Archivi tag: egalitarismo

Docenti in atto e docenti in-decenti

Nella sezione Scuola del sito del “Corriere della sera” è apparso oggi un articolo di Alessandro D’Avenia, insegnante, scrittore e blogger che io seguo da tempo. Lo scritto mette l’accento sulla professione dell’insegnante, spiegando come la si possa e debba svolgere nel modo ottimale. Esistono, a suo parere, tre elementi indispensabili che ogni bravo docente deve possedere e senza i quali l’azione didattica produce noia e disinteresse: l’amore per ciò che si insegna, l’amore per le persone a cui si insegna (cioè l’empatia verso gli studenti) ed infine l’amore per come si insegna (cioè il metodo didattico). Su questa base distingue i docenti in altrettante categorie: i docenti “in atto”, cioè i veri maestri che suscitano negli allievi entusiasmo e curiosità intellettuale; gli “in-docenti”, cioè coloro che, pur possedendo competenza disciplinare nelle loro materie, non riescono a trasmettere entusiasmo negli studenti per vari motivi personali (insoddisfazione per lo stipendio, noie burocratiche, stanchezza ecc.); gli “in-decenti”, quelli che “Non conoscono ciò che insegnano e trasformano la classe, presto connivente, in chiacchierificio e poltiglia educativa.” (sic!)
A prima vista dico subito che questa classificazione mi pare troppo schematica e rigida, ciò che non ci si aspetterebbe da una persona che conosce la scuola: esiste infatti una casistica di docenti molto più ampia delle tre categorie in cui ci ha confinato il buon D’Avenia, e svariate sono le ragioni per cui un’azione didattica può andare o non andare a buon fine. Si potrebbe obiettare, come prima ovvia osservazione, che il rapporto didattico è binario e interattivo, presuppone cioè un’azione combinata tra docente e studenti: se cioè, per dirla in parole semplici, il docente è bravo ed appassionato, ma si imbatte in una classe di scansafatiche o di sempliciotti, i risultati non potranno mai essere esaltanti. Il difetto principale dell’articolo di D’Avenia, a mio giudizio, è proprio questo: che non tiene conto delle diversità esistenti tra gli alunni, che non sono tutti uguali né tutti disposti ugualmente a reagire positivamente all’azione educativa. Se vogliamo fare un paragone di sapore biblico ma molto spicciolo, possiamo dire che il docente è il seme che fa nascere la pianta, mentre gli studenti sono il terreno. E’ vero che il seme deve essere vivo e non marcito, ma è altrettanto vero che se viene gettato sulla sabbia del deserto nessuna pianta può attecchire. E non mi si dica che l’impegno dei ragazzi dipende solo dalla qualità del docente, perché non è vero: ci sono studenti refrattari a ogni stimolo e ogni sollecitazione, che vengono a scuola perché costretti dai genitori ma completamente demotivati, che dovrebbero dedicarsi ad altro e magari entrare subito nel mondo del lavoro, senza scaldare inutilmente per anni i banchi scolastici.
E poi c’è un’altra precisazione da fare a proposito delle parole di D’Avenia: che il docente lavora con una pluralità di persone, tutte diverse tra di loro, e non può quindi pretendere di essere gradito a tutti allo stesso modo. Io stesso ne ho la prova, perché ho ricevuto e continuo a ricevere tante attestazioni di stima da studenti ed ex studenti, ma c’è stato anche qualcuno che mi ha odiato e persino insultato sui social network. Piacere a tutti è impossibile, qualunque sia l’impegno, l’entusiasmo, la competenza, la passione e tutto ciò che il Nostro considera prerogative del docente “in atto”.
Quanto ai docenti “in-decenti”, è vero che esistono, ma sono comunque una minoranza, comune del resto a tutte le professioni: non ci sono forse medici ignoranti e ottusi, avvocati incapaci, ingegneri che progettano edifici che crollano? Eppure di questi nessuno parla, mentre tutti sono pronti a gettare la croce sulla nostra categoria: nei commenti all’articolo di D’Avenia sul “Corriere”, tanto per fare un esempio, sono rispuntate ancora le teste vuote che vengono a ripetere il solito ritornello secondo cui noi lavoriamo solo 18 ore la settimana e abbiamo quattro mesi di ferie. Io neanche rispondo più a queste capre, e mi meraviglio che qualche collega perda ancora tempo con loro.
Il vero problema, quello che toglie a molti docenti bravi ed appassionati la voglia di insegnare, è lo squallido egalitarismo di origine sessantottina che ancora stiamo subendo, per cui nessuno controlla il nostro lavoro (se qualche dirigente ci prova viene quanto meno accusato di mobbing) e tutti riceviamo lo stesso stipendio, a prescindere dalla qualità del lavoro svolto. Con il potere dei sindacati ed il garantismo che abbiamo i fannulloni e gli incompetenti – che per fortuna non sono molti, come dicevo sopra – non si possono licenziare, anzi dobbiamo pure trattarli bene e togliere loro qualsiasi incarico aggiuntivo, perché tanto non lo svolgerebbero. Così tutte le incombenze toccano sempre alle stesse persone e gli “in-decenti” continuano a fare danni per una vita e a percepire uno stipendio che non meritano. Si abbia il coraggio di intervenire e di inserire nel contratto di lavoro il licenziamento per scarso rendimento, ovviamente documentato; ma questo dovrebbe valere anche per tutti gli altri lavoratori del pubblico impiego, dirigenti, alti funzionari e politici compresi.

Annunci

13 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica, Scuola e didattica

Lode al Ministro della Pubblica Ignoranza!

Ho sempre pensato, e credo sia opinione di buon senso, che per giudicare le persone sia necessario conoscerle personalmente, oppure, qualora non se ne abbia sufficiente conoscenza, attendere il loro operato per esprimere un giudizio. Se ciò vale per le persone comuni, molto di più deve valere per chi ricopre cariche istituzionali, partecipa cioè – con gravi responsabilità nei confronti dei cittadini elettori – alla conduzione della “cosa pubblica”, come dicevano i Romani, cioè lo Stato. Forte di questo principio, io non avevo finora espresso giudizi sull’attuale Ministro dell’istruzione, la sig.ra Maria Chiara Carrozza, del PD, proprio perché, fin quando non ha ricevuto l’alto incarico nel governo guidato da Enrico Letta, non avevo neppure sentito pronunciare il suo nome. Colpa mia, beninteso, perché la sig.ra Carrozza era certamente persona di tutto riguardo quando dirigeva la S.Anna di Pisa; da quando però è diventata ministro, il suo modo di agire e le sue esternazioni mi hanno fatto comprendere quale sia la sua ideologia e la sua idea della scuola e mi hanno anche dato – purtroppo – occasione di esprimere un giudizio. Nella mia ingenuità avevo sperato che dopo la triste esperienza dell’ingegner Profumo, ministro nello sciagurato governo Monti, si fosse ormai toccato il fondo; ma adesso, con il ritorno di un esponente di centro sinistra a Viale Trastevere, non ne sono più tanto sicuro.
Qualche tempo fa, in proposito, ebbi a scrivere un post su questo blog dal titolo “Il Ministro in Carrozza ci riporta al ’68”, quando cioè la suddetta signora ebbe la splendida idea di dire agli studenti di un liceo romano che dovevano ribellarsi all’autorità dei genitori e degli insegnanti. Proprio una bella esternazione, che forse avrebbe potuto trovare giustificazione negli anni ’50 e ’60, quando effettivamente esisteva una scuola classista; ma oggi, in un clima sociale e politico del tutto diverso, un simile incitamento è completamente fuori luogo e si qualifica soltanto come un tentativo meschino e balordo di blandire gli studenti per ricevere un’ovazione. Non contenta di questa e di altre figure miserevoli che ha fatto, la Ministra ora si rifa viva (dopo un letargo di mesi) invitando i docenti a non assegnare agli studenti compiti per le vacanze, ai quali andrebbero sostituite non meglio precisate letture.
Cerchiamo di replicare contenendo l’ira che mi sale alla testa, nel modo più pacato possibile. E’ sicura la ministra di sapere meglio dei docenti quali siano le esigenze degli alunni, cosa è meglio per loro? Vive forse lei nelle classi di scuola media o superiore, o piuttosto passa il suo tempo a fare poco o nulla tra le scartoffie del ministero? Non pensa che un messaggio di tal genere sia profondamente diseducativo, proprio perché sottintende l’idea che tra studenti e docenti non ci sia collaborazione ma un’astiosa contrapposizione, e che esista ancora una scuola oppressiva che è invece sparita da quarant’anni? Il suo accorato appello suona piuttosto come un altro maldestro tentativo di adulare gli studenti per ottenere un’approvazione momentanea (che sa di non meritare in altro modo), senza rendersi conto che non è con questa demagogia da quattro soldi che si possono risanare i problemi della nostra scuola. I compiti per le vacanze non hanno e non hanno mai avuto l’obiettivo di rovinare le feste ai poveri studenti, bensì quello di tenerli aggiornati sugli argomenti svolti, di colmare o almeno alleviare certe lacune, di fare in modo che al rientro dalle vacanze possano procedere con maggiore tranquillità, considerata anche la tendenza dei ragazzi di oggi – purtroppo sempre più accentuata a causa dell’uso indiscriminato di cellulari, tablet e quant’altro – a dimenticare ben presto quanto apprendono a scuola. A questo riguardo invito i lettori a leggere una lettera che un mio collega e amico, il prof. Lodovico Guerrini di Siena, ha scritto ad un sito specifico che si occupa di scuola (il link è http://www.orizzontescuola.it/news/lettera-ruolo-dei-compiti-casa). Egli chiede al Ministro se preferisce che gli alunni, invece di svolgere i compiti per le vacanze, passino tutto il loro tempo sui social network così in voga oggi (da Facebook a Twitter, Ask e altri ancora), un passatempo che non porta a nulla se non all’atrofizzazione di tutte le facoltà mentali.
Oggi non si crede più alle ideologie e si continua a dire, da varie parti, che destra e sinistra sono la stessa cosa. A me non pare così, mi sembra invece che le esternazioni della sig.ra Carrozza siano alquanto ideologizzate e facciano anch’esse parte di quella funesta politica scolastica che la sinistra italiana ha condotto dal ’68 in poi, quando ha sostenuto l’abolizione della disciplina, la fine della serietà degli studi, lo squallido egalitarismo che mette alla pari i docenti bravi e quelli cafoni, gli studenti meritevoli e i fannulloni. Anche questi interventi demagogici della Carrozza, che crede così di guadagnarsi il favore dei giovani, fanno parte di quella stessa ideologia che ha distrutto tutto quello che c’era di buono e di utile nella scuola, quei valori che molti docenti ancor oggi, nonostante la presenza di un simile ministro, cercano di tenere in vita. Credo quindi di avere ragione quando sostengo che il ’68, nonostante sia passato da 45 anni, non è ancora finito: lo dimostrano anche gli sciagurati progetti che l’attuale ministero e soprattutto il Partito Democratico hanno tirato fuori ancora una volta dal cilindro magico, come ad esempio la riduzione degli studi liceali di un anno e la realizzazione di un biennio comune alle superiori, dove chi è destinato ai Licei dovrebbe avere le stesse competenze e conoscenze di chi farà gli istituti professionali. Dio ci scampi e liberi da questa catastrofe, dalla quale non ci risolleveremmo più! Se quanto sopra detto dovesse realizzarsi, la sinistra nostrana avrà finalmente portato a termine la sua paziente opera di distruzione del nostro sistema scolastico. Complimenti sinceri!

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Politica scolastica, Scuola e didattica