Archivi tag: Luigi Di Maio

La vita alla superficie

Nella società del nostro tempo, a quanto ci è dato constatare, si diffonde sempre più la superficialità, la tendenza cioè a vivere alla giornata e ad attribuire importanza ai vari aspetti della vita in modo contrario a quel che dovrebbe essere: ciò che dovrebbe contare veramente viene trascurato, mentre ciò che non dovrebbe avere nessun valore diventa un ideale e, in alcuni casi, un vero e proprio scopo di vita. Pensiamo alla moda, per esempio, o all’aspetto estetico delle persone (il cosiddetto “look”, per capirsi, visto che ormai ci esprimiamo più in inglese che in italiano): non c’è nulla di più insignificante per definire il valore e lo spessore umano di ciascuno di noi, ed invece oggi è diventata una questione di primaria importanza, anzi un’assoluta necessità. E se un tempo l’aspetto esteriore era una cura tipica del solo sesso femminile, oggi anche gli uomini lo considerano d’importanza vitale, tanto da curare il proprio aspetto non solo nel vestiario ma anche nel fisico stesso, e da sottoporsi persino ad operazioni chirurgiche per ottenere il look desiderato. I modelli che hanno fortuna in società, quelli da imitare, non sono più le persone di cultura o dotate di particolari meriti, ma attori, cantanti, soubrettes e personaggi televisivi in genere.
Gli esempi di superficialità nella società attuale sono talmente numerosi che sarebbe difficile individuarli tutti. Uno dei più evidenti, tuttavia, è ravvisabile nello stile di vita condotto dalla maggioranza delle persone, che sono soliti dividere il loro tempo in due soli momenti principali, il lavoro e lo svago, mentre pochissimo spazio è lasciato ad attività culturali o comunque umanamente più elevate, come ad esempio leggere un libro, visitare qualche museo o monumento che dir si voglia, assistere ad un concerto di musica classica o altro che sia. La grande maggioranza di coloro che hanno un lavoro o una professione, compresi tanti laureati, non si intendono né si interessano a nulla che sia al di fuori del loro stretto ambito di competenza: perciò persino professionisti come medici, avvocati, funzionari statali di alto livello e via dicendo sono di fatto – tranne ovviamente alcune lodevoli eccezioni – del tutto ignoranti di tutto ciò che riguarda la letteratura, l’arte, la musica e tutte le altre nobili attività umane. Alcuni di loro non leggono altro se non le pubblicazioni specifiche riguardanti il loro settore di appartenenza, mentre sono in difficoltà non appena si trovano di fronte a fenomeni culturali che forse un tempo conoscevano, quando andavano a scuola, ma che poi hanno totalmente dimenticato, né si curano di richiamare alla memoria quanto hanno perduto, certamente perché non ne vedono la necessità, e conducono una vita suddivisa tra il lavoro e il divertimento, senza altri interessi, in maniera del tutto superficiale. E anche quando, forse per darsi un certo contegno, vanno a visitare qualche mostra o museo, oppure ad assistere ad un concerto, ne escono uguali a come ne sono entrati, magari ostentando un’ammirazione che è solo di facciata, perché non hanno più gli strumenti culturali per comprendere in profondo ciò che hanno visto o sentito.
La grande superficialità dei nostri tempi si è mostrata nel suo volto più sconcertante e terribile in occasione delle elezioni politiche del 4 marzo scorso, dove milioni di persone hanno votato senza cognizione di causa, lasciandosi abbindolare da promesse tanto mirabolanti quanto assurde e irrealizzabili come il famoso “reddito di cittadinanza” propugnato da quell’accolita di imbonitori buffoneschi che è il “Movimento Cinque Stelle”. Questo partito, perché tale è anche se si professa antitetico ai partiti tradizionali, ha finora dato prova di totale incapacità e incompetenza politica, una caratteristica evidente che avrebbe dovuto indurre tutti coloro che erano dotati di raziocinio a negare loro la fiducia; per governare uno Stato, infatti, non è sufficiente essere persone oneste (se pur lo sono!), ma occorre una cultura specifica che non si può improvvisare. Per questo è del tutto assurdo pensare che cittadini comuni, sbattuti in Parlamento o al Governo senza la necessaria preparazione, possano guidare uno Stato: come diceva Socrate, che di queste cose se ne intendeva, non ci si affiderebbe mai, per un viaggio in mare, a un timoniere inesperto che non sa guidare la nave; tanto meno, quindi, ci si può fidare di persone incompetenti per condurre il Governo di una nazione, per il quale occorre molta più competenza di quanta ne occorra per guidare una nave. Eppure tanti cittadini italiani, attratti dal miraggio di poter avere uno stipendio senza fare nulla, hanno votato questi ciarlatani facendoli diventare il primo partito, che oltretutto adesso pretende di dettare legge e di avere addirittura la poltrona di primo ministro per il loro capo politico, Luigi Di Maio, un ragazzino di poco più di trent’anni che non ha mai fatto nulla in vita sua, non ha alcuna competenza e non è neanche riuscito a laurearsi. La vittoria elettorale di questa armata Brancaleone è il peggior disastro che potesse capitare al nostro Paese, ridotto ad un aereo senza pilota che ben presto andrà a sbattere in qualche montagna, di quelle che gli speculatori finanziari e i banchieri di Bruxelles porranno di fronte a un paese ormai allo sbando, che oltretutto non possiede neppure una moneta propria ed è costretto di nuovo, dopo le tante guerre di indipendenza, a soggiacere ai potentati stranieri. Per uscire da questa situazione ci sarebbe voluto un governo forte e deciso, formato da persone capaci e competenti, non da ragazzini che fino ad ieri non sapevano neppure cosa fosse la politica e che dove hanno governato (vedi Roma) non sono stati capaci d’altro che di combinare disastri. In questa contingenza io faccio due osservazioni: la prima è che personalmente preferisco i corrotti agli incapaci, perché chi fa l’interesse proprio (che non dovrebbe fare) può saper fare anche quello degli altri, mentre l’incapace non riesce a fare né il suo né quello altrui. La seconda mia considerazione è che comincio a dubitare della validità stessa della democrazia, perché questo sistema politico si basa su un mero calcolo numerico, quello della maggioranza che vince sulla minoranza, senza tener conto che nella storia molto spesso hanno avuto ragione le minoranze, e che le maggioranze possono essere formate anche da caproni ignoranti che non votano secondo giustizia e ragione, ma lasciandosi trascinare da promesse assurde e dallo spirito devastatore di coloro che vedono il male dappertutto e contestano tutto e tutti in nome di falsi valori che non riusciranno mai a realizzare, perché a insultare gli avversari e svalutare ciò che hanno fatto sono tutti capaci, ma poi, quando si tratta di costruire e di prendere decisioni, allora i nodi vengono al pettine. Questo è ciò che succederà nell’Italia dei Cinque Stelle, un paese ostaggio di una banda di incompetenti. Il risultato delle ultime elezioni, pertanto, mi conferma nella mia convinzione secondo cui la superficialità, l’ignoranza, l’approssimazione sono i caratteri costitutivi del nuovo Medioevo e della nuova barbarie dei nostri tempi, molto peggiore di quella di Attila o di Teodorico.

Annunci

9 commenti

Archiviato in Attualità

I 5 stelle, nuovi barbari della politica

Da quando è nato in Italia il cosiddetto “Movimento Cinque Stelle” fondato dal comico Beppe Grillo e dal faccendiere Casaleggio non ho mai nascosto il senso di indignazione e di repulsione che mi provocano queste persone, unito a un analogo senso di smarrimento e di incomprensione nei riguardi di chi li sostiene e li vota. Probabilmente è un problema di età, dato che ho vissuto altri periodi della politica italiana nei decenni passati ove non era mai successo nulla di simile, e quando era ben diverso il modo di fare politica; per quanto infatti di movimenti contro il sistema e di voti di protesta ce ne siano stati altri, nessuno si era caratterizzato come questo per il livello di incultura e di volgarità da esso raggiunto ed anche, purtroppo, per il largo consenso che ha avuto e che sta ancora avendo, visto che per le prossime elezioni i sondaggi lo danno al 27-28 per cento. Poiché non riesco a tacere la mia profonda e totale avversione per i cosiddetti “grillini”, dividerò questo post in due parti: nella prima elencherò in dodici punti i motivi di questo mio sentimento, nella seconda cercherò di spiegare le cause del loro non più effimero successo.
1. Un tempo i partiti politici nascevano da un ideale, o meglio da un’ideologia, un sistema di valori in cui credevano coerentemente tutti gli adepti. Benché io abbia avuto sempre una fiera avversione per il marxismo ed i partiti che lo interpretavano, riconosco però che la loro impostazione ideologica aveva basi culturali solide nella filosofia di Marx, Engels ed altri. Il Movimento Cinque stelle, al contrario, è nato dal nulla, non ha fondamenti ideologici né culturali, è frutto del più fatuo e ignorante qualunquismo.
2. La classe dirigente di questo movimento non è formata da persone con competenza politica ed una cultura adeguata ad un ruolo dirigenziale. I capi sono un comico buffonesco (Beppe Grillo) che non si vede quale autorità e credibilità possa avere per un ruolo così importante, ed il figlio di un affarista (Casaleggio) i cui traffici sono spesso rimasti nell’ombra. La loro attività non è disinteressata: il blog di Grillo guadagna moltissimo con la pubblicità e quindi il suo è un business come gli altri, nonostante la presunta “diversità” di cui lui e i suoi accoliti si vantano.
3. Pur non avendo alcuna base ideologica (i concetti di destra e di sinistra per loro sono categorie vecchie e superate) essi subiscono purtroppo spesso l’influsso delle peggiori ideologie: si veda, ad esempio, l’appoggio dato dai “grillini” al movimento No-Tav ed agli atti terroristici da costoro compiuti, oppure il libertarismo sfrenato dei cosiddetti “diritti civili” culminato nella cosiddetta “legge Cirinnà”. Benché rifiutino una collocazione precisa, essi di fatto hanno appoggiato intenzioni e rivendicazioni proprie dell’estrema sinistra.
4. Il loro urlare contro il “sistema”, appparentemente scevro da basi ideologiche, è abbastanza vicino, per metodi e linguaggio usato, a quello dei movimenti e gruppi extraparlamentari di sinistra degli anni ’70, con la differenza che quei gruppi erano culturalmente molto superiori ai loro emuli del secondo decennio degli anni 2000.
5. Nel loro ribellarsi contro il “sistema dei partiti” i grillini, interpretando e fomentando il sentimento più rozzo e volgare degli italiani più ignoranti, generalizzano in modo grottesco, presentando tutti gli esponenti degli altri partiti come criminali, corrotti, ladri e mafiosi. Da questo loro giustizialismo becero e volgare non si salva nessuno: tutti gli avversari sono demonizzati, non li sfiora neanche lontanamente l’idea che fare di ogni erba un fascio è comunque sbagliato e che il bene ed il male si trovano ovunque, nel loro e negli altri partiti. In questa visione distorta e catastrofica della realtà (che ricorda anch’essa atteggiamenti simili espressi in passato da certa sinistra) accusano i vari partiti che si sono succeduti al governo di aver “distrutto l’Italia” e di “averci ridotto alla fame”, con palese e assurda deformazione della realtà. L’Italia ha i suoi problemi, ma non sono certo più gravi di quelli di altri paesi europei, e l’economia è in ripresa. Lo dicono i numeri e le statistiche, ma purtroppo non c’è nessun sordo peggiore di chi non vuol sentire.
6. Il Movimento Cinque Stelle si è rivelato palesemente centralista e totalmente antidemocratico. Al suo interno non esiste dialogo: chi non concorda in tutto e per tutto con i capi (Grillo e Casaleggio) viene immediatamente espulso, con processo sommario e senza la facoltà di difendersi e dire le proprie ragioni. Questi metodi ricordano da vicino quelli di Hitler e di Stalin, anche se ovviamente le pene comminate ai dissidenti sono diverse.
7. I “grillini” non accettano il confronto democratico con chi la pensa diversamente. Si permettono di criticare e offendere chiunque ma non ammettono che qualcuno critichi loro ed il loro modo di essere e di agire. I loro rappresentanti evitano accuratamente in televisione il confronto con gli avversari e accettano solo di essere intervistati senza contraddittorio. Non sono disposti a fare alleanze con nessuno, il che paralizza di fatto la politica impedendo la formazione di coalizioni governative con larga maggioranza. Dimostrano così di non avere la minima idea di cosa sia la democrazia e di come si agisce in politica, dove il dialogo ed il compromesso con le altre forze sono indispensabili.
8. Nel rapportarsi agli avversari, oltre a rifiutare ogni dialogo, utilizzano un linguaggio becero, volgare e sessista. Il fatto che il movimento sia nato con il “Vaffa-day” già spiega bene questo atteggiamento rozzo e volgare. L’insulto contro chi è diverso da loro è il loro normale modo di esprimersi, e alcuni loro deputati si sono resi responsabili di violenze verbali e materiali inaccettabili.
9. La loro azione politica è fondata tutta sul distruggere, mai sul costruire. Nei cinque anni in cui sono stati in Parlamento non hanno fatto altro che dire pregiudizialmente sempre di no a tutto e a tutti, criticare, urlare e insultare gli avversari. Le loro proposte, quando ci sono state, o hanno avuto carattere demagogico e populista (vedi la polemica contro i vitalizi, come se abolendo quelli si risolvessero tutti i problemi del Paese) oppure sono state del tutto assurde e utopistiche: il cosiddetto “reddito di cittadinanza” da loro sostenuto costerebbe una cifra dai 40 ai 50 miliardi di euro all’anno, ch’essi non hanno mai detto con chiarezza dove si potrebbero trovare. Oltre che impossibile a realizzare, il progetto sarebbe anche civilmente diseducativo, perché darebbe soldi a tante persone per non fare nulla.
10. I “grillini” hanno fatto dell’onestà la loro bandiera, la linea portante della loro politica, gettando sugli avversari tutte le più infamanti accuse. Ma nel tempo si sono spesso contraddetti: si va dai vari sindaci a cinque stelle indagati per reati commessi durante il loro mandato, alla falsificazione delle firme per la presentazione delle liste in Sicilia fino al più recente scandalo di “rimborsopoli”, quando si è scoperto che molti deputati e amministratori grillini fingevano di restituire parte dello stipendio e che in realtà guadagnavano e guadagnano molto di più di quanto fanno credere. Questa circostanza mostra l’ipocrisia e la bassezza morale di questi individui: chi fa la morale agli altri, chi si presenta come onesto e irreprensibile, comportandosi così si rivela molto peggiore di chi non ha mai espresso vanterie di questo tipo.
11. Ovunque sono stati messi alla prova in incarichi amministrativi, i Cinque Stelle hanno mostrato con palese evidenza la loro incompetenza e la loro incapacità di affrontare e risolvere qualunque problema. Da quando Roma e Torino sono governate da sindaci grillini i problemi di quelle città sono enormemente aumentati, come constata chi vi si reca e vede in che condizioni sono le strade, i servizi, la raccolta di rifiuti. Questo dimostra quanto sia vero quel proverbio che recita: “tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare”. A urlare e criticare gli altri, a dire sempre di no si fa alla svelta; ma quando si tratta di agire, di costruire, di provvedere allora la musica è diversa. Anche l’onestà stessa, che pure è una qualità pregevole nella persona umana, diventa secondaria, perché a nulla in politica serve essere onesti quando si è incapaci e incompetenti. Per governare ci vuol altro, occorre una cultura, perché la politica è una professione come le altre che richiede competenza, non è accessibile a tutti. La mentalità dei grillini è analoga a quella di coloro che, durante un volo aereo, cacciassero il pilota perché disonesto e mettessero al suo posto un passeggero qualunque solo perché è onesto. Dove andrebbe a finire l’aereo?
12. A proposito di incompetenza, a quanto detto va aggiunto il modo assurdo e dissennato con cui il Movimento Cinque Stelle sceglie i suoi rappresentanti: attraverso la rete internet, praticamente estraendoli a sorte o quasi senza compiere alcun accertamento sulle loro effettive conoscenze e capacità. E’ avvenuto così che nel 2013 siano entrate in Parlamento persone del tutto ignoranti e rozze, che non hanno mancato di rivelare bellamente questi loro eccelsi pregi esprimendosi con volgarità e turpiloquio. Uno di loro, tale De Rosa, fece una volta una battuta rivolta alle deputate del PD che qui non voglio ripetere per pudore, ma che qualifica il grado di barbarie e rozzezza di queste persone. L’ignoranza crassa contraddistingue anche il loro candidato premier alle elezioni, Luigi Di Maio, che confonde il Cile con il Venezuela e non conosce la lingua italiana e l’uso del congiuntivo.
Detto tutto ciò che mi provoca orrore al solo sentir nominare i Cinque Stelle e che mi preoccupa moltissimo per il risultato delle prossime elezioni, riaffermo che una loro eventuale vittoria ci condurrebbe nel baratro più profondo, e non solo dal punto di vista dell’economia e della vita sociale, ma anche da quello della cultura. Nel ’68 si diceva che la fantasia doveva arrivare al potere; ora c’è il rischio che al potere ci arrivi l’ignoranza, ed è un rischio concreto.
Ma qual è allora il motivo per cui, nonostante quanto detto sopra, i Cinque Stelle hanno ancora tanto successo da essere dati nei sondaggi come il primo partito italiano? La prima risposta che mi verrebbe in mente non la dico, perché sarei offensivo verso tanti elettori magari in buona fede; accennerò invece ad altri due motivi che mi sembrano i più probabili e che derivano entrambi da una certa mentalità che molti italiani hanno nel sangue oppure, come si dice oggi, nel DNA. Forse perché per tanti secoli l’Italia è stata dominata dagli stranieri, che sfruttavano e opprimevano un insieme di persone da non definire un popolo, ma “un volgo disperso che nome non ha”, è insita nel profondo dell’animo di tanti italiani un’innata diffidenza per chiunque abbia il potere, visto come oppressivo e corrotto; ed è questa la ragione essenziale, a mio parere, per la quale chiunque governa viene attaccato senza tregua durante il mandato ed è destinato a perdere voti alle successive elezioni. L’ignobile campagna mediatica e giudiziaria contro Berlusconi lo dimostra, e lo dimostra anche la serie di insulti e di critiche contro Renzi, che ha fatto sì molte cose avventate o errate (vedi la legge sulle “Buona Scuola”), ma ha anche preso provvedimenti positivi per molte categorie e fasce di popolazione. Su questo sentimento di odio e di avversione innata contro chiunque detiene una forma di potere si è agevolmente innestato il Movimento Cinque Stelle, cavalcando la tigre del malcontento popolare e assecondando gli atteggiamenti giustizialisti e forcaioli di chi identifica il Governo con il male assoluto, senza mai riconoscergli nulla di positivo. Il voto dato ai 5 stelle è stato e sarà solo un voto di protesta, ma una protesta esagerata e inconcludente, dettata dal carattere piagnone e vittimista di tanti nostri concittadini, i quali non si accontentano mai, credono falsamente che i paesi stranieri siano un paradiso mentre qui tutto è rovina e pretendono da chi ci amministra che risolva tutti i problemi e ci faccia vivere nel lusso e nella bambagia. Va poi anche detta un’altra cosa: che nel DNA degli italiani, a differenza di quanto avviene altrove, c’è anche una forte ammirazione ed una tendenza a dare credito a tutto ciò che è nuovo rispetto all’esistente: ogni volta che è cambiato regime quasi tutti gli hanno fatto festa, e così fu anche per quanto riguarda il fascismo, oggi tanto esecrato ma un tempo tanto celebrato. Per molti tutto ciò che è novità, che rompe con il passato, possiede un fascino ed un’attrattiva irresistibili, mentre non si pensa mai che ciò che è nuovo non è necessariamente sempre positivo e che spesso, per non cadere dalla padella nella brace, è meglio tenersi il vecchio. E poiché il Movimento Cinque Stelle si presenta come nuovo e come diverso da tutti gli altri partiti, questo spiega agevolmente il motivo del suo successo, proprio perché le persone non sanno vedere oltre il proprio naso e non si rendono conto che in cambiamenti non sono sempre migliorativi, anzi… Mi costa fatica dirlo, ma paradossalmente sarei contento se Gigino Di Maio arrivasse veramente a dirigere il governo: in poco tempo perderebbe tutto il suo consenso e tutti si renderebbero conto che il re è nudo e che dietro le promesse ed i proclami c’è solo il più grande e profondo NULLA.

8 commenti

Archiviato in Attualità