Archivi tag: adozioni gay

Raggiunte le 200.000 visite al blog!

Da cinque anni a questa parte, da quando cioè esiste il mio blog, le visite giornalieri sono andate via via aumentando, e così oggi siamo arrivati al traguardo delle 200.000 visualizzazioni. So bene che in confronto a siti celebri o a pagine di famosi personaggi pubblici questo numero è poco significativo, ma per me lo è, perché sono partito dal nulla e non ho purtroppo quella notorietà che da sempre ho desiderato. In questo lasso di tempo mi sono occupato di vari argomenti, tra cui primeggia ovviamente la scuola, non solo perché io sono un docente, ma perché ho fatto del mio lavoro un autentico scopo di vita. Il blog deve però servire anche ad esprimere le idee personali di chi lo gestisce, anche quando sono poco allineate con il pensiero comune di cui ho parlato nel post precedente a questo; so infatti che molti non sono d’accordo con quanto io dico e affermo circa la necessità di essere onesti e mantenere certi importanti ideali non solo a livello personale ma anche in funzione della collettività. Da questo punto di vista io sono nazionalista e orgoglioso di essere italiano; continuo a credere nella Patria come ad un valore importante e ritengo auspicabile che il nostro Paese riconquisti quell’indipendenza e quella sovranità che è costata tanto sangue al nostro popolo e che oggi rischia di essere annullata dai burocrati e dai banchieri di Bruxelles e di Berlino. L’unione europea è certamente un progetto lodevole, ma ogni stato dovrebbe esser libero di tutelare i suoi confini e di avere una propria moneta, perché quando si mettono in mano agli stranieri le leve della propria economia si finisce per divenire sudditi dei Paesi più ricchi e potenti. Questo mio sentimento nazionalistico, certo obsoleto a giudizio di molti, si estende a tutti i campi del sociale; per quello che mi concerne direttamente, cioè il settore dell’istruzione, ho sempre detto e ribadito che la nostra scuola, nonostante le varie indagini e statistiche che si fondano sugli orribili test a crocetta, non è inferiore a nessun’altra, così come la nostra università: i nostri laureati e diplomati sono tra i migliori del mondo, ma purtroppo la mancanza di lavoro e di adeguata retribuzione li spinge spesso a cercare fortuna all’estero, dove giovano alle economie altrui; ed è questo un problema che mi sta a cuore perché, oltretutto, mi tocca molto da vicino.
Questo blog si è spesso occupato anche di fatti di cronaca, di costume, di politica, ed io non ho mai rinunciato ad esporre sinceramente i miei punti di vista, anche a costo di suscitare polemiche e critiche, perché credo che la schiettezza e la sincerità siano tra le qualità migliori che possa avere una persona, sebbene molto spesso provochino antipatie e inimicizie, perché nessuno ama sentirsi dire cose che non approva o che lo toccano personalmente. In base a tal principio io mi sono permesso di andare contro il pensiero comune e la mentalità ormai diffusa nel nostro Paese e propinataci dalla televisione; ho detto di non essere d’accordo con questa indiscriminata invasione di migranti che provoca problemi di ogni genere e mette in pericolo la nostra sicurezza; ho detto di non approvare certe idee oggi così in voga come le cosiddette “famiglie arcobaleno” o il ritorno prepotente di un femminismo deteriore che vede la donna sempre più lontana da quello che è il suo più bel ruolo naturale, quello di essere madre: la denatalità del nostro Paese, un male sociale che diventa sempre più grave, è infatti spesso dovuto all’egoismo di persone che mettono al primo e unico posto nella loro vita la carriera e l’attività lavorativa, evitando talvolta la maternità per non fare sacrifici o non rovinarsi le vacanze. Mi sono opposto e mi opporrò all’immoralità crescente, all’egoismo dilagante, al materialismo che travolge letteralmente la nostra società, fondata ormai quasi soltanto sui valori economici e dove i veri sentimenti hanno sempre meno cittadinanza.
Il mio è un blog alternativo, diverso da altri e spesso opposto al pensiero comune. Anche per questo mi aspetterei un numero maggiore di commenti ai singoli post, che invece sono pochissimi: in certe giornate ho avuto anche 300 e più visualizzazioni e nessun commento. Visto il livello di litigiosità che c’è oggi sui social network, e visto anche che le mie idee spesso cozzano con quelle della maggioranza delle persone, sarebbe logico che arrivassero più commenti, magari critici, magari indignati. E invece arriva poco o nulla, cosa che mi rammarica perché le persone come me preferiscono essere avversate, ostacolate e talvolta persino insultate piuttosto che essere ignorate. L’indifferenza, a mio giudizio, è il peggiore in assoluto tra tutti i rapporti sociali, ed un blog non può andare avanti a lungo se diventa una voce nel deserto, se nessuno risponde ed accende un dibattito. La discussione è sempre meglio del silenzio, il dialogo vivace sempre preferibile all’incomunicabilità.

Annunci

9 commenti

Archiviato in Attualità

Il blog di un professore ha dei limiti?

Oggi 12 febbraio questo mio blog compie quattro anni, essendo stato inaugurato nello stesso giorno del 2012. In questo periodo ho pubblicato oltre 190 articoli (o post come si dice oggi), che hanno riguardato massimamente il settore di mia competenza (cioè quello della scuola) e che più raramente hanno trattato altre tematiche di tipo politico, sociale o letterario. Ho intenzione a breve di compilare un elenco degli articoli e degli argomenti affrontati, in modo da rendere per i lettori più agevole il reperimento delle pagine più interessanti o più corrispondenti agli interessi di ciascuno. Per quanto mi riguarda, non nascondo che tenere un blog e aggiornarlo con cadenza più o meno settimanale mi costa fatica, perché di tempo ne ho poco; il lavoro scolastico, infatti, diventa ogni anno più pesante (non so perché ma è così) e anche l’età comincia ad avanzare. Pur tuttavia continuo a osservare questo mio impegno straordinario, anzitutto perché sento la necessità di far conoscere alle persone del mio settore, ma anche ad altri, quelle che sono le mie idee e le mie opinioni; in secondo luogo, tengo il blog perché sono convinto che l’esperienza di un docente che insegna da 36 anni può servire a chi comincia adesso questa professione ed a quanti, a qualsiasi titolo, hanno a che fare con il mondo della scuola. Ricavo questa convinzione dal fatto che continuo a ricevere lettere, al mio indirizzo e-mail privato che ho indicato sul blog, di colleghi, genitori e studenti che mi chiedono pareri e consigli. Quello che invece mi rammarica, come vado ripetendo da quando ho iniziato questa attività, è il fatto che al numero piuttosto elevato di visite giornaliere che il blog riceve non corrisponda un adeguato numero di commenti, i quali, se pubblicati e corredati di risposta, potrebbero essere utili a più persone. Accade invece, purtroppo, che di fronte ad una media di circa 150 visite al giorno, il numero dei commenti sia molto esiguo, tanto che a volte passano settimane senza riceverne alcuno. Probabilmente molte persone preferiscono limitarsi a leggere senza scrivere nulla, perché non amano mettersi in gioco e sostenere le proprie idee.
Comunque, dopo quattro anni di blog, ho pensato quest’oggi ad esprimere anche un altro problema che da tempo mi affligge, cioè le limitazioni che un’attività di questo tipo deve necessariamente avere quando il titolare è un professore. Noi docenti, si sa, siamo anche e soprattutto educatori, e quindi dobbiamo stare attenti a ciò che diciamo agli studenti, soprattutto in classe ma anche in un blog personale, dato che gli studenti stessi o i loro genitori possono benissimo leggerlo, anzi lo fanno molto spesso. Da ciò deriva che, se qualcuno di noi ha delle convinzioni diverse da quello che è il sentire ed il pensiero comune propinatoci dalla tv e dai giornali, se cioè le nostre idee vanno contro il cosiddetto “politicamente corretto” (traduco un’espressione anglosassone di larga diffusione), non lo possiamo esprimere senza venir meno alla nostra funzione di educatori e di formatori della gioventù. Ammettiamo, ad esempio, che qualcuno di noi sia favorevole alla pena di morte, o sia contrario all’accoglienza indiscriminata degli immigrati che vengono sistemati negli alberghi a 4 stelle mentre molti italiani dormono in macchina e negli scantinati, o sia contrario ai matrimoni e alle adozioni gay, visto che di quello si parla oggi più che di qualsiasi altra questione. Uno di noi che la pensasse così sarebbe in pratica costretto a tacere, a non esprimere pubblicamente queste sue idee, perché in caso contrario sarebbe tacciato di oscurantismo, fascismo, razzismo, bieco cinismo, bestiale malvagità e chi ne ha più ne metta, e il disprezzo nei suoi confronti sarebbe ancor maggiore di quello da riservare ad altri cittadini, perché noi siamo educatori e dobbiamo sempre e comunque rispettare le idee prevalenti che ci vengono imposte da quella che altrove ho chiamato “la nuova religione laica” dei diritti civili, siamo tenuti a trasmettere ai giovani ideali di buonismo, di accoglienza, di libertarismo e di libertinismo, anche se non ci crediamo. A me questa sembra una grave limitazione della libertà di opinione e della personalità di ciascuno di noi, in nome di un’etica preconcetta, voluta da certe lobbies e imposta a tutti dai mass media in modo coercitivo. Nei secoli passati chi si opponeva al pensiero comune veniva frustato in piazza, torturato o mandato al rogo dal tribunale dell’Inquisizione; adesso lo si punisce più sottilmente attraverso una condanna morale e un’emarginazione di fatto dal contesto sociale, ma il disprezzo che il dissidente riceve è lo stesso, e se si tratta di un docente è ancora maggiore. Di questo sono consapevole ed ho voluto qui esprimerlo… ma ho parlato in generale, per carità, non vorrei che si pensasse che il problema mi riguardi personalmente.

5 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica, Scuola e didattica