a scuola ero diligente ed avevo voti alti in tutte le materie; ciò comportava l’invidia maligna di alcuni e la volontà intimidatoria di altri, che mi ordinavano di passare loro i compiti durante le verifiche o di suggerire loro durante le interrogazioni minacciando ritorsioni in caso di rifiuto. Io non ho mai soggiaciuto a questi ricatti e ne ho subito le conseguenze, ma non ho mai fatto ciò che questi energumeni avrebbero voluto: anzi, persone come loro io le definivo “parassiti” perché senza volersi impegnare nello studio pretendevano di sfruttare il lavoro degli altri per avere la manna dal cielo, trovarsi cioè i compiti fatti senza voler compiere il minimo sforzo. A qualcuno questo potrà sembrare egoismo ma per me anche adesso le cose stanno così: ciascuno deve compiere i propri doveri, e non è giusto avvalersi della fatica altrui per coltivare la propria indolenza. Perciò come docente non ammetto in alcun modo le copiature durante i compiti e cerco di stare bene attento a che ciò non accada.
A parte questo problema, ho vissuto tutta la mia carriera scolastica con piena soddisfazione, promosso tutti gli anni con voti altissimi. Anche al liceo il successo fu continuo, a parte l’inizio del primo anno quando vennero alla luce certe lacune in latino dovute al fatto che l’insegnante che avevo alle medie di latino ne aveva fatto ben poco. I primi due anni (il ginnasio) continuai a studiare a pari livello tutte le discipline, mentre dal terzo anno cominciai a fare quella scelta per le materie umanistiche (specie italiano, latino e greco) che ha caratterizzato poi tutta la mia vita di studente e di docente. Il merito fu di un professore di greco che, benché svolgesse poco programma e con un metodo che oggi sarebbe del tutto inadeguato, aveva un grande amore per la sua disciplina che riuscì a trasmettere anche a me, tanto che da allora fui per il resto del percorso scolastico il “grecista” della classe: all’esame di Stato in particolare, che allora si chiamava di maturità, svolsi la versione di greco in meno di mezz’ora e la consegnai dopo 50 minuti dall’inizio della prova (allora si poteva fare, oggi invece non si può lasciare l’Istituto prima di tre ore), riportandone un esito lusinghiero (10/10). A ciò seguì la valutazione massima dell’intero esame (60/60), ottenuta soprattutto grazie all’eccellenza di entrambe le prove scritte. La passione per il greco ed il latino, da allora in poi, non mi ha più abbandonato ed anche adesso che sto per andare in pensione ho la ferma intenzione di continuare la ricerca e le pubblicazioni in questo settore.
Come studente, quindi, ero estremamente diligente e studioso, ma soltanto nelle materie che più mi coinvolgevano, mentre per quelle scientifiche non avevo propensione né simpatia, pur riportando anche lì esiti buoni. Il mio problema erano le relazioni umane, abituato com’ero e come sono ad esprimere apertamente il mio pensiero, un’abitudine questa che provoca molto spesso antipatie e risentimenti. Si tratta di un aspetto fondante del mio carattere che non posso eliminare perché è più forte di me e che durante tutta la mia carriera di docente mi ha provocato spesso problemi con i colleghi, alcuni dei quali non mi hanno salutato o rivolto la parola per lunghi periodi solo perché li avevo apertamente criticati per certi loro comportamenti che non mi erano piaciuti. Quand’ero studente, però, le conseguenze erano ancor più gravi perché io, pur rispettando doverosamente i professori, non esitavo a far valere le mie ragioni quando a mio parere avevano agito in modo non giusto nei miei confronti, incurante delle conseguenze che ne sarebbero derivate. L’evento più grave a questo riguardo avvenne in II° Liceo Classico (la quarta classe di oggi), quando un docente di storia e filosofia, degno di poca stima per la sua carenza di preparazione e per il metodo di lavoro sbagliato, volle imporre alla mia classe di svolgere all’improvviso un compito scritto senza prima averci avvertiti. Tutti ci rifiutammo di svolgerlo ma poi i miei compagni, minacciati dal docente di essere sanzionati con un brutto voto, cedettero vilmente uno ad uno al ricatto del professore e si misero a fare il compito; io invece dissi che la mia dignità mi imponeva di restare coerente con quanto avevo deciso all’inizio e mi rifiutai tassativamente, subendo così una nota sul registro, l’obbligo di tornare a scuola accompagnato dai genitori ed un abbassamento del voto di condotta. Ciò nonostante neppure adesso, a distanza di quasi cinquant’anni, mi pento di quel mio gesto, anzi ne sono fiero e ribadisco quel che ho detto sopra, cioè che i professori non hanno sempre ragione solo perché sono professori, e mi sento in dovere di dirlo proprio perché faccio anch’io quel mestiere. Come sbagliano i genitori di adesso a proteggere sempre i figli, così sbagliavano quelli di allora a gettare loro sempre la croce addosso, come fecero appunto i miei in quell’occasione perché “il professore va obbedito”. “Anche noi studenti abbiamo i nostri diritti” risposi allora io e lo sostengo ancora, perché il rispetto va meritato in base al proprio agire ed alla propria professionalità, non solo perché ci si trova in una certa posizione sociale. Giustamente oggi la scuola non è più una caserma, come talvolta sembrava essere ai tempi miei; l’importante è che non si esageri nel senso opposto, come è avvenuto in certi istituti dove i docenti sono stati persino aggrediti fisicamente da studenti e genitori. La teoria del giusto mezzo di aristotelica memoria, a mio parere, dovrebbe essere ancor oggi la norma morale principale da seguire da parte di tutti noi.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Politica scolastica, Scuola e didattica

Ancora bastonate sul Liceo Classico

In questi giorni abbiamo appreso dalla Tv e da articoli di quotidiani i dati sulle iscrizioni degli studenti alle scuole superiori, appena diffusi dal Ministero dell’istruzione. Ne risulta un sostanziale proseguimento delle tendenze già manifestatesi negli ultimi anni: un rafforzamento del Liceo Scientifico (giunto quasi al 25 per cento degli iscritti) e del Linguistico, un aumento di alcuni istituti tecnici unito però ad un calo dei professionali, e soprattutto – ciò che mi riguarda personalmente – un ulteriore calo del Liceo Classico, passato a livello nazionale dal 6,1 al 5,5%. Questo significa che solo 11 ragazzi su 200 si iscrivono a questa scuola, un tempo considerata d’eccellenza e quasi sempre prescelta da chi aspirava a far parte della classe dirigente o a raggiungere un’alta professionalità. Oggi a questo siamo ridotti: al 5,5 per cento! Ed io, apprendendo la notizia, ho fatto una specie di sogno ad occhi aperti: mi sono immaginato di trovarmi di fronte ad una vasta platea di ben 200 adolescenti festanti, pronti ad intraprendere il loro nuovo percorso formativo; compiaciuto di ciò, ho chiesto a tutti questi giovani di dirmi quanti di loro si siano iscritti al Classico, aspettandomi di udire tante voci. Invece, fattosi un silenzio generale, soltanto undici manine tremolanti si sono alzate, di ragazzini spauriti in mezzo a tanta folla, dalla quale poi si è levato sempre più forte un brusio di improperi e di derisioni. Così è nella realtà, oltre che nel sogno: chi oggi sceglie il Classico è guardato con ironia e sospetto dai coetanei, additato come un “secchione” o come uno “sfigato”, un reietto quindi costretto a vivere sui libri e a non fare più parte della società che lo circonda.
Purtroppo, nonostante l’impegno di tante persone ed anche – modestamente – del sottoscritto (almeno nel suo territorio e con l’ausilio di questo misero blog) i dati non cambiano, anzi ogni anno il Liceo Classico perde iscritti, tanto che in alcune città è sparito del tutto: faccio l’esempio di una provincia toscana a noi vicina, quella di Grosseto, che io conosco se non altro per esserci nato ed averci dei parenti: di tre Licei Classici che c’erano fino a pochi anni fa, ne è rimasto soltanto uno, nel capoluogo, con due sezioni. In una provincia così vasta, con oltre 210.000 abitanti, soltanto 40 ragazzi circa si iscrivono ogni anno a questo corso di studi; e la proporzione non è molto diversa nelle altre province e regioni, se consideriamo che in Emilia Romagna, ad esempio, soltanto il 3,5% degli alunni delle medie si iscrive al Classico, ossia 35 ragazzi su 1000, una cifra che definire irrisoria è pure troppo esaltante.
Più volte, in questo blog, ho preso posizione sull’argomento e cercato di individuare le cause di questo triste fenomeno, che configura nel nostro Paese una crescita esponenziale dell’ignoranza e dell’approssimazione, di una concezione cioè della vita nella quale la cultura non ha più diritto di cittadinanza (“la cultura non si mangia”, disse un noto politico). Quello che conta attualmente è il successo ed i facili guadagni, mentre l’impegno e la fatica sono ormai diventati appannaggio di pochi ingenui che ancora credono a queste amenità, mentre le mode del momento impongono a tutti una vita comoda e facile, tutta spesa ad inseguire i miti di internet e della televisione. In questo clima edonistico ed utilitaristico, l’istruzione è concepita soltanto come un mezzo per inserirsi nel mondo del lavoro e poter guadagnare prima possibile, senza perdere tempo studiando cose ritenute inutili. Questo spiega il boom degli istituti tecnici e degli pseudolicei (cioè le scuole che si fregiano del titolo di “liceo” senza esserlo affatto), scuole che – almeno teoricamente – dovrebbero rilasciare diplomi atti ad inserirsi subito nelle attività lavorative; e poco importa che questa sia una pia illusione, perché oggi chi vuole avere una professionalità da spendere sul mercato deve comunque conseguire una laurea: ci si getta alla caccia del “diploma” pensando di ottenere chissà cosa, e la crisi economica attuale ha ovviamente incentivato questa mentalità.
E tuttavia, restando nell’ambito dei Licei, colpisce anche la grande sproporzione tra gli iscritti al Liceo Classico e quelli al Liceo Scientifico, quattro o cinque volte più numerosi, a seconda dei luoghi. In questo confronto non possiamo parlare di mentalità utilitaristica o superficiale, perché anche il Liceo Scientifico presuppone il proseguimento universitario degli studi, ed ha fin dal primo anno una serie di discipline di tutto rispetto: cinque ore settimanali di matematica, due di fisica, due di scienze, quattro di italiano, tre di latino, tre di inglese ecc. Non può quindi definirsi una scuola agevole, né poco impegnativa; oserei anzi dire, almeno dal mio punto di vista, che l’impegno richiesto ad uno studente che viene dalla scuola media attuale è gravoso almeno quanto quello richiesto dal Classico, se non di più. Come si spiega dunque questa vistosa sproporzione? Forse per il fatto che allo Scientifico non si studia il greco? Ma io non posso credere che, su sei studenti, cinque siano particolarmente inclini alle materie scientifiche e soltanto uno sia più portato alle materie umanistiche, tanto da poter affrontare serenamente una dose massiccia di matematica e di fisica come quella del Liceo Scientifico e di ottenere in quelle materie risultati più brillanti di quelli che otterrebbero in greco. Evidentemente c’è qualcosa che non va in queste scelte, una serie di pregiudizi e di idee distorte che continuano a circolare in società e non perdono col tempo, anzi acquistano efficacia. Il primo di essi è che le discipline umanistiche, in particolare il latino ed il greco, non servirebbero a nulla, mentre la matematica e la fisica sarebbero utili in società. A parte il fatto che è il concetto stesso di “servire” che a mio parere è sbagliato, perché la scuola deve formare la personalità del giovane, non “servire”; ma poi va anche detto che, se ragioniamo da un punto di vista generale, non mi risulta che questo sia vero: come gli studenti non avranno occasione nella loro vita di parlare in greco, non avranno nemmeno modo, nell’esperienza reale, di applicare la trigonometria o l’analisi matematica, a meno che no svolgano professioni specifiche a cui arriverà un numero bassissimo di persone. Se poi la matematica, la fisica e le scienze (che, sia detto per inciso, si studiano anche al Classico, e più di prima!) saranno più utili a chi sceglierà facoltà scientifiche, non si può negare che anche le lingue classiche hanno un’importanza decisiva per gli studi universitari, non solo perché abituano al corretto metodo di studio ed al pensiero critico, ma anche perché, proprio nell’ambito scientifico, tutta la terminologia impiegata deriva dal latino ed ancor più dal greco. Va anche tenuto presente che la padronanza della lingua italiana scritta e orale, cui il Liceo Classico abitua più delle altre scuole, è tuttora uno strumento indispensabile per superare qualunque prova in ambito lavorativo e per affermarsi in società. Ma queste competenze, nella società attuale, non sono più apprezzate da nessuno: oggi il “mantra” trito e ritrito che si sente sempre ripetere da politici, giornalisti e pseudo-intellettuali che pretendono di occuparsi di scuola senza saperne nulla, è quello dell’informatica e dell’inglese, quasi fossero le uniche e sole competenze che uno studente deve possedere, magari ignorando l’italiano e facendo continuamente errori ed orrori di ortografia.
A seguito di questa serie di fattori, che vanno dalla crisi economica alla superficialità dilagante, dalla mania anglicistica ed informatica all’idolatria dello scientificismo, il Liceo Classico continua a perdere iscritti, ad apparire come un residuo di una civiltà ormai tramontata, una scuola dove bisogna impegnarsi molto per studiare cose che non servono; e quei pochi coraggiosi che vi si iscrivono vengono emarginati e giudicati quasi alla stregua di alieni, persone strane e indegne di essere accolte nel consorzio sociale. Ma da parte mia la profezia è facile: di questo sfacelo, di cui sono responsabili in primis i governi ed i ministri “progressisti” che vogliono aumentare l’ignoranza perché i cittadini non si accorgano di esser diventati dei sudditi imbelli ed imbambolati, si vedranno le conseguenze in futuro, quando ci si renderà conto che la cultura meriterebbe di mantenere un ruolo attivo in ogni Paese civile, un ruolo che non può ridursi a parlare l’inglese o a strisciare le dita su un tablet. E allora diventerà attuale una frase che è stata detta – guarda caso – proprio da un illustre matematico, il prof. Giorgio Israel: “Chi si rallegra del declino del Liceo Classico sta segando il ramo sul quale è seduto.”

20 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica, Scuola e didattica

Un libro per il futuro

Copertina

Il libro di cui ho raffigurato la copertina, mettendola all’inizio di questo post, è un vero gioiello che tutte le persone di cultura – o forse, meglio, quelle non acculturate abbastanza – dovrebbero leggere. In questi giorni io ed i miei alunni della classe 5° Liceo Classico (ex III° Liceo) lo stiamo esaminando e commentando in attesa del prossimo 6 dicembre, giorno in cui verrà nella nostra scuola, ad illustrarcene il contenuto e a discuterne con noi, l’autore del libro in questione, il prof. Nuccio Ordine, ordinario di letteratura italiana all’Università della Calabria.
Non è molto difficile enunciare la tesi di fondo che il prof. Ordine sostiene in questa pubblicazione, benché egli ce la illustri con dovizia di particolari e riferimenti dotti: si tratta di una concezione della cultura e dell’istruzione nella quale io ho sempre creduto, anche prima di sentirmi confortato dalle parole illustri dello studioso, quella cioè secondo cui le conoscenze che si apprendono nella vita, ma soprattutto nella scuola ed all’università, non debbono essere necessariamente ricondotte alla categoria dell'”utile”, cioè a ciò che “serve” nella vita pratica e nelle attività lavorative, economiche e commerciali. Nella nostra società, soprattutto in questi ultimi anni, si è infatti affermata con prepotenza una mentalità materialistica e utilitaristica, secondo cui si dovrebbe studiare e sapere soltanto ciò che può essere finalizzato – immediatamente e direttamente – allo svolgimento di un lavoro che fornisca uno stipendio o comunque al raggiungimento di certe “competenze” tecniche da applicare nella vita quotidiana. Questa funesta mentalità ha avuto pesanti riflessi nella nostra scuola, culminati nella ripresa degli istituti tecnici e professionali (prima in crisi) e nel vistoso calo delle iscrizioni al Liceo Classico, corso di studi che in molte delle nostre città si è talmente ridotto da rischiare persino di scomparire. Coloro che si iscrivono ai Licei preferiscono di gran lunga lo scientifico ed il linguistico, nella convinzione non soltanto che siano meno impegnativi del classico, ma anche che siano più “utili”, appunto, perché fondati sulle discipline scientifiche (ritenute più consone ai tempi attuali) e con una ridotta presenza di quelle umanistiche, che agli occhi di molte persone non rientrano nella categoria dell’utilità pratica. A chi dei nostri studenti non è capitato di sentirsi chiedere: “Ma a che ti servono il latino ed il greco?”
Precisiamo anzitutto un concetto. Se volessimo considerare le discipline studiate a scuola in base al mero parametro dell'”utile”, allora nessuna di esse (tranne forse alcune materie dei professionali) avrebbe diritto di cittadinanza. Forse che a qualcuno capita, nella vita di tutti i giorni, di dover risolvere equazioni di secondo grado o problemi di analisi matematica? E poi, se capitasse, c’è sempre la calcolatrice… Forse che la fisica e la chimica si applicano nella vita quotidiana, a meno che uno non lavori in un laboratorio di analisi o faccia di professione il chimico? Per non parlare di altre discipline come storia, geografia, filosofia, letteratura, musica ecc.: si può vivere benissimo senza conoscerle, e se a qualcuno caso mai, in un rigurgito di curiosità intellettuale, venisse un dubbio su qualche argomento, basta andare su Wikipedia e la risposta è lì, bella e pronta, messa sotto il nostro naso come un piatto di spaghetti già conditi. Quindi perché studiarle a scuola? Evidentemente perché la cultura, come sostiene il prof. Ordine e molti altri illustri studiosi anche dell’ambito scientifico, non deve soltanto “servire”, ma prevalentemente “formare”, ossia creare nel discente una mente pensante che sia in grado di prendere autonomamente le sue decisioni, conoscere i propri diritti e doveri, osservare la realtà con spirito critico. E da questo punto di vista tutte le discipline non “tecniche” sono “utili”, nel senso che torna sommamente costruttivo ciò che invece, agli occhi della società moderna, sembra “inutile”. Sul piano formativo del pensiero autonomo, infatti, non v’è molta differenza fra una traduzione dal latino ed un esercizio di matematica, perché entrambi richiedono uno sforzo di intuito e di ragionamento autonomo che è l’esatto contrario di Wikipedia e di tutto ciò che su internet o altrove si trova già pronto, senza che sia richiesto alla mente umana il minimo sforzo. Ed è per questo che proprio ciò che sembra non avere utilità pratica finisce invece per essere fondamentale, l’unico strumento attivo che oggi abbiamo per contrastare l’atrofizzazione delle facoltà mentali provocata dalla “civiltà dell’immagine”, come si suol chiamare l’insieme delle notizie “usa e getta” fornite dagli strumenti informatici e mediatici che condizionano pesantemente la nostra esistenza.
Quando io, alla tenerà età di 14 anni, scelsi di frequentare il Liceo Classico, lo feci perché quella scuola mi piaceva più di tutte le altre, e mi piaceva proprio il fatto che era quella che “serviva” di meno, convinto come sono sempre stato che l’istruzione e la cultura non debbono essere viste solo come un semplice strumento per ottenere un posto di lavoro retribuito, ma come il tramite essenziale per la formazione completa della personalità. E ancor oggi, dopo tanti anni, rimango della stessa idea, perché credo fermamente che le discipline umanistiche (non solo il greco ed il latino, ma tutte nell’insieme) siano fondamentali, anche e soprattutto in questa società tecnologica; e non soltanto per la formazione del pensiero critico che dicevo sopra, ma anche perché la conoscenza del codice lingua, pur non essendo più l’unica forma di espressione, è ancora insostituibile. Se qualcuno, ad esempio, si troverà nella necessità di svolgere una relazione, una presentazione di un progetto, oppure presentarsi ad un colloquio di lavoro o tenere un discorso in pubblico, anche se parlerà di “marketing” o “problem solving” (termini orribili!) dovrà comunque farlo in una lingua corretta e fluida, dovrà convincere gli astanti o i lettori della validità del suo lavoro, dovrà, in altre parole, far ricorso ai mezzi espressivi della retorica classica. Una simile formazione culturale, pur raggiungibile anche con altri corsi di studio, è garantita al massimo grado, proprio per la sua struttura didattica, dal Liceo Classico, dove tuttavia non si trascurano affatto le discipline scientifiche, perché anch’esse hanno grande rilievo in tutte le società e soprattutto in quella odierna; e non sarà certo un caso se tanti ottimi ingegneri, matematici, fisici biologi ecc. provengono appunto da questa scuola. E’ ora di finirla per sempre con la surrettizia distinzione oppositiva tra cultura umanistica e scientifica: la cultura è una soltanto, un’unica grande pianta suddivisa in tanti diversi rami. Questo sostiene, appunto, il libro del prof. Ordine, il quale ci mostra come nella storia dell’umanità proprio ciò che sembrava inutile, nozionistico e persino pedante ha invece ricoperto un ruolo decisivo per la scienza e per il progresso umano.
Purtroppo ancor oggi si sentono pronunciare tante bestialità degne dei selvaggi dell’Amazzonia, e le si sentono purtroppo anche dalla bocca di persone in vista o che comunque hanno un potere politico o mediatico. Ho letto da qualche parte che nella recente “kermesse” della Leopolda a Firenze un certo imprenditore a me ignoto, ma a quanto pare molto famoso per la sua stretta fede renziana, tale Davide Serra, ha affermato che la scuola non dovrebbe più dare spazio alle discipline umanistiche, ma far studiare solo ciò che è “cool” e “figo”. A parte il linguaggio squallido e rozzo (i venditori di verdura al mercato parlano molto meglio), cosa voleva intendere con quelle parole? Cool in inglese significa “fresco”, mentre “figo” è un orrendo termine del linguaggio giovanile che vale “simpatico, divertente” o simili. Quindi a scuola si dovrebbero studiare solo gli argomenti di attualità (freschi, appunto) e far divertire gli alunni, trasformarci insomma in un luna park o una sala da giochi. C’è solo da augurarsi che il nostro Presidente del Consiglio, che ha organizzato il raduno della Leopolda, non la pensi allo stesso modo, altrimenti ci sarà da ridere. Ridere sì, ma per non piangere!

7 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica, Scuola e didattica