Archivi tag: critica

Pedagogia antica e moderna

E’ abitudine invalsa, ai nostri giorni, quella di attualizzare i classici antichi, il voler vedere cioè a tutti i costi linee di continuità tra quanto fu detto nei secoli passati e certe categorie del pensiero moderno. L’operazione è legittima, per carità, ma non bisogna esagerare: occorre infatti tener conto del fatto che un’opera letteraria è corrispondente alla mentalità ed alle esigenze del pubblico del suo tempo, profondamente diverso da quello odierno. I fattori politici, sociali ed economici che determinano il sorgere di un determinato prodotto artistico mutano nel tempo, così come i gusti dei fruitori, ed è quindi fuori luogo applicare categorie del pensiero moderno ai classici antichi. Coloro che interpretano Platone o Cicerone ricorrendo alla sociologia o alla psicanalisi moderna, in altri termini, compiono un grave errore di prospettiva, come se volessero, ad esempio, sommare pere con mele. Da parte mia, per quel poco che conosco e posso dire, ho sempre ritenuto grandi buffonate certe affermazioni della critica marxista riferite al mondo classico, in cui si è voluto vedere, ad esempio, uno spirito rivoluzionario che non è mai esistito, oppure – peggio ancora – la lotta di classe, un concetto totalmente moderno e oltretutto destinato al fallimento totale, come ha dimostrato l’inarrestabile caduta del cosiddetto “socialismo reale”, una feroce dittatura di pochi privilegiati perpetrata in nome del popolo.
Ci sono tuttavia innegabili linee di continuità tra le letterature antiche e quelle moderne, in ambiti limitati dove l’umanità ha mantenuto, nonostante il passare dei secoli, le medesime esigenze. Parlo ad esempio del mio mondo, quello della scuola, dove sono ancora vitali e profondamente sentiti alcuni problemi trattati da quel grande maestro dell’antichità che era Quintiliano, che visse e insegnò a lungo al tempo degli imperatori Flavi (da Vespasiano a Domiziano). Le sue osservazioni sulle modalità di apprendimento scolastico dei bambini e dei ragazzi, sul rifiuto delle punizioni troppo gravi, sul giusto rapporto tra docente e discenti risultano così attuali da sembrare composte adesso, in questo nostro sfortunato periodo dove tanto si è detto e scritto sulla scuola senza mai ben definire i concetti essenziali. Tanti sproloqui e bestialità sono state dette dai sociologi e pedagogisti di formazione sessantottina (il voto politico, il divieto di bocciare, l’abolizione della disciplina ecc.) che hanno contribuito a rovinare la scuola, non a farla progredire. Sarebbe bastato invece leggere e capire Quintiliano per delineare la vera scuola formativa: non escludere nessuno dall’apprendimento, dare fiducia ai ragazzi, mostrare entusiasmo ed interesse, da parte del docente, per la cultura che deve trasmettere, questi sono i precetti che ogni buon insegnante dovrebbe seguire. Bocciare è inevitabile, in certi casi, ed anche costruttivo; ma nessuno deve essere umiliato e offeso, perché la dignità di tutti deve essere rispettata. La disciplina scolastica va rispettata, e vanno previste anche sanzioni per chi trasgredisce, a differenza di quanto prescrive lo sciapito “Statuto delle studentesse e degli studenti” (ma non bastava dire “studenti” riferito a entrambi i sessi?) targato Berlinguer. I ragazzi sono tenuti al rispetto per i propri docenti, e questi a loro volta debbono rispettare gli alunni; senza però familiarizzare o dare troppa confidenza, perchè il ruolo del docente è diverso da quello dell’alunno, e non dobbiamo mai metterci sullo stesso piano. Noi docenti abbiamo l’obbligo morale di essere leali, giusti e imparziali nelle valutazioni, perché gli alunni non si affezionano ad un insegnante perchè scherza o va in pizzeria con loro, ma a colui che sa insegnare, sa comunicare e si dimostra giusto e comprensivo, dando a ciascuno il suo. E un’altra cosa diceva Quintiliano che mi sembra irreprensibile: che il docente deve essere un modello di vita per i suoi alunni anche fuori delle ore scolastiche. Chi ha vizi, perversioni o cattive abitudini nella vita privata è un cattivo esempio per gli studenti, anche se nelle ore di servizio non esprime questo lato della sua personalità. Cechiamo di ricordarlo, in questo momento così difficile per il nostro Paese. Se non siamo noi educatori a indicare ai nostri giovani la via del bene, chi altro la potrà tracciare?

Annunci

2 commenti

Archiviato in Scuola e didattica