Archivi tag: Ermengarda

Rileggendo qualcosa del Manzoni…

a-manzoniIn questo periodo, stante la vicinanza del referendum costituzionale, ho deciso di non parlare di questioni politico-sociali sul blog; e ciò perché quel che scrive un docente può essere letto, sia pure per semplice curiosità, dai suoi alunni, che non dobbiamo condizionare in alcun modo. Per questo motivo io, fino al 5 dicembre, parlerò soltanto di questioni culturali e scolastiche, lasciando ad altri le disquisizioni sulla cosiddetta “attualità”.
In realtà, a mio avviso, nulla è più attuale della conoscenza del passato, perché solo attraverso il senso storico si può comprendere la realtà che ci circonda. Così, benché in questo articolo io parli, in maniera del tutto informale e senza la pretesa di dire nulla di nuovo, delle mie letture di questi giorni che riguardano un grande poeta e scrittore del XIX secolo, posso ben dire di affrontare un tema che è più “moderno” e contiguo al nostro pensiero di quanto si potrebbe immaginare. Mi riferisco ad Alessandro Manzoni, l’autore che proprio in questo periodo sto trattando con i miei alunni di quinta nello svolgimento del normale programma scolastico di letteratura italiana. Leggendolo e studiandolo confermo ancor di più la mia tesi secondo cui ai nostri giorni l’arte è morta e sepolta; per dimostrarlo basta confrontare l’arte manzoniana con i miseri prodotti degli imbrattacarte attuali, che solo forzando la lingua italiana si possono chiamare scrittori: tra i Promessi Sposi ed i romanzi di oggi c’è la stessa differenza di quella che può passare tra un elefante e una formica.
Scrittore celebrato ma anche denigrato al tempo stesso, esaltato per la sua grandezza artistica ma anche criticato per l’eccessiva presenza della fede cristiana nella sua opera (che qualcuno ha accusato di “odorare troppo di sagrestia”), Manzoni rappresenta comunque un autore fondamentale nella storia culturale del nostro Paese, colui che ha composto il romanzo più famoso della letteratura italiana e forse dell’intera letteratura europea. Ma quel che mi ha colpito, prima di arrivare ai Promessi Sposi, è stata la grande abilità descrittiva e psicologica ch’egli esprime nelle opere precedenti, dagli Inni sacri alle tragedie. Leggendo con i ragazzi il celebre coro del IV atto dell’Adelchi non ho potuto fare a meno di commuovermi e di sentire i brividi alla schiena nel riesaminare certi particolari che, pur letti altre volte in passato, non mi avevano mai dato le sensazioni che ho provato adesso, di fronte a studenti che hanno senz’altro percepito il mio stato d’animo. Ho potuto constatare la sublime perfezione di quei versi osservando con occhio diverso rispetto al passato la costante e misurata presenza degli aggettivi, i quali conferiscono al testo un’immediatezza, una bellezza, una suggestione indimenticabili: il personaggio di Ermengarda, vicina alla morte, viene descritto con pochi ma efficacissimi tocchi pittorici ravvivati proprio dall’aggettivazione. “Sparsa le trecce morbide / sull’affannoso petto” dice il poeta; ed il quadro è già completo, ma particolare rilievo assume, a mio giudizio, proprio il fatto che quelle trecce siano “morbide”, il che significa “fresche, giovanili”, a indicare e compatire l’immatura morte della povera principessa; allo stesso modo le palme (cioè le mani) sono “lente”, ossia rilasciate, abbandonate, perché Ermengarda non controlla più neanche il suo stato fisico, corporale; analogamente, il suo volto è bianco per il pallore della morte e la sua fronte è “rorida” (lett. “rugiadosa”) perché imperlata del freddo sudore che precede la fine, ed il suo sguardo è “tremolo”, cioè vacillante alla ricerca della luce del cielo. A parte un probabile richiamo allusivo, in quest’ultimo particolare, al finale del libro IV dell’Eneide virgiliana, quando Didone morente ricerca in cielo la luce proprio come Ermengarda, ciò che colpisce di più il lettore e costituisce il principale veicolo della grandissima arte manzoniana è proprio il sapiente ed accurato uso degli aggettivi, in base ai quali si determinano i contorni di un’immagine indimenticabile.
La grandezza del Manzoni come poeta e scrittore non può essere messa in discussione da nessuno, neanche dai suoi detrattori: si può criticare in lui l’eccessivo affidarsi alla giustizia divina anziché a quella umana, come ha fatto – con la miopia e la faziosità che la contraddistingue – la critica marxista; si può accusarlo talvolta di scarsa verosimiglianza, specie in certi episodi dei Promessi Sposi come la repentina conversione dell’Innominato o la singolare coincidenza nella stessa notte del matrimonio “irregolare” tentato da Renzo e Lucia e del tentativo di don Rodrigo di rapire la ragazza; ma lo spessore artistico dell’opera è incontestabile, anche perché essa trascende di gran lunga il realismo e la razionalità, principi estetici importanti sì ma non irrinunciabili nello spirito romantico. Ad un’arte descrittiva della società secentesca e della psicologia umana di altissimo livello si accompagna inoltre un messaggio culturale di grande rilievo, che a me pare concentrato in tre ambiti, quello religioso, quello politico-sociale e quello culturale. Sul primo e sul secondo, molto discussi e presenti in tutti i libri di storia letteraria, non intendo aggiungere nulla se non la particolare concezione che il Manzoni, in ossequio alla sua formazione illuminista ed alla successiva conversione, ha della ragione umana: essa è uno strumento indispensabile per comprendere la realtà e soprattutto per condannare le superstizioni e le false credenze dei secoli passati, nella cui persistenza non poca parte ha avuto la Chiesa cattolica; ma proprio nel momento in cui la fede cristiana è criticata per i suoi errori, viene anche recuperata in una prospettiva nuova e la ragione umana trova il suo limite proprio nella necessità di affidarsi a Dio ed alla sua infinita clemenza. Un rilievo particolare acquista invece, a mio giudizio, il concetto che Manzoni mostra di avere dell’importanza della cultura nella società umana, nella quale essa può giocare un ruolo sia positivo che negativo. Essa è ignobile e dannosa quando diventa uno strumento di oppressione nei confronti degli umili (v. gli incontri di Renzo con don Abbondio, l’avvocato Azzeccagarbugli e quando resta coinvolto nei tumulti di Milano), ma è invece un possesso prezioso quando è impiegata a fin di bene. Per questo Renzo vuole che i suoi figli imparino a leggere e scrivere, per non essere imbrogliati dai potenti come è toccato a lui. Ed ancor oggi, mutatis mutandis, questo messaggio è valido e attuale: anche nella nostra società la conoscenza non è un semplice orpello per distinguersi o per farsene vanto, ma il tramite indispensabile per capire noi stessi ed il mondo che ci circonda, per affrontare la vita con spirito critico e autonomia di giudizio.

Annunci

9 commenti

Archiviato in Attualità, Scuola e didattica