Archivi tag: conservatori

La società degli eccessi

Molto tempo fa scrissi su questo blog un articolo che parlava della teoria del “giusto mezzo” di aristotelica memoria, in cui constatavo quanto fosse difficile mantenere il giusto equilibrio tra pulsioni e sentimenti opposti. Secondo il pensiero dei saggi antichi, tra cui mi viene in mente soprattutto l’Orazio delle Satire, la virtù non è altro che una condizione morale intermedia tra due vizi opposti, come l’avarizia e la prodigalità, l’irascibilità e l’ignavia, la passionalità e l’apatia ecc. Questo saggio principio del giusto mezzo è evidentemente un’utopia, un sogno irrealizzabile perché ancor oggi, dopo tanti secoli di civiltà, di letteratura, di filosofia, di scienza, non siamo capaci di trovare un punto di equilibrio tra tendenze e pensieri opposti che caratterizzano la diversità tra le persone, i gruppi, le culture, le posizioni sociali ecc. Da qui nasce tutta una serie di etichettature insultanti su chiunque la pensi diversamente: così chi non è di sinistra è automaticamente “fascista”, chi non è di destra è “comunista”, chi sostiene la famiglia tradizionale è “omofobo”, chi si preoccupa dell’eccessivo numero di migranti che arrivano sulle nostre coste è “razzista”, e via dicendo con questi stereotipi manichei che vedono soltanto gli estremi, mai le vie di mezzo. Nessuno ha spiegato chiaramente a queste persone, a quanto pare, che non esistono solo il bianco ed il nero, ma anche varie sfumature di grigio.
Negli ultimi decenni abbiamo assistito a grandi cambiamenti del costume e del sentire comune, eventi che hanno colto di sorpresa chi, come il sottoscritto, era abituato ad un sistema etico diverso da quello attuale, al quale fa fatica ad adeguarsi; meno forte è stato invece l’impatto per i giovani, nati quando già molte cose erano cambiate e molte delle convinzioni precedenti erano state messe in soffitta. Questi cambiamenti, comunque, non sono stati indolori, perché i “progressisti” sostenitori delle nuove idee non si sono limitati a cercare il loro spazio, ma si sono scagliati violentemente contro i “conservatori” cercando di chiudere loro la bocca ed impedire loro di esprimere i propri punti di vista. Questo modo di agire è analogo a quello dei Cristiani dei primi secoli durante l’Impero romano, che all’inizio subirono persecuzioni ma poi, una volta “sdoganati” (come di dice oggi) da Costantino e vittoriosi con Teodosio, diventarono essi stessi persecutori delle altre religioni: costruirono le chiese sopra le rovine dei templi pagani perché si perdessero del tutto le tracce del paganesimo; abbatterono i simboli degli dèi come avvenne nella celebre controversia tra Simmaco e Ambrogio per la statua della Vittoria; si lasciarono prendere da un delirio fanatico che portò a cieca e bestiale violenza, come fu quella che provocò la morte della scienziata Ipazia. La stessa cosa, sebbene con toni e metodi diversi, è avvenuta oggi nel nostro Paese.
Prendiamo ad esempio alcune categorie di “diversi” prima discriminati e poi invece celebrati e favoriti rispetto ai cittadini comuni. Nella scuola c’è stato giustamente fin dal 1977 l’inserimento dei portatori di handicap, che ora si amano definire “diversamente abili”. La cosa di per sé è sacrosanta, intendiamoci, ma doveva essere fatta con criterio, non provocando ingiustizie e discriminazioni nei confronti dei normodotati e dei superdotati, i quali sono oggi totalmente trascurati e mortificati nelle nostre scuole. Inserire i “diversamente abili” non avrebbe dovuto significare trascurare gli altri o abbandonarli a se stessi, come talvolta è accaduto; se è giusto infatti che un bambino “diverso” sia messo in classe con gli altri, è però altrettanto giusto che gli altri bambini possano seguire le lezioni e svolgere regolarmente i loro programmi, ciò che risulta molto difficile quando in classe c’è qualcuno che urla di continuo, picchia i compagni o si rotola per terra. In questi casi occorrerebbe la presenza continua (che spesso non c’è) di personale apposito e preparato per simili evenienze, che evitasse ad una intera classe di restare indietro con i programmi o di subire vessazioni continue, cosa che purtroppo accade. Allo stesso modo non mi pare affatto giusto che i portatori di handicap all’esame di Stato svolgano prove apposite ma poi abbiano lo stesso sistema valutativo degli altri conseguendo persino valutazioni più alte, senza che sui tabelloni appaia alcuna distinzione. Non parliamo poi dei cosiddetti BES o DSA, che spesso utilizzano queste loro caratteristiche, più o meno certificate, per ottenere promozioni immeritate.
Altra categoria di “diversi,” un tempo ingiustamente derisi e discriminati, sono gli omosessuali, i cosiddetti gay: anche in questo caso si è passati da un estremo all’altro, come fecero gli antichi cristiani. Prima trovarsi in quella condizione significava essere perseguitati e doversi nascondere alla vista del mondo, oggi invece è l’esatto contrario: essere gay è considerato quasi un privilegio, uno status di superiorità nei confronti delle altre persone, un onore addirittura. Prima chi fosse gay non avrebbe mai potuto essere ammesso alla televisione di Stato, oggi un giornalista dichiaratamente omosessuale, che si è unito civilmente con un uomo, conduce una trasmissione quotidiana e nessuno trova da ridire, tutti accettano la cosa come normale. Ma a questo, visto il repentino cambiamento del sentire comune, ci si potrebbe anche adattare; il problema è che non ci si limita a riconoscere diritti prima negati, ma si cerca addirittura di conculcare e reprimere chi osa dissentire da questo andazzo e difende la famiglia tradizionale, l’unica naturale, quella formata da un uomo e una donna: con la scusa della cosiddetta “omofobia”, non ci si può permettere di disapprovare le unioni gay o l’adozione di bambini da parte loro, altrimenti si rischia il linciaggio morale. Io stesso sono stato escluso da Facebook tre volte per un mese ciascuna solo per essermi detto a favore della famiglia naturale e contrario alle buffonesche e ridicole esibizioni dei cosiddetti “gay pride”. Non solo: esistono disegni di legge che, se approvati, vanificano la libertà di opinione sancita dall’art.21 della nostra Costituzione, sempre con la solita scusa dell'”omofobia”, un termine oltretutto usato male perché, nelle sue origini greche, significa semplicemente “paura dell’uguale”. Si reintroduce in pratica il reato di opinione tipico delle dittature per chiunque dissenta dal pensiero unico imposto a forza da tv, giornali e social.
Lo stesso dissennato passaggio da un estremo all’altro si è registrato a proposito degli stranieri che vivono nel nostro paese e soprattutto dei migranti che arrivano con i barconi e attraverso frontiere assurdamente aperte e non più controllate. Qualche decennio fa, diciamo il vero, non c’era molta simpatia per i cosiddetti “negri”, per gli asiatici ed anche, sul piano religioso, per i musulmani; oggi invece chiunque si oppone a questi arrivi incontrollati, a questa crescente presenza di stranieri dal futuro incertissimo perché il lavoro manca persino per gli italiani, è bollato immediatamente come “razzista” e si porta questo marchio d’infamia dovunque vada. Io ho sempre sostenuto che il razzismo vero è qualcosa di diverso, è la concezione tipica dei regimi nazista e fascista secondo cui la razza ariana (o bianca) sarebbe ontologicamente superiore alle altre; ma chi si mostra preoccupato per la presenza di stranieri che spacciano, rapinano, stuprano e delinquono in generale, o che bivaccano trasformando i nostri quartieri in immondezzai, non lo fa perché si ritiene superiore a costoro, ma perché la nostra sicurezza è minacciata in casa nostra, perché questo buonismo del “politicamente corretto” oggi da tanti sostenuto non risolve i problemi ma li aggrava. Io personalmente non ho nulla contro gli stranieri che lavorano onestamente da noi, anzi vorrei che ce ne fossero di più in certi settori; ma questo non può significare accogliere tutti indistintamente senza poi poter dare un futuro a queste persone, con il rischio evidente che aumentino la criminalità e il degrado. Anche in questo caso, anziché ragionare e cercare la saggia via del giusto mezzo, ci si lascia andare ad uno scontro feroce sui social ed in politica, ad una sciocca contrapposizione tra “buonisti” e “razzisti”. La decisione migliore sarebbe quella di ragionare, di investire del problema tutta l’Europa e trovare una soluzione accettabile per tutti. Cacciare via tutti o accogliere tutti non sono soluzioni proponibili, sono due posizioni estreme che, proprio per questo loro carattere, non portano da nessuna parte. Purtroppo la saggezza degli antichi adesso è dimenticata, a parte coloro che, sbagliando gravemente a mio giudizio, strumentalizzano poeti e scrittori greci e romani per trovarvi un appoggio alle loro idee su questioni di attualità.

9 commenti

Archiviato in Attualità

La difesa del Liceo Classico

In questi ultimi tempi si è riaccesa, sui giornali e sul web, una polemica che sembrava assopita, quella sull’opportunità di rilanciare il Liceo Classico e di mantenerne la struttura originaria. Il punto centrale della questione sono le intoccabili traduzioni dal greco e dal latino, sulla cui centralità si è appuntata la maggior parte dei contributi. In particolare il dibattito è attivo sul web, sia in alcuni siti come “Le parole e le cose” (v. il link nella colonna qui a destra) sia sui cosiddetti “social” come Facebook, dove esistono gruppi appositamente creati quali “Salviamo il Liceo Classico”, “Non chiudete il Liceo Classico”, “Il greco antico” e simili.
Leggendo qua e là ciò che viene scritto sull’argomento mi sono accorto che la maggior parte dei colleghi docenti di materie classiche (il latino ed il greco soprattutto) si rivelano di idee molto conservatrici, nel senso che vanno proclamando l’assoluta necessità di mantenere il nostro liceo come è sempre stato, senza modificare nulla, e sostengono a spada tratta le traduzioni dalle lingue classiche come strumento (quasi) unico della formazione del pensiero critico. Sembra quasi, nella loro visione del problema, che il Liceo Classico sia una sorta di castello di carte che non si può toccare per timore che cada miseramente nella sua interezza, oppure una torre d’avorio dove nessuno può permettersi di entrare se non i soli “addetti ai lavori”, i quali, se accettassero qualche sia pur lieve modifica, si sentirebbero privati della loro cultura, o meglio della loro “unicità”, la particolare forma mentis del classicista che nessuno deve permettersi di toccare.
A me questa mentalità piuttosto chiusa e refrattaria a tutto ciò che esiste all’esterno della torre d’avorio sembra il modo migliore per rendere ancor meno appetibili gli studi umanistici, e per vedere diminuire ulteriormente i già pochi studenti che si iscrivono a questa scuola. Se partiamo dall’idea che noi del Classico siamo “speciali” e “intoccabili”, ciò non farà altro che aumentare le polemiche e le critiche già esistenti contro di noi e contro lo studio delle discipline umanistiche, che già molti definiscono inutili oppure, nel migliore dei casi, meno utili di altre (vedi l’inglese, l’informatica, le scienze) e comunque non più formative di altre. Se gli studiosi del mondo classico si chiudono nel loro particolarismo, cullando il loro giocattolino e rifiutando sdegnosamente di cambiarne anche un solo bottone, per loro si profila un isolamento sociale che si traduce in una sempre minor considerazione della formazione umanistica, alla quale resteranno fedeli soltanto i docenti invasati dal sacro furore della classicità e quei pochissimi studenti che si voteranno a questo tipo di sacerdozio.
Io credo di avere in merito un’esperienza non da poco, perché insegno latino e greco nel Liceo Classico da trentasei anni, ed ho al mio attivo molte pubblicazioni scientifiche, divulgative e scolastiche incentrate proprio sulle letterature antiche. Ma proprio per questa lunga esperienza non posso non accorgermi che i tempi oggi sono cambiati, gli studenti e la scuola stessa non sono più quelli di cinquanta o quaranta anni fa, quando quelli della mia generazione frequentavano il liceo. Oggi i giovani non ricevono più una rigorosa preparazione sulla lingua italiana (analisi logica, del periodo ecc.) come c’era ai nostri tempi, non studiano più alle medie il latino ma neanche la storia antica, la scuola primaria che frequentano è infarcita di progetti, lezioni alternative ecc. che non garantiscono più la continuità dell’apprendimento; a ciò si aggiunga il fatto che la promozione alla scuola primaria è praticamente scontata (ai miei tempi non lo era, si bocciava anche alle elementari!), ed ancora va tenuto conto della presenza di nuovi strumenti di comunicazione come la rete ed i social network, che hanno cambiato profondamente la mentalità giovanile ed hanno inciso pesantemente anche sulle qualità personali come la memoria, l’organizzazione logica del periodo, le capacità intuitive e deduttive. Il risultato di tutto ciò è che la traduzione dalle lingue classiche, tanto osannata e venerata dai colleghi conservatori del gruppo “Non chiudete il Liceo Classico” e di altri, è diventata ormai un lavoro da esperti filologi, non da studenti di liceo. Durante l’anno scolastico, nella maggior parte dei casi, gli alunni non fanno le traduzioni loro assegnate per casa perché dicono di avere molte altre materie da studiare, e finiscono quindi per scaricarle da certi siti internet che mettono a disposizione interi libri di versioni tradotte; e quando arrivano all’esame si fondano sul detto “Qualche santo ci aiuterà”, il che significa che riescono comunque a copiare con il cellulare (magari durante le uscite per andare in bagno) oppure ci sono professori compiacenti che – venendo meno ad ogni forma di dignità e di serietà professionale – traducono la versione e poi la passano ai ragazzi. So di fare un’affermazione grave, ma è la verità, ed in altri post ne ho spiegati i motivi.
E allora che fare? Che senso ha sostenere ancora la traduzione come il bene assoluto, come l’unica attività formativa per gli alunni, quando in pratica gli alunni stessi non traducono più? Non è meglio cercare di cambiare qualcosa ed impostare lo studio del latino e del greco anche su altre conoscenze, non solo linguistiche ma letterarie, artistiche, antropologiche ecc.? Io sono convinto che sia questa la strada per rilanciare e ammodernare veramente il Liceo Classico ed attirarvi un maggior numero di studenti: non si tratta di facilitare e banalizzare gli studi, come dicono gli austeri conservatori, ma di renderli più consoni alle caratteristiche apprenditive dei giovani di oggi. Per questo io sostengo da sempre la proposta del prof. Bettini di cambiare la seconda prova scritta del Classico, non abolendo del tutto la traduzione ma affiancandovi anzitutto una contestualizzazione del brano proposto, e poi alcune domande di tipo linguistico e retorico, ma anche storico e letterario. E va detto che quest’ultimo tipo di quesiti, oltre ad essere più difficilmente copiabile, è anche più utile per comprendere la personalità ed il grado di maturità dell’alunno stesso, che non si può valutare bene con l’unico metro delle competenze linguistiche.
La storia della letteratura e delle civiltà greca e latina non ha certamente meno importanza delle conoscenze linguistiche nella formazione degli studenti, ed è palese che essi ricorderanno negli anni futuri più il pensiero di Tucidide o di Seneca che non il genitivo assoluto o la consecutio temporum. Io stesso da molti anni attribuisco in sede di scrutinio finale più rilievo valutativo alle prove orali che a quelle scritte, fondate sulla traduzione, perché se mi basassi di preferenza su queste ultime dovrei bocciare o assegnare il debito formativo almeno a due terzi degli studenti di ogni classe, visto che nelle traduzioni sono pochi quelli che raggiungono la sufficienza. Il voler a tutti i costi mantenere il Liceo Classico così com’è, senza cambiare nulla e senza tener conto del mutare dei tempi, significa avere il prosciutto davanti agli occhi, come si dice, e vivere nell’illusione che tutto vada bene quando invece quasi tutto va male, da questo punto di vista.
In conclusione ribadisco quella che è la mia opinione in proposito. L’esercizio di traduzione dalle lingue classiche, che mantiene certamente una sua validità formativa, non va affatto abolito, altrimenti si toglierebbe agli studi classici la linfa vitale che per millenni li ha sostenuti; ma non si può considerare questo esercizio talmente centrale da svalutare ogni altro approccio al mondo antico (letterario, storico, artistico, antropologico ecc.), soprattutto in un periodo storico dove altri sono gli strumenti formativi che i ragazzi trovano sulla loro strada prima di iscriversi al liceo. Se prevarrà la tesi immobilista dei conservatori che, nell’idolatria del passato, non vogliono cambiare nulla, il Liceo Classico resterà una cattedrale nel deserto dove entreranno sempre meno persone e dove l’esimio professore continuerà a discettare sulle regoline di grammatica parlando praticamente a se stesso, nel silenzio generale e nel dileggio di tutte le altre componenti della società.

3 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica, Scuola e didattica