Archivi tag: governo italiano

Tragedie in mare: è colpa nostra?

Ieri sera ho postato sulla mia pagina Facebook una mia dichiarazione in forma di domanda per tutti quei buonisti nostrani che vorrebbero accogliere tutti i migranti dall’Africa o da altrove, e che colpevolizzano il nostro Paese ed in particolare il ministro Salvini per i naufragi e le morti che si verificano in mare. Io verrò forse da un altro mondo, ma non riesco a comprendere quale responsabilità abbia l’Italia in queste tragedie e soprattutto perché soltanto noi dovremmo farci carico del problema dell’immigrazione mentre tutti gli altri stati dell’Unione Europea fanno a scaricabarile e orecchi da mercante. Il post era questo:

Io vorrei porre alcune domande a tutti coloro che attaccano il governo e insultano il ministro Salvini per la vicenda dei migranti morti in mare. Punto primo: se un barcone naufraga a poche miglia dalle coste libiche, spetta soltanto all’Italia andare a salvare le persone? E’ forse partito dal nostro Paese? Punto secondo: secondo voi tutti i migranti che vengono dall’Africa e altrove devono essere accolti dall’Italia da sola? Non è forse vero che l’unione europea è composta da 28 Stati? Il problema deve perciò interessare tutti, o forse è giusto secondo voi che l’Italia diventi la pattumiera d’Europa? Punto terzo: è stata forse l’Italia a provocare questa ondata migratoria, tanto da doversene far carico da sola? Secondo voi la Francia, con le sue politiche coloniali e lo sfruttamento del nord Africa, e con la guerra voluta da Sarkozy che ha destabilizzato la Libia, non ha alcuna responsabilità? Mi spiegate perché noi dobbiamo farci carico delle colpe e delle politiche altrui? Punto quarto: non vi pare che negli anni passati l’Italia abbia accolto già abbastanza migranti, con i governi di sinistra a guida PD? Punto quinto: perché insultare Salvini per il fatto che antepone i problemi dei propri cittadini a quelli dei migranti, visto che tutti gli altri Stati fanno la stessa cosa?

Cioè, io mi chiedo: se un gommone carico all’inverosimile parte dalla Libia o dalla Tunisia e poi naufraga, è colpa nostra? Glielo abbiamo ordinato noi di partire? Ed il salvataggio compete solo a noi? E gli altri paesi, quelli di provenienza anzitutto, ma anche gli altri che si affacciano sul Mediterraneo, hanno diritto a infischiarsi del problema perché tanto ci sono quei rimbambiti degli italiani che ci pensano? A me sembra che la misura sia colma e che il Ministro degli Interni abbia perfettamente ragione a voler porre un argine a questo fenomeno che non soltanto porta in casa nostra, accanto a disperati che fuggono dalla guerra, anche potenziali criminali che rubano, stuprano e spacciano droga, ma arricchisce altri criminali che giocano con la vita altrui per arricchirsi illecitamente. Lo stesso Salvini ha detto più volte di non avere nulla contro gli stranieri che qui da noi lavorano onestamente, ma purtroppo non tutti sono così: ci sono quelli che delinquono (e sappiamo che alla base della maggior parte degli eventi di cronaca nera ci sono degli stranieri) ed anche quelli che vengono mantenuti a spese nostre negli alberghi mentre tanti italiani campano con 500 euro di pensione, o anche meno. Quest’ultima è un’ingiustizia intollerabile, il vedere cioè baldi giovani di colore (tutti maschi tra l’altro) che hanno colazione, pranzo e cena gratis negli alberghi e poi stanno tutto il giorno in giro con gli smartphone o a gironzolare da un bar all’altro. Almeno li facessero lavorare, visto che sono tutti giovani e forti: ci sono le strade da riparare, l’immondizia da raccogliere, i campi abbandonati da coltivare ecc. Quando si è mai vista gente mantenuta gratis tra gli italiani?
Per tornare al fenomeno delle morti in mare, se c’è qualcuno che ne ha la responsabilità morale e materiale non è certo l’Italia, ma casomai la Francia con la sua politica di sfruttamento dell’Africa e con la guerra in Libia che ha eliminato Gheddafi per peggiorare ulteriormente la situazione, addossando poi al nostro Paese le conseguenze di queste azioni dissennate. L’Italia è l’ultimo paese che ha colonizzato una minima parte dell’Africa, e per un tempo molto breve; pertanto le responsabilità per il depauperamento di quei territori e la conseguente massiccia emigrazione non sono certo le nostre, ma di altri paesi che adesso si permettono di rifiutare i migranti e rimandarli da noi, come se l’immigrazione fosse un problema solo italiano. Anche oggi, alla trasmissione “Tagadà” della 7 l’onorevole Ascani del PD (ma chi l’ha eletta, costei?) ha detto che per ogni morto in mare l’Italia ha una parte di colpa. Io non so da dove la signorina tragga questa conclusione, non riesco a vederlo. Ed anche se poniamo la questione sotto il profilo dell’umanità, della necessità di aiutare chi rischia la vita, il problema non si sposta, perché questi sentimenti dovrebbero essere di tutti i 28 stati dell’UE, non di uno solo, il nostro, che si vuol far diventare la discarica d’Europa.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Attualità

Fannulloni veri e presunti tali

L’argomento più in voga in questi giorni, accanto a quello dei diritti civili delle “coppie di fatto”, è certamente quello dei cosiddetti “fannulloni” della pubblica amministrazione, coloro cioè che timbrano il cartellino di presenza e poi se ne vanno al mare, a fare la spesa o altro che sia. La cosa mi incuriosisce perché secondo me questa improvvisa alzata d’ingegno del governo, che prevede la sospensione dal servizio in 48 ore ed il licenziamento entro un mese del dipendente sorpreso a fare altro in orario di servizio, è destinata a risolversi in una bolla di sapone, come quasi sempre accade da noi. Come si sa, noi siamo il paese del “fatta la legge, trovato l’inganno”, e non credo che questa faccia eccezione; perciò i colpiti dai provvedimenti avranno la possibilità di difendersi, fare ricorso, farsi assistere da avvocati e sindacalisti vari ecc., e così di sospensioni e di licenziamenti ne vedremo molti meno di quanti ce ne potremmo aspettare. C’è poi un’altra abitudine tipicamente nostrana: che cioè di un problema se ne discute fin quando l’attenzione mediatica vi si rivolge e tutti ne parlano; poi, passata l’ondata di interesse di giornali e TV, tutto ritorna come prima. Ma c’è di più. C’è un’altra caratteristica tipica di noi italiani che interviene in casi come questi: il cosiddetto “benaltrismo”, per cui chi si trova accusato di qualcosa reagisce non tanto negando il proprio errore (che, se testimoniato dalle telecamere, non può essere negato) quanto affermando che c’è chi ha fatto molto peggio di lui, e che quindi il proprio “errore” non è da ritenersi così grave, visto che ce ne sono altri ancor peggiori. E’ quello che successe nel 1992 in occasione del caso detto di “Tangentopoli”: tutti i politici corrotti affermavano che ce n’erano altri più corrotti di loro, e così riabilitavano la loro immagine agli occhi dei cittadini.
Sul problema dell’assenteismo nella pubblica amministrazione, tuttavia, io vorrei porre l’attenzione su un problema di cui nessuno ha parlato finora nei dibattiti televisivi e sui giornali, almeno a quanto ne so. Si è fatta tanta polemica, ed è sorta tanta indignazione contro coloro che timbrano il cartellino di presenza e poi se ne vanno in giro; ma non si è parlato affatto di coloro che sul posto di lavoro ci vanno regolarmente ma poi fanno poco o nulla. A chi non è capitato di trovarsi in uffici pubblici (comunali, giudiziari tributari, ospedalieri ecc.) e di vedere ovunque scrivanie vuote, computer accesi e lasciati lì, impiegati che discutono allegramente tra loro e prendono il caffè o leggono il giornale incuranti delle persone che li stanno aspettando e che hanno giustamente premura di ottenere quanto desiderano e di cui hanno diritto? Quegli impiegati non sono andati al mare o a fare la spesa (forse ci saranno anche andati in altri momenti, chissà), sono sul posto di lavoro, ma tra pause caffé, pause colazione, pause colloquio ameno con i colleghi ecc., praticamente lavorano la metà o un terzo di quanto dovrebbero. Perché nessuno controlla queste persone e impedisce che gli uffici, le scrivanie e i computer siano lasciati vuoti per ore da persone che, almeno ufficialmente, sono sul posto di lavoro? Perché non sospendere e licenziare anche costoro? Sarei felice che i dirigenti, adesso minacciati anche loro di licenziamento, si impegnassero a controllare tutti i dipendenti, non soltanto i cosiddetti “furbetti del cartellino”.
Nel mondo della scuola, che pure fa parte anch’essa della pubblica amministrazione, fenomeni come quelli descritti sopra sono possibili solo da parte del personale non docente (collaboratori amministrativi, bidelli ecc.) che in effetti qualche volta anch’io ho visto fuori della scuola in orario di servizio, a fare la spesa o altro. Ma i docenti non possono farlo, perché non si possono lasciare gli alunni da soli, c’è l’obbligo di vigilanza e la responsabilità civile e penale; perciò può capitare che un docente arrivi in ritardo sul posto di lavoro, ma non succede che non si presenti in aula e salti totalmente il turno di servizio, a meno che non abbia un valido e documentato motivo, e questa è la differenza tra la scuola e gli altri settori pubblici. Può però accedere (e accade purtroppo, anche se in casi rari) che il docente vada regolarmente in classe ma poi lavori poco e male, abbia un rendimento insufficiente ed un’azione didattica totalmente inefficace; ed è una situazione, questa, che può verificarsi anche in caso di docenti preparati nella loro materia ma incapaci di tenere la disciplina in classe o di trasmettere agli alunni le loro conoscenze. Cosa può fare un dirigente in questi casi? Nulla, se non vuole andare incontro a ricorsi e vertenze che finirebbero per dar ragione al dipendente ed obbligare lui stesso a rifondere i danni. E’ anche di questo problema che dovrebbe occuparsi la legge; e se si teme che il Dirigente abusi del proprio potere per perseguitare o addirittura cacciare chi non gli è simpatico o chi lo contesta (il cosiddetto “docente contrastivo”), si potrebbe però costituire commissioni ministeriali di ispettori e di esperti che, a chiamata dei dirigenti, si rechino nelle scuole per verificare se quel docente è un perseguitato o se veramente non merita la cattedra e lo stipendio che riceve. Un tempo esistevano gli ispettori ministeriali, che svolgevano appunto questo tipo di controllo, ma oggi sono spariti anch’essi travolti dalla logica dei progetti inutili e delle pastoie burocratiche. Ricostituire oggi un’autentica “task force” ministeriale che verifichi capillarmente il lavoro di certi professori mi pare l’unica strada percorribile non solo per eliminare il problema dei “fannulloni”, ma anche per dare il giusto riconoscimento a chi si dedica anima e corpo ad un lavoro purtroppo scarsamente riconosciuto ed ancor meno stimato. Lo squallido egualitarismo che affligge il mondo della scuola e che tratta tutti allo stesso modo senza considerare le profonde differenze esistenti tra noi dal punto di vista dell’impegno, del carico di lavoro e della qualità didattica, è il vero nemico da sconfiggere se si vuole che il nostro sistema scolastico torni ad essere veramente efficace e formativo.

4 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica, Scuola e didattica

Il Risorgimento a rovescio

Per avere anche frettolosamente studiato la storia, tutti noi sappiamo quanta fatica e quanto sangue costò, nel secolo XIX, il processo del Risorgimento, ossia di quel periodo storico che portò all’unificazione dell’Italia ed alla liberazione della nostra patria dal dominio straniero. Fu un processo storico che, non terminato durante il secolo XIX, proseguì anche nel XX con la prima guerra mondiale, che costò all’Italia qualcosa come 600.000 morti per il preciso fine di completare il processo di unificazione del Paese e l’acquisizione delle cosiddette “terre irredente”. Spesso mi sono chiesto, a proposito di quest’ultimo evento, se valesse la pena di pagare un contributo di sangue così alto per acquisire territori che ancor oggi dispregiano il tricolore e non si sentono neppure italiani, tanto che, se ci rechiamo in Alto Adige, ci sembra di stare all’estero e di far fatica a trovare qualcuno che parli la nostra lingua. Ma attualmente, visto ciò che sta accadendo a livello di Unione Europea, questa mia sensazione di perdita della nostra identità nazionale si è ingrandita a dismisura, e mi viene da pensare che se Cavour, Mazzini, Garibaldi e Vittorio Emanuele II potessero vedere dove sono andati a finire tutti i loro sforzi, si rivolterebbero nella tomba, tanto per riprendere un’espressione di uso comune.
Se ci mettiamo a considerare la situazione politica ed economica del nostro Paese in rapporto all’Unione Europea, vediamo come il dominio straniero sull’Italia è tornato ad esistere ancor oggi, nei primi decenni di questo sciagurato secolo XXI; la differenza è soltanto che nei secoli passati condottieri come Napoleone ci occupavano con gli eserciti e con i cannoni, adesso invece ci schiacciano con le norme repressive dovute al loro potere economico, che ha buon gioco a dominarci se teniamo conto del nostro debito pubblico, giunto ormai a dimensioni tali da impedirci non dico di fare la voce grossa in Europa, ma perfino di farci ascoltare e considerare. Il caso dell’Italia non è molto diverso da quello della Grecia, dove le sbruffonate di Tzipras non sono servite a nulla perché le condizioni economiche del suo paese l’hanno costretto, nonostante i proclami bellicosi ed un inutile referendum, a chinare la testa di fronte ai potentati economici tedeschi, francesi ecc. La stessa cosa, sia pur in tono leggermente minore, tocca anche noi: il nostro Governo, a livello europeo, conta poco o niente, ed anche Renzi, come il suo collega greco, ha dovuto accettare una serie di condizionamenti, di prescrizioni, di diktat inauditi per uno Stato che vuol definirsi sovrano e indipendente, e che non era costretto ad accettare finché non c’è stata questa Europa tiranna e dominatrice e finché non è stato compiuto  l’errore di entrare nell’euro, privando il nostro Paese della possibilità di battere moneta e quindi di poter gestire la propria economia. E che l’Italia non conti nulla in Europa, ma sia di fatto tornata sotto la dominazione straniera, lo vediamo da molti fattori che sarebbe troppo lungo qui elencare: basti dire, prendendo ad esempio la normativa bancaria, quello che è avvenuto negli ultimi anni, quando il governo di Frau Merkel si è permesso di dare soldi pubblici, miliardi di euro, per sostenere la Deutsche Bank, mentre poi ha imposto a tutti gli altri governi dell’Unione di non salvare più le banche in fallimento, e così da noi è accaduto quel che sappiamo a proposito delle quattro banche di recente andate a gambe all’aria e delle centinaia di risparmiatori che hanno visto andare in fumo tutti i loro soldi. Anche qui è valsa la legge del più forte, tanto che i signori teutonici si sono potuti permettere di dare ordini a tutti e imporre la loro dittatura economica, nonché di mettere la sordina alla loro disonestà, ben rivelata al mondo dalla vicenda della Volkswagen. E a proposito voglio citare una frase che fu detta, non ricordo da chi, alcuni mesi fa a proposito del crack della Grecia: che la signora Merkel è riuscita a fare ciò che non riuscì ad Hitler, tenere cioè tutta l’Europa sotto i suoi piedi.
Questa situazione di soggezione (per non dire di schiavitù) in cui ci troviamo per colpa dei nostri imbelli governanti si riflette in ogni ambito della vita economica e sociale: dall’Europa ci viene imposto il quantitativo di latte, di frutta, di altri generi che possiamo produrre, e guai a non rispettare gli ordini delle Loro Eccellenze, vengono fuori multe milionarie! Ci vogliono persino costringere a produrre formaggio con il latte in polvere, mandando in fumo la tradizione gastronomica italiana, la migliore del mondo senza dubbio alcuno. Ed anche nella scuola abbiamo visto, proprio quest’anno, il grado a cui è arrivata la nostra sottomissione agli stranieri: hanno costretto il nostro governo ad assumere gli insegnanti precari in base alla norma (fatta da loro, non da noi!) che se un dipendente pubblico supera i 36 mesi di servizio deve essere assunto a tempo indeterminato dallo Stato. La conseguenza di ciò è stata che, accanto all’immissione in ruolo dei molti docenti che hanno occupato i posti vacanti, ne sono stati assunti altri 50.000 circa del cosiddetto “organico potenziato”, i quali sono praticamente superflui per quanto riguarda la didattica, perché non hanno classi dove far lezione ma si limitano alle supplenze brevi, ai corsi di recupero ecc., tutte attività che venivano svolte anche prima senza che lo Stato dovesse pagare tutti questi stipendi in più soltanto perché “l’Europa ce lo impone”!
E’ veramente triste vedere come la nostra patria abbia perduto la sua identità nazionale e si sia fatta ancella dei potentati economici stranieri, senza più poter decidere il proprio destino. A ciò ha contribuito anche la sciagurata apertura delle frontiere, un provvedimento che ha fatto sì che chiunque possa entrare in Italia senza controllo: clandestini, criminali, spacciatori, gente di ogni genere che varca tranquillamente i confini senza che nessuno chieda loro neanche il passaporto o la carta d’identità. Così possono arrivare da noi, senza alcun controllo, droga, armi, esplosivi, qualsiasi cosa, perché la dogana ed i controlli di frontiera non esistono più.
Purtroppo nessuno dei combattenti di Caporetto e di Vittorio Veneto è più in vita, ma sarebbe interessante chiedere a costoro per che cosa hanno combattuto, per cosa sono stati mesi ed anni a marcire nelle trincee ed a rischiare la vita ad ogni momento. Quel che si diceva loro con la retorica del tempo, cioè che stavano lottando per una Patria libera e unita, si è rivelata un’inutile formula priva di senso; e non solo perché quelle terre da loro conquistate non si adattano neanche adesso ad essere italiane, ma perché l’Italia stessa non è più libera, non è più in grado di gestirsi e di decidere la propria politica e la propria economia. Se questa deve essere l’unione europea, dico allora che sarebbe stato molto meglio non farne parte e non accettare quella moneta unica che è stata per le nostre famiglie un vero flagello. Se è vero, come è vero, che l’Italia è la prima nazione al mondo per l’arte e la cultura, fa orrore soltanto il pensare di aver perduto la nostra indipendenza e la nostra coscienza nazionale. Ci vorrebbe un nuovo Risorgimento, un nuovo Cavour o un nuovo Garibaldi; ma penso proprio che in questo periodo storico anche soltanto ipotizzare una simile eventualità altro non sia se non fantasia allo stato puro.

3 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica