Archivi tag: Brigate Rosse

Tanto rumore per… poco

A me francamente sembra che l’arresto del terrorista rosso Battisti in Bolivia e la sua estradizione in Italia abbiano fatto troppo rumore, al punto che oltre metà dei telegiornali nazionali sono stati dedicati a questo avvenimento. Perché troppo rumore? Anzitutto perché il nostro governo ha gonfiato l’evento attribuendosene l’esclusivo merito, quando invece la causa della cattura è da imputare totalmente al cambiamento del clima politico nei paesi dell’America latina dove questo signore si era rifugiato, il che evidentemente gli ha fatto mancare ad un bel momento le protezioni di cui godeva in precedenza; quindi il suo arresto sarebbe avvenuto a prescindere da quale fosse stato il colore del governo italiano, che ne ha fatto invece un simbolo della sua tanto esaltata quanto inconsistente efficienza. Ma c’è un secondo motivo per cui la cosa è stata volutamente sopravvalutata, il fatto cioè che Battisti è solo uno dei tanti terroristi che sono sfuggiti alla giustizia e quindi il suo arresto, pur importante che sia, non risolve certo il problema generale della scarsa capacità dei nostri governi, ed in generale di tutti quelli delle cosiddette “democrazie”, di punire adeguatamente i nemici dello Stato.
Come già pensava Platone, e dopo lui tanti altri grandi filosofi, lo Stato è un concetto assoluto, è l’insieme di tutti i cittadini e di tutte le istituzioni che li rappresentano: per tutti gli uomini e le donne esso dovrebbe essere quindi qualcosa di sacro, di intoccabile, e chi si pone volutamente contro di esso e tenta di distruggerlo non dovrebbe ricevere nessuna pietà, nessuna comprensione, nessun beneficio di sorta. Per questo, pur augurandomi che l’assassino Battisti finisca i suoi tristi giorni in galera, non mi spiego perché altri terroristi rifugiatisi all’estero siano tuttora liberi e non vengano ricercati e perseguiti come è stato fatto per lui; il rischio concreto di questo clima creatosi in questi giorni, infatti, è che si cerchi di dare in pasto all’opinione pubblica un parziale successo per nascondere tutti gli altri insuccessi che lo Stato, nella sua debolezza e nel suo buonismo, ha incassato nella lotta con il terrorismo degli anni di piombo. La mia opinione in proposito, in effetti, è sempre stata quella di pensare che chi si è vantato di aver sconfitto il terrorismo ha detto colossali bugie per ingannare i cittadini sconvolti dal fenomeno: in realtà il terrorismo, specie quello di estrema sinistra, è imploso da solo quando i suoi capi si sono accorti dell’inutilità di una lotta armata che non avrebbe mai potuto raggiungere gli scopi previsti. Non è stato sconfitto dallo Stato, che si è mostrato sempre imbelle e incapace di affrontare il problema in modo veramente efficace.
Il perché di questa affermazione è semplice: se lo Stato avesse compreso fino in fondo il fenomeno, se avesse valutato la gravità dei fatti compiuti – primo tra tutti l’eccidio di Aldo Moro e della sua scorta – non avrebbe mai, e dico mai,consentito che gli assassini responsabili di quel massacro uscissero di galera. Se si fosse seguito il criterio indicato da Platone e da tutti coloro che hanno scritto di filosofia politica si sarebbe dovuto applicare la pena di morte, perché chi attenta alla vita dello Stato e uccide alcuni suoi rappresentanti e servitori è come se avesse ucciso tutti i cittadini, e non merita di vivere; prova ne è il fatto che chiunque avesse compiuto un atto simile fino a pochi decenni fa, quando il buonismo dei regimi democratici non si era ancora affermato, sarebbe finito sulla forca; e questo non per crudeltà, ma perché lo Stato ha il diritto di difendersi e di comminare punizioni che distolgano altri criminali da proseguire su quella strada. Perciò io non mi vergogno a dire che, quando ci fu il rapimento e l’uccisione di Moro, io invocai la pena di morte per i terroristi, condividendo il pensiero della maggior parte dei cittadini pur se gli organi ufficiali tentavano di nascondere questo sentimento popolare. D’altro canto, dovendosi accettare che ormai nel mondo occidentale la pena di morte è stata abolita, sarebbe però stato conforme ai più elementari principi di giustizia che quegli assassini restassero in galera per tutta la vita, senza vedere più la luce del sole fino alla fine della loro sciagurata esistenza. Invece gente come la Balzerani (tanto per fare un nome) hanno fatto pochi anni di prigione, oltretutto trattati in guanti bianchi, e poi sono usciti fuori; oggi sono tutti liberi, si permettono di avere profili facebook, di scrivere libri, di andare a fare conferenze e parlare degli omicidi che hanno commesso come se fossero eventi normali, giustificati dalla loro ideologia e dal clima politico che si respirava in quegli anni. Benché del loro pentimento non interessi nulla a nessuno, va anche aggiunto che nessuno di loro si è veramente pentito di quel che ha fatto. Il buonismo rivoltante e scandaloso di una falsa democrazia, che ha fatto sì che assassini confessi e mai pentiti siano liberi alla faccia delle famiglie delle loro vittime e dello Stato da loro offeso e colpito, è una vera e pesante sconfitta, altro che vittoria sul terrorismo! La vera vittoria sarebbe stata quella di far sparire quelle belve dalla faccia della terra, solo questo avrebbe reso giustizia agli innocenti massacrati ed ai loro congiunti.
Uno Stato che non si sa difendere, che perdona l’imperdonabile, che si vanta di meriti che non ha è uno Stato fallito, la cui debolezza provoca dolore e frustrazione nei cittadini, è uno stato che non vale nulla, che tenta goffamente di nascondere sotto principi evangelici la propria inefficienza. Per questo io non ho particolarmente gioito per l’arresto di Battisti, che deve pagare sì per quel che ha fatto, ma che rischia di pagare anche per tutti gli altri che sono sfuggiti alla giustizia e che sono liberi in modo assolutamente ingiusto e scandaloso. Se questo governo volesse fare veramente qualcosa contro il terrorismo, che non va mai perdonato neppure dopo 40 anni, dovrebbe rimettere in galera, e tenerceli a vita a pane ed acqua, tutti i terroristi di tutti i colori che sono in libertà nel nostro Paese e che vivono indisturbati facendosi beffe delle loro vittime. Questo sarebbe veramente un atto di giustizia, un segno di efficienza in mezzo a tante vanterie buffonesche alle quali le persone assennate non dovrebbero mai credere.

Annunci

4 commenti

Archiviato in Attualità

Importanti anniversari

Ricorrono quest’anno due importanti anniversari a cifra tonda: i 50 anni dal “mitico” ’68 ed i 40 anni dal sequestro ed assassinio dell’onorevole Aldo Moro e dei cinque uomini della sua scorta. La televisione fa un gran parlare in questi giorni dei due eventi sopra citati, in particolare del secondo, per il quale sono previste apposite trasmissioni e persino una “fiction” su Moro visto soprattutto come docente, oltre che come uomo politico. Che eventi del genere, così importanti per la vita del nostro Paese, vengano ricordati è senz’altro giusto: e non solo perché restino nella memoria di chi c’era a quei tempi, come il sottoscritto, ma anche perché siano adeguatamente conosciuti da chi allora non c’era, quei giovani di oggi che molti accusano di essere qualunquisti e disinteressati alla storia ed alla cultura. In effetti c’è bisogno di una giusta informazione su quei tragici eventi, perché in un Paese civile la memoria storica non va mai trascurata, onde evitare che i ragazzi di oggi diventino tutti come quel tale che io sentii qualche anno fa (e giuro che il fatto è vero!) che, interrogato su chi mai fosse stato Aldo Moro, rispose che probabilmente si trattava di Lele Mora, quello che arruolava le aspiranti veline.
Che la tv si occupi di questi eventi è più che giusto, ripeto; ma lo dovrebbe fare in modo adeguato, cosa che non mi sembra stia facendo in questo momento: il sequestro ed il barbaro assassinio di Moro e della sua scorta viene presentato, almeno a quanto ho sentito finora, quasi come un normale fatto di cronaca, per quanto grave e singolare. Non si parla dell’inadeguata reazione dello Stato a quell’evento, né del fatto che i vigliacchi assassini delle Brigate Rosse, dopo pochi anni di carcere-villeggiatura, adesso siano liberi e si permettano persino di scrivere libri e partecipare a dibattiti televisivi. Per questo io, essendo stato testimone di quegli eventi e avendo respirato l’aria che allora si respirava, sento la necessità di esprimere la mia opinione in proposito.
Comincio anzitutto con il dire che il terrorismo rosso degli anni ’70, che provocò tante vittime innocenti, ha la sua prima radice nel movimento del ’68 e nelle farneticazioni dell’epoca, quando l’ondata di protesta contro “il sistema” favoleggiava di rivoluzioni proletarie e ne auspicava la realizzazione, benché gli studenti e gli intellettuali dell’epoca fossero in realtà lontanissimi dal vero proletariato, il quale li snobbava e li condannava alla stessa stregua di quelli dell’estrema destra. Il ’68 fu un movimento di figli di papà e di ideologi di professione che facevano dell’utopia il loro vangelo e della violenza il loro credo. Ovviamente non tutti i sessantottini esercitarono lo stesso tipo di violenza: molti si limitavano a lanciare bottiglie molotov contro la polizia alle manifestazioni (e Pasolini li condannava, pur essendo un intellettuale di sinistra), altri occupavano le facoltà universitarie impedendo il regolare svolgimento delle lezioni e calpestando così i diritti di chi voleva studiare, altri ancora si davano a pestaggi contro gli avversari politici, i famosi “fascisti” ch’essi vedevano dappertutto (bastava esprimere un’idea non perfettamente collimante con quella dei gruppi della sinistra extraparlamentare e si era definiti “fascisti”, anche se si era iscritti al PCI). Accadde però che dalle teorizzazioni della rivoluzione proletaria, della lotta di classe e di altre idiozie di questo genere qualcuno passò alla pratica, s’illuse cioè che la lotta armata fosse il metodo giusto per realizzare quelle idee e quelle teorie che venivano continuamente espresse ed esaltate sulla stampa e nelle aule universitarie. Nacque così il terrorismo, i terribili anni di piombo che insanguinarono il nostro Paese, e di ciò il ’68 ed i suoi teoreti sono i principali ed anzi unici responsabili. E’ chiaro infatti che se si continua per anni a teorizzare la violenza e l’eliminazione fisica dei “nemici”, poi c’è qualcuno che prende sul serio questi bei precetti e passa all’uso delle armi. Questa catastrofica conseguenza si aggiunge alle altre sciagure provocate dalla diffusione delle idee sessantottine, come la distruzione del principio dell’autorità, il “sei politico” nella scuola che ha fatto laureare tanti analfabeti, la perdita dei valori familiari e sociali che prima costituivano la base ideologica della vita sociale del Paese.
Tornando al rapimento ed all’assassinio di Aldo Moro e degli uomini della sua scorta, confesso che all’epoca io rimasi sgomento, e l’evento smorzò per sempre la mia gioia per la laurea conseguita il giorno prima del fatto, cioè il 15 marzo del 1978. Sul momento la mia reazione fu di una tale rabbia e sdegno che ritenni necessaria una risposta dello Stato pari a quella dei brigatisti: se costoro avevano dichiarato guerra allo Stato e ne avevano ucciso uno dei principali rappresentanti, mi sembrava giusto che a ciò si rispondesse con la stessa moneta, facendo cioè giudicare i brigatisti da tribunali militari e applicando il codice di guerra, che prevedeva anche la pena di morte. Quella sarebbe stata l’unica risposta adeguata, non il buonismo che già cominciava a manifestarsi sotto il nome di un falso concetto di democrazia, o almeno così allora pensavo. Poi, con il tempo, i responsabili del delitto Moro caddero nelle mani della giustizia e furono processati, ma gli organismi statali si vantarono (e si vantano ancora adesso) di aver vinto con i propri meriti la lotta al terrorismo, mentre la realtà è ben diversa: il terrorismo politico in Italia, che ha avuto molte riprese negli anni successivi, si può dire che è finito perché è imploso da sé, perché i protagonisti di quegli anni di piombo si sono resi conto dell’assurdità della loro lotta e dell’impossibilità di condurla a termine, non certo per opera dello Stato, che ha fatto ben poco, non è stato capace neanche di infliggere una giusta pena a quegli assassini.
Oggi, a quarant’anni da quell’evento, anch’io ho parzialmente cambiato idea e non sostengo più la pena di morte per i brigatisti, che ne avrebbe fatto delle vittime e degli “eroi” che forse altri avrebbero cercato di imitare; ritengo però che chi ha commesso delitti così orrendi, ha ucciso barbaramente persone innocenti e ha tentato un’insurrezione armata contro lo Stato non avrebbe mai più dovuto recuperare la libertà. Quegli assassini sarebbero dovuti restare in carcere per tutta la vita, senza nessun conforto né alleviamento della pena, ridotti ad una condizione che avrebbe dovuto farli pentire non solo delle loro azioni, ma anche della loro sciagurata venuta al mondo. Trovo infatti intollerabile che chi si è macchiato di colpe come quelle dei brigatisti sia oggi libero, sia rientrato in società come se nulla fosse accaduto e si permetta persino di avere una vita sociale: una di costoro, Barbara Balzerani, ha un profilo facebook, tanti “amici” che la sostengono e la lodano per ciò che ha fatto, e talvolta se ne esce con battute come quella di qualche tempo fa, quando disse che oggi “va di moda fare le vittime”, riferendosi ai parenti degli agenti uccisi da lei e dai suoi compari. Queste persone, se tali si possono chiamare, avrebbero dovuto scomparire dalla vista degli altri e condannati ad una maledizione perpetua, ad essere esclusi dal mondo come lebbrosi. E quando finalmente la loro vita perversa fosse finita nel fondo di una cella, nessuno avrebbe dovuto saperlo e di loro non dovrebbe restare memoria alcuna.

7 commenti

Archiviato in Attualità

I disastri del buonismo, ovvero il mondo alla rovescia

Il nostro Paese, ormai da quasi mezzo secolo, cioè dal “mitico” ’68 in poi, è profondamente malato di una malattia che ha prodotto danni incalcolabili ma della cui pericolosità ben pochi si sono accorti e che quindi ancor oggi continua a prosperare: il buonismo, la tendenza a trattare in guanti gialli i delinquenti ed in genere tutti coloro che infrangono la legge in qualsiasi modo, tanto da dare l’impressione che le leggi esistano solo per castigare i cittadini onesti, talvolta penalizzati e trattati peggio dei criminali. Gli esempi di questa deleteria mentalità sono svariatissimi e si manifestano in tutti i campi della vita sociale, da quello che mi riguarda più da vicino, cioè la scuola, dove ormai vengono promossi quasi tutti e dove vengono tollerati comportamenti offensivi e persino delittuosi di studenti e genitori, fino a quello più ampio della giustizia, che spesso condanna gli innocenti e premia i criminali. In base alla prassi giudiziaria attuale infatti, per fare un solo esempio, se un ladro entra in una casa privata per rubare e poi, di fronte alla reazione del proprietario o anche senza questa, lo uccide, si prende al massimo sei anni di reclusione che poi, tra indulti, amnistie e buona condotta si riducono a tre o quattro al massimo; così potrà tornare immediatamente a delinquere, sapendo che resterà comunque impunito, o quasi. Se invece il cittadino onesto che viene derubato, rapinato o anche picchiato selvaggiamente, reagisce uccidendo il criminale, ha una serie di denunce, condanne e fastidi che si protraggono per anni, ed è perfino costretto a risarcire economicamente la famiglia del delinquente. Ecco un esempio di giustizia che funziona alla rovescia: la legittima difesa deve essere sempre lecita e mai punita, quando si dimostra che un delinquente è entrato in casa nostra per rubare o assalirci, qualunque ne siano le conseguenze. Se il ladro muore, peggio per lui, se l’è cercata. Nessuna pietà deve esistere per i criminali.
A proposito di criminalità c’è un altro fatto che ha per me dell’incredibile e che giudico grottesco e inaccettabile. I terroristi degli anni ’70, che portavano l’attacco “al cuore dello Stato” come dicevano loro, e che hanno sulla coscienza decine di omicidi, non solo sono stati trattati con riguardo e non hanno mai ricevuto il trattamento che meritavano, ma adesso sono addirittura liberi, tanto da poter tenere conferenze all’università, avere un profilo Facebook e rientrare nella società civile come se nulla avessero fatto. La terrorista delle Brigate Rosse Barbara Balzerani, implicata nel rapimento Moro e colpevole di diversi omicidi, mai pentita degli orrendi crimini che ha commesso, né dissociata, si permette di mandare su Facebook messaggi sovversivi ancora oggi e nessuno interviene per cacciarla o sospenderla da quel network, dal quale sono invece stato sospeso io per trenta giorni solo per aver espresso idee contrarie al “politically correct” che va di moda oggi e di cui parlo in altri post. A me una circostanza del genere sembra propria di un mondo che funziona alla rovescia e che agisce in modo assolutamente contrario ad ogni logica ed ogni giustizia. A mio parere quei terroristi assassini non sarebbero mai, e dico mai, dovuti uscire dal carcere; anzi, avrebbero dovuto ricevere un trattamento consono alle loro azioni, una vita tale da far loro maledire il giorno in cui erano nati, perché chi uccide in nome di una ideologia perversa e si dichiara nemico dello Stato non ha diritto di ricevere alcun trattamento umano né alcuna pietà. Nel mondo antico, in Grecia e a Roma, chi attentava ai poteri dello Stato veniva immediatamente messo a morte, perché distruggere la legalità e le istituzioni dello Stato è molto più grave che compiere atti di criminalità comune. Quanto rimpiango la saggezza degli antichi, in questo ed in tante altre circostanze!
Venendo ora a fatti meno eclatanti ma comunque gravi, vorrei dire due parole sulle cosiddette “baby gang”, gruppi di ragazzini che compiono violenze di ogni genere, a Napoli ma anche in altre città. Qual è l’atteggiamento dei politici, dei sociologi, dei religiosi di fronte a questo fenomeno? Un altro caso di incomprensibile buonismo, una visione distorta che finisce per colpevolizzare gli adulti, i genitori, la scuola, la società in genere che avrebbe “abbandonato” questi ragazzi a se stessi consentendo loro di diventare delinquenti; quindi la colpa di queste azioni viene riversata su tutti meno che sui veri responsabili, che sono invece proprio questi piccoli criminali. Essi agiscono in tal modo proprio perché sanno che in Italia si rimane comunque impuniti, o quasi; e del resto non mi si venga a dire che sono inconsapevoli, perché non ci credo affatto. Conoscono benissimo la gravità di quel che fanno, e la responsabilità penale delle azioni di ciascuno è individuale; perciò non ha senso accusare chi non c’entra nulla per giustificare azioni che sono criminali, punto e basta, come ho visto fare in una trasmissione televisiva domenica scorsa, che si poneva per slogan questa bella frase: “Non esistono ragazzi cattivi”. Non esistono? E allora quelli che rubano, violentano, accoltellano compagni e persone innocenti cosa sono, angeli della bontà? Purtroppo da noi il buonismo arriva a distorcere completamente la realtà, diffondendo un messaggio fazioso che finisce per incentivare e incrementare la criminalità. Nessuno dei partecipanti a quella trasmissione ha mai parlato di sanzioni o di punizioni per questi piccoli criminali, che invece sarebbero l’unico modo per limitare e arginare il fenomeno. Se quelli che vengono sorpresi fossero rinchiusi in appositi luoghi di pena (ad esempio i riformatori, che andrebbero ripristinati) e passassero due o tre anni non a fare villeggiatura ma ad espiare veramente i loro delitti, forse al momento di uscire deciderebbero di mettersi su un’altra strada, per non trovarsi di nuovo a subire il trattamento che meritano. Chi usa la violenza e comprende solo la legge del coltello non può essere portato alla ragione con le preghiere o le omelie, tranne qualche caso isolato; occorre perciò che lo Stato sia forte e sia veramente inflessibile con i criminali, senza mostrare un’indulgenza che costoro non meritano. Il buonismo porta soltanto a peggiorare la situazione, perché chi sa che la farà franca e se la caverà con poco continua a delinquere, perché per certe persone è sempre meglio affrontare un piccolo rischio piuttosto che dover lavorare e vivere onestamente. Ma da noi, purtroppo, due ideologie apparentemente diverse ma convergenti in tanti aspetti si sono unite nel nome del buonismo, e da questo accoppiamento perverso è uscita fuori la situazione che viviamo: l’ideologia sessantottina, che ancor oggi a distanza di mezzo secolo continua a fare danni, e quella cattolica, che da noi è più forte che in qualsiasi altra parte del mondo, tanto da insinuarsi nei meandri delle istituzioni statali, dell’informazione, della televisione ecc. E così sono i cittadini onesti a rischiare i rigori della legge, mentre i criminali sguazzano in questo marasma sociale che garantisce loro la quasi totale impunità, ed è per questo che tanti stranieri vengono in Italia a delinquere, perché nei loro paesi di origine farebbero certamente una brutta fine. Finché ci saranno politici, sociologi e preti che daranno la colpa alla società ed alla scuola e giustificheranno i delinquenti credo che ben poco potrà cambiare. Quindi, se ci entra un rapinatore in casa, sarà meglio che gli diciamo “Prego, si accomodi, vuole un caffè?” per evitare non solo la violenza sua, ma anche quella della legge e dei suoi “tutori”.

Lascia un commento

Archiviato in Attualità

La democrazia a due velocità

Da tempo si va dicendo che oggi, dopo la globalizzazione e gli eventi storici, sociali e politici cui abbiamo assistito negli ultimi anni, le idologie sono tramontate e che non ha più senso la classica contrapposizione tra destra e sinistra. Certo, se osserviamo le politiche di certi governi, questo sembra vero; ma se invece vogliamo analizzare i fatti di questi ultimi giorni, sembra che i pregiudizi ideologici siano quanto mai vivi e operanti nel nostro Paese. Mi riferisco all’ondata di sdegno contro certe manifestazioni definite “fasciste” come il blitz degli skin-heads a Como o la manifestazione davanti alla sede di “Repubblica”, che ha prodotto non solo un forte terremoto mediatico, ma anche un certo terrore sociale diffusosi ovunque, quasi che oggi, nel 2017, potessero ripetersi fenomeni come la marcia su Roma del 1922 o l’abolizione delle libertà democratiche ad opera dei gruppi cosiddetti “fascisti”.
A me il clima di provocato terrore diffuso dai media che si richiamano alla sinistra (primo tra tutti “Repubblica”) fa semplicemente sorridere, anche se va preso sul serio il dato diffuso dallo stesso quotidiano richiamato sopra secondo cui la metà degli italiani avrebbe veramente paura di un ritorno del fascismo. Ora io mi chiedo: ma com’è possibile credere a queste fandonie? Come si può anche lontanamente pensare che in uno Stato organizzato democraticamente, che ha una Costituzione nata dall’antifascismo, che possiede tutti i mezzi per difendersi da qualunque aggressione interna ed esterna, dei gruppuscoli di poche persone possano effettivamente organizzare un colpo di Stato o qualcosa di simile? Dove avrebbero la forza di compiere un’insurrezione e distruggere le libertà democratiche? Se non ce l’hanno fatta i gruppi organizzati del terrorismo degli anni ’70, possono farcela questi quattro ragazzotti di oggi? Questa paura è talmente assurda che viene da pensare che sia stata costruita apposta dagli avvversari politici per due motivi: primo, per distogliere l’attenzione degli italiani dai veri problemi come il lavoro, la disoccupazione, la criminalità, l’immigrazione incontrollata ecc.; secondo, perché la sinistra da 70 anni continua ad agitare lo spettro del fascismo (che come movimento storico è finito nel 1945) per legittimare se stessa, per avere un “nemico” contro cui combattere e poter affermare la propria presunta virtù e ragione storica, così come i cristiani hanno sempre agitato lo spettro del demonio per giustificare i propri dogmi ma anche, in certi periodi storici, i propri misfatti. Per vent’anni hanno fatto di Berlusconi il “demonio” insultandolo, ridicolizzandolo e ricorrendo alla magistratura quando non riuscivano a batterlo alle elezioni; adesso tornano fuori i “fascisti”, tipica valvola di sfogo della sinistra per trovare il capro espiatorio che tira su di sé tutto il male e lascia agli altri, ai “duri e puri” tutto il bene.
Analizzando i fatti come si sono svolti, oltretutto, non sembra affatto che i cosiddetti “fascisti” (che con il vero fascismo degli anni ’20 non c’entrano nulla, e probabilmente non sanno neppure cosa sia stato) siano più pericolosi dei gruppi di estrema sinistra, verso i quali assistiamo invece ad un clima di compiacenza, se non di simpatia. Quando la violenza viene da sinistra si ama definirla “errore di compagni che sbagliano”, oppure “una simpatica ragazzata”; ed ecco quindi che la democrazia nel nostro Paese va a due velocità, ha due pesi e due misure: se la violenza, l’intimidazione, la devastazione delle città durante le manifestazioni vengono da sinistra, sono da tollerare (si sa, sono ragazzi!); quando qualcosa di simile viene da destra si arriva all’esecrazione, alla condanna unanime, si grida al “fascismo” come se il 2017 assomigliasse in qualche modo al 1922; si diffonde il terrore tra l’opinione pubblica, quando ben altri sarebbero i pericoli da cui guardarsi, come la criminalità italiana e straniera che aumenta sempre più. Ma chi ci pensa a fermare un’invasione di clandestini che può portare delinquenza e terrorismo? Nessuno. Basta difendersi dai “fascisti” e tutti sono contenti, anche quando la violenza non c’è neppure stata. Cosa hanno fatto, in fondo, i giovani di Como? Hanno semplicemente letto un loro documento, che non era affatto delirante come la TV ci vuol far credere, senza sparare, senza violentare, senza fare del male a nessuno; e tuttavia questa azione, certo inopportuna ma non criminale, ha fatto un enorme clamore mediatico e giudiziario, tanto che quei giovani sono stati accusati di “violenza privata” che non si capisce dove stia: al massimo li si poteva accusare di violazione di domicilio. Ma poi, basta questo per temere una nuova marcia su Roma? E quando invece i giovani dei centri sociali di estrema sinistra incendiano i gazebo della Lega nord, lanciano bottiglie molotov o impediscono alle persone di esprimere democraticamente le proprie idee nelle piazze o nelle Università, quella non è violenza? Quando i terroristi no-tav fanno sabotaggi ai macchinari ed alle strutture con cui vengono realizzate opere pubbliche, quella non è violenza? E poi, anche se sono passati molti anni, a me viene in mente anche la straordinaria e ignobile indulgenza con cui lo Stato ha trattato i terroristi assassini delle Brigate Rosse ed altri gruppi di estrema sinistra degli anni ’70, nessuno dei quali è più in galera nonostante abbiano compiuto efferati omicidi. Anche gli esecutori del delitto Moro sono stati liberati e si permettono persino di comparire in televisione, fare conferenze ed avere delle pagine facebook. Questa è democrazia? Se ci fosse un minimo di giustizia, quegli assassini non avrebbero più dovuto vedere la luce, per tutta la loro sciagurata vita. Invece sono liberi. Certo, in Italia c’è solo il pericolo dei “fascisti”; tutti gli altri sono angioletti con le ali.

1 Commento

Archiviato in Attualità

Riflessioni sul terrorismo nostrano

Lo scorso 9 maggio, anniversario del ritrovamento del cadavere di Aldo Moro brutalmente ucciso dalle Brigate Rosse, è stata indicata come la giornata della memoria delle vittime del terrorismo degli anni ’70 e ’80, un periodo terribile della nostra storia. Già da quel giorno avrei voluto inserire un post sull’argomento, dato che in quegli anni io c’ero; ma poi purtroppo i vari impegni di lavoro, che per noi docenti sono particolarmente pressanti in questo periodo dell’anno scolastico, me l’hanno impedito. Trovando oggi un momento libero, desidero dire la mia opinione su quella stagione nefasta della storia della Repubblica italiana, essendo pienamente consapevole che il mio modo di pensare non sarà condiviso se non da pochi, perché non è esattamente allineato con quello che oggi è la mentalità comune, il cosiddetto “politically correct”.
In quegli anni la lotta ideologica era prevalente ovunque, specie nelle scuole e nelle università; i vari gruppi di studenti e “ideologi”, quasi esclusivamente appartenenti ai movimenti della sinistra extraparlamentare, compivano ogni sorta di violenze, come le occupazioni delle facoltà universitarie, i cortei con assalti alle forze dell’ordine, la stampa provocatoria che incitava all’odio di classe ed all’eliminazione fisica della cosiddetta “borghesia”. E tutto ciò avveniva nell’assoluta indifferenza delle autorità statali, le quali avrebbero dovuto immediatamente sgomberare i locali occupati e cacciare a legnate gli occupanti, per garantire a chi voleva studiare l’esercizio dei propri diritti. In quegli anni chi, come il sottoscritto, non si allineava a quelle idee sovversive che avevano contagiato quasi per intero il mondo della cultura (anche i docenti universitari erano quasi tutti di estrema sinistra) aveva vita difficile perché, pur riuscendo ad evitare violenze fisiche se non manifestava apertamente il suo dissenso, ne subiva comunque di psicologiche, come ad esempio il divieto di poter frequentare regolarmente le lezioni universitarie o quello di poter attraversare una città senza imbattersi in una folla di facinorosi con le bandiere rosse, urlanti e pronti a lanciare bottiglie Molotov ed altro contro la polizia. Da questo clima di esaltazione ideologica marxista, che utilizzava la violenza e la prevaricazione contro chiunque non fosse dalla propria parte, definendo “fascisti” tutti coloro che si distaccavano dalle loro idee (compresi quelli del PCI ortodosso), nacque poi il terrorismo vero e proprio, quello dei gruppi armati che intendevano fare a loro modo la rivoluzione uccidendo a tradimento funzionari dello Stato, magistrati, politici ed anche persone comuni che, per loro sventura, si erano trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato. La vittima più illustre di questi assassini – perché tali erano e non li si può definire in modo diverso – fu il parlamentare democristiano Aldo Moro, rapito il 16 marzo del 1978 con la strage di cinque uomini della sua scorta, poi processato da un sedicente “tribunale del popolo”, condannato a morte e barbaramente trucidato. Il suo cadavere fu fatto ritrovare a Roma il 9 maggio di quello stesso 1978, e si può immaginare l’effetto che questo evento ebbe su di me, che mi ero laureato il giorno precedente e che proprio allora cominciavo a nutrire belle speranze per il mio futuro.
La mia reazione al momento fu di un’infinita indignazione e il desiderio profondo, irrealizzabile peraltro, che questi assassini pagassero con la vita i loro delitti. Sapevo che la Costituzione aveva abolito la pena di morte, ma c’era comunque un’eccezione rappresentata dallo stato di guerra, durante il quale poteva essere ripristinata la legge marziale; e poiché i brigatisti avevano dichiarato guerra allo Stato e si consideravano, quando erano catturati, prigionieri politici, lo Stato avrebbe potuto applicare verso di loro il codice di guerra e farli giudicare da tribunali militari. Ma le cose non andarono così; è anzi accaduto quasi il contrario, nel senso che i terroristi assassini delle BR non hanno pagato neanche quello che sarebbe stato il minimo da infliggere loro, cioè il carcere a vita, quello che io, formatomi con la cultura classica che considerava come gravissimi i reati contro lo Stato, ritenevo giusto e inevitabile. Dopo qualche anno passato in prigione, queste belve umane sono addirittura state messe in semilibertà e poi liberate del tutto; e oggi dobbiamo tollerare con infinito disgusto il fatto che gli ex terroristi non solo non sono più in carcere, ma si permettono anche di tenere conferenze, scrivere libri e guadagnarci alla faccia di chi li acquista, farsi vedere in televisione e perfino iscriversi ai social network come Facebook e avere degli “amici”, moralmente corresponsabili della loro delinquenza. Cosa dire adesso alle famiglie delle vittime innocenti? Come deve sentirsi chi ha perduto un padre, un fratello o altri quando vede queste persone sorridere e dare interviste in televisione come se fossero benemeriti? Ci sono delitti che non possono essere perdonati, nemmeno a distanza di secoli. E poi si ha il coraggio di sostenere che lo Stato ha vinto contro il terrorismo? Secondo me il terrorismo è imploso da se stesso quando i protagonisti stessi di quella sventurata stagione si sono accorti dell’impossibilità di attuare i loro progetti e del fallimento della loro ideologia. Per questo sono finiti i gruppi extraparlamentari e quelli della lotta armata, non certo perché lo Stato si sia saputo difendere in modo adeguato.
Cosa ha permesso dunque che persone responsabili di molti omicidi siano tornati tranquillamente in libertà, quando il sangue delle loro vittime grida ancora vendetta e la più elementare giustizia vorrebbe che marcissero in carcere a pane ed acqua per tutta la vita? Il solito buonismo che trionfa purtroppo in tutte le “democrazie” moderne, che qui mostrano veramente i loro limiti, ma soprattutto nella nostra. L’affermarsi di una mentalità che incoraggiava al “perdono”, al “recupero” dei delinquenti alla vita sociale, una mentalità sostenuta da una parte dalle idee sessantottine e dei partiti di sinistra, dall’altra dal pietismo cattolico, ha fatto sì che lo Stato non si sia adeguatamente difeso da chi lo attaccava al cuore e che oggi, a distanza di molti anni, ci si sia quasi dimenticati di quel periodo terribile della nostra storia e degli assassini che ne sono stati promotori. E neppure adesso lo Stato è in grado di punire adeguatamente chi delinque, visto che anche chi commette reati efferati si ritrova libero dopo pochi anni o addirittura mesi. Questa è giustizia? Secondo me no, è buonismo inconcludente che non fa altro che incoraggiare la violenza e la malavita. Sono d’accordo che il carcere debba essere rieducativo e favorire il reinserimento in società di chi ha sbagliato nella vita, ma bisogna vedere la gravità dei delitti commessi: chi si è macchiato di efferati omicidi come quelli delle Brigate Rosse non è degno né di perdono né di reinserimento, ma solo di soffrire a vita per pagare il male compiuto. Lo Stato si difende anche con la forza, quando altri mezzi non possono funzionare, anche perché la pena dev’essere un deterrente per chi eventualmente progettasse di rimettersi su quella strada Evidentemente alle democrazie moderne, e soprattutto a quella italiana, il Machiavelli non ha insegnato nulla.

5 commenti

Archiviato in Attualità