Archivi tag: docenti meritevoli

La riforma che “premia” i docenti

Ad anno scolastico iniziato si cominciano a vedere gli effetti, positivi e negativi, dell’ultima riforma della scuola, quella del governo Renzi e del ministro Giannini. In base ad essa ci erano stati prospettati grandi vantaggi, che avrebbero dovuto ricadere come un ombrello protettivo sulle scuole e sui docenti, vantaggi che si possono sintetizzare in tre punti: l’organico funzionale (in base al quale saranno assegnati alle scuole docenti in più rispetto all’organico normale per migliorare la didattica e coadiuvare i colleghi), il famoso bonus di 500 euro a ciascuno di noi per il cosiddetto “autoaggiornamento” ed infine un aumento stipendiale (che comunque sarà minimo) per il merito individuale, un premio cioè da assegnare ai docenti ritenuti più “bravi” e didatticamente più efficaci. Ad uno sguardo esterno tutto ciò sembra encomiabile, ma nella pratica dei fatti la realizzazione di questi progetti sembra molto diversa da come ci era stato prospettato.
Cominciamo dal primo punto, l’organico potenziato. A tutt’oggi non è dato sapere quanti docenti verranno assegnati ad ogni scuola, a quali classi di concorso apparterranno e soprattutto quali saranno le loro effettive mansioni. Poiché a livello nazionale e regionale ci sono alcune classi di concorso esaurite (prive cioè di docenti da assegnare) ed altre sovrabbondanti, sembra scontato che gli uffici regionali assegneranno alle scuole i docenti delle seconde, anche se gli istituti hanno richiesto quelli delle prime: in altre parole, se una scuola ha necessità di due docenti di informatica per approfondire le conoscenze degli studenti in questa disciplina (che oggi sembra importante più dell’aria che respiriamo), ma l’Ufficio Regionale non ne ha a disposizione perché la relativa graduatoria è esaurita, a quella scuola saranno assegnati magari due docenti di filosofia o di educazione fisica, e ciò stravolgerà del tutto il POF (cioè il piano dell’offerta formativa) e non potranno realizzarsi gli obiettivi proposti, bensì altri dei quali non v’era alcuna necessità. Non sappiamo poi quando questi nuovi colleghi entreranno in servizio, dato che, se hanno ricevuto in questo anno scolastico una supplenza annuale, hanno diritto di restare su quel posto fino al termine delle lezioni; ciò potrebbe significare che ce ne arrivino molti di meno di quelli che abbiamo richiesto, o che addirittura non ne arrivi nessuno. Non è stato precisato, infine, quali saranno i compiti reali che questi docenti dell’organico potenziato dovranno svolgere. Potranno fare le supplenze al posto dei colleghi assenti, ma ciò non eliminerà di sicuro il ricorso a nuovi contratti con supplenti temporanei, perché se in una scuola si ammalano due docenti della stessa disciplina e il collega dell’organico potenziato è soltanto uno si dovrà comunque chiamare un altro insegnante, e sarà così vanificata l’intenzione governativa di eliminare del tutto dalla scuola le supplenze temporanee. E se di docenti assenti non ve ne sono cosa accadrà? Probabilmente il collega dell’organico potenziato se ne starà senza far nulla, o forse si limiterà ai corsi di recupero o di potenziamento; ma non mi sembra giusto che il carico della didattica (non solo le ore di lezione frontali ma anche la correzione degli elaborati, la preparazione delle lezioni e quant’altro) ricada tutto sulle spalle dei docenti già di ruolo nella scuola mentre i nuovi colleghi siano pagati per fare poco o nulla. Meglio sarebbe, allora, distribuire il carico di lavoro su tutti i docenti presenti in organico, vecchi e nuovi, togliendo alcune ore o classi ai primi ed assegnandole ai secondi. Staremo a vedere cosa accadrà.
Secondo punto: il bonus di 500 euro generosamente elargito a ciascuno di noi. Di per sé la cosa è positiva, nessuno potrebbe negarlo; e va anche riconosciuto che nessun altro governo, prima di questo, aveva preso una simile iniziativa. Ci sarebbe però da dire, per amor del vero, che il nostro contratto è fermo dal 2009 e che da quella data gli stipendi sono bloccati, ragion per cui, se ciò non fosse avvenuto, in questo lungo lasso di tempo avremmo ricevuto ben più di 500 euro; ma lasciamo stare. Il problema è che non sappiamo esattamente come spendere questo denaro, soprattutto se, come sembra, andrà rendicontato a pena di restituzione. Pongo un problema: le iniziative di aggiornamento dovranno essere strettamente legate alle materie specifiche insegnate da ciascuno o no? Perché se così fosse i docenti di educazione fisica potrebbero usare questo denaro solo per acquistare oggetti da palestra o per assistere a spettacoli sportivi, tanto per fare un esempio. E potrò io, che insegno latino e greco, spendere di quei soldi per andare ad assistere ad uno spettacolo lirico, ad esempio alla Scala di Milano o al teatro dell’Opera a Roma? Francamente su questo punto non v’è molta chiarezza, e c’è il rischio concreto per molti docenti di dover restituire la somma ricevuta per averla impiegata in modo giudicato improprio.
Il terzo punto, il più controverso, riguarda la valutazione individuale dei docenti, un argomento di cui si è molto discusso senza trovare un accordo, giacché ciascuno la vede a modo suo. Le indicazioni ministeriali, inoltre, sono vaghe e interpretabili variamente; l’unico punto certo è che sarà il Dirigente scolastico a decidere quali insegnanti della sua scuola saranno più meritevoli degli altri e potranno così accedere all’aumento stipendiale. Premetto che io sono totalmente d’accordo sul concetto di meritocrazia e trovo giustissimo premiare il merito individuale; quello che non mi convince sono i criteri che ho sentito dire qua e là. Secondo l’opinione prevalente (almeno così mi è sembrato di capire) saranno premiati quei docenti che collaborano con il Dirigente nella gestione della scuola (i vicari? ma non hanno già un riconoscimento economico per questa loro funzione?) oppure anche coloro che presentano e realizzano progetti, attività cioè che sono utili agli alunni ed alla scuola (non voglio negarlo, per carità!) ma che spesso hanno poco o nulla a vedere con la didattica vera e propria. Ed è parimenti discutibile, a mio giudizio, annoverare fra i criteri di scelta il successo formativo degli studenti, perché se un docente ha la sfortuna di capitare in una classe di svogliati o poco capaci, i risultati finali di quegli studenti agli scrutini o agli esami non potranno di certo essere esaltanti, e di questo non si può dare la colpa ai professori che insegnavano in quella classe. Sarebbe come seminare sulla sabbia del mare: per quanto buono e vitale sia il seme, non germoglierà nulla. Quel che occorrerebbe fare per valutare obiettivamente i docenti sarebbe avere a disposizione un esercito di ispettori e supervisori veramente competenti nelle varie discipline, i quali venissero nelle aule ad ascoltare le lezioni e a controllare il rapporto didattico e umano tra il docente ed i suoi allievi, compresa la revisione degli elaborati ed il metodo valutativo di ciascuno. Ma un progetto del genere costerebbe moltissimo e richiederebbe tempi molto lunghi, tanto che, come si suol dire, il gioco non vale la candela. Ed allora non resta che una sola cosa da fare: affidarsi alla competenza ed all’onestà intellettuale dei Dirigenti scolastici, ai quali spetta in proposito l’ultima parola. Consultandosi con tutte le componenti scolastiche, i capi di Istituto sanno bene quali sono i docenti più preparati e rispettati della loro scuola; auguriamoci che di questo tengano conto in modo prevalente, senza lasciarsi condizionare da altri fattori che con il merito e la professionalità di ciascuno c’entrano poco o nulla.

4 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica, Scuola e didattica

Docenti in atto e docenti in-decenti

Nella sezione Scuola del sito del “Corriere della sera” è apparso oggi un articolo di Alessandro D’Avenia, insegnante, scrittore e blogger che io seguo da tempo. Lo scritto mette l’accento sulla professione dell’insegnante, spiegando come la si possa e debba svolgere nel modo ottimale. Esistono, a suo parere, tre elementi indispensabili che ogni bravo docente deve possedere e senza i quali l’azione didattica produce noia e disinteresse: l’amore per ciò che si insegna, l’amore per le persone a cui si insegna (cioè l’empatia verso gli studenti) ed infine l’amore per come si insegna (cioè il metodo didattico). Su questa base distingue i docenti in altrettante categorie: i docenti “in atto”, cioè i veri maestri che suscitano negli allievi entusiasmo e curiosità intellettuale; gli “in-docenti”, cioè coloro che, pur possedendo competenza disciplinare nelle loro materie, non riescono a trasmettere entusiasmo negli studenti per vari motivi personali (insoddisfazione per lo stipendio, noie burocratiche, stanchezza ecc.); gli “in-decenti”, quelli che “Non conoscono ciò che insegnano e trasformano la classe, presto connivente, in chiacchierificio e poltiglia educativa.” (sic!)
A prima vista dico subito che questa classificazione mi pare troppo schematica e rigida, ciò che non ci si aspetterebbe da una persona che conosce la scuola: esiste infatti una casistica di docenti molto più ampia delle tre categorie in cui ci ha confinato il buon D’Avenia, e svariate sono le ragioni per cui un’azione didattica può andare o non andare a buon fine. Si potrebbe obiettare, come prima ovvia osservazione, che il rapporto didattico è binario e interattivo, presuppone cioè un’azione combinata tra docente e studenti: se cioè, per dirla in parole semplici, il docente è bravo ed appassionato, ma si imbatte in una classe di scansafatiche o di sempliciotti, i risultati non potranno mai essere esaltanti. Il difetto principale dell’articolo di D’Avenia, a mio giudizio, è proprio questo: che non tiene conto delle diversità esistenti tra gli alunni, che non sono tutti uguali né tutti disposti ugualmente a reagire positivamente all’azione educativa. Se vogliamo fare un paragone di sapore biblico ma molto spicciolo, possiamo dire che il docente è il seme che fa nascere la pianta, mentre gli studenti sono il terreno. E’ vero che il seme deve essere vivo e non marcito, ma è altrettanto vero che se viene gettato sulla sabbia del deserto nessuna pianta può attecchire. E non mi si dica che l’impegno dei ragazzi dipende solo dalla qualità del docente, perché non è vero: ci sono studenti refrattari a ogni stimolo e ogni sollecitazione, che vengono a scuola perché costretti dai genitori ma completamente demotivati, che dovrebbero dedicarsi ad altro e magari entrare subito nel mondo del lavoro, senza scaldare inutilmente per anni i banchi scolastici.
E poi c’è un’altra precisazione da fare a proposito delle parole di D’Avenia: che il docente lavora con una pluralità di persone, tutte diverse tra di loro, e non può quindi pretendere di essere gradito a tutti allo stesso modo. Io stesso ne ho la prova, perché ho ricevuto e continuo a ricevere tante attestazioni di stima da studenti ed ex studenti, ma c’è stato anche qualcuno che mi ha odiato e persino insultato sui social network. Piacere a tutti è impossibile, qualunque sia l’impegno, l’entusiasmo, la competenza, la passione e tutto ciò che il Nostro considera prerogative del docente “in atto”.
Quanto ai docenti “in-decenti”, è vero che esistono, ma sono comunque una minoranza, comune del resto a tutte le professioni: non ci sono forse medici ignoranti e ottusi, avvocati incapaci, ingegneri che progettano edifici che crollano? Eppure di questi nessuno parla, mentre tutti sono pronti a gettare la croce sulla nostra categoria: nei commenti all’articolo di D’Avenia sul “Corriere”, tanto per fare un esempio, sono rispuntate ancora le teste vuote che vengono a ripetere il solito ritornello secondo cui noi lavoriamo solo 18 ore la settimana e abbiamo quattro mesi di ferie. Io neanche rispondo più a queste capre, e mi meraviglio che qualche collega perda ancora tempo con loro.
Il vero problema, quello che toglie a molti docenti bravi ed appassionati la voglia di insegnare, è lo squallido egalitarismo di origine sessantottina che ancora stiamo subendo, per cui nessuno controlla il nostro lavoro (se qualche dirigente ci prova viene quanto meno accusato di mobbing) e tutti riceviamo lo stesso stipendio, a prescindere dalla qualità del lavoro svolto. Con il potere dei sindacati ed il garantismo che abbiamo i fannulloni e gli incompetenti – che per fortuna non sono molti, come dicevo sopra – non si possono licenziare, anzi dobbiamo pure trattarli bene e togliere loro qualsiasi incarico aggiuntivo, perché tanto non lo svolgerebbero. Così tutte le incombenze toccano sempre alle stesse persone e gli “in-decenti” continuano a fare danni per una vita e a percepire uno stipendio che non meritano. Si abbia il coraggio di intervenire e di inserire nel contratto di lavoro il licenziamento per scarso rendimento, ovviamente documentato; ma questo dovrebbe valere anche per tutti gli altri lavoratori del pubblico impiego, dirigenti, alti funzionari e politici compresi.

13 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica, Scuola e didattica