Società della comunicazione o dell’incomprensione?

Ognuno sa quanto i cosiddetti “social” abbiano preso campo oggi, al punto che molte persone utilizzano praticamente soltanto questi come mezzi di comunicazione, al punto da divenirne dipendenti: i giovani soprattutto sono sensibili al fenomeno, come possiamo notare, se è vero che alcuni di loro si rinchiudono nella loro stanza e rinunciano addirittura ad uscire e a costruire amicizie reali per corrispondere solo con quelle virtuali. Ormai tutti noi, e non solo i giovani, viviamo in questa atmosfera e comunichiamo con gli altri attraverso Facebook, Twitter, Instagram e altri social di questo tipo; se poi dobbiamo scrivere a qualcuno utilizziamo l’e-mail, non ci serviamo più della carta come usava un tempo. Il telefono resta sempre di lago uso, ma più per scambiare messaggi e consultare i social che per parlare a viva voce.
Quella che viviamo oggi è dunque l’era della comunicazione, in cui esistono teoricamente molte più forme di contatto umano di quanto accadeva qualche decennio fa. Eppure, stando almeno a quella che è la mia impressione, non mi sembra che queste maggiori opportunità abbiano migliorato di molto la vita di ciascuno di noi, ed al proposito vorrei fare due osservazioni. La prima è che è molto aumentata la percentuale delle persone che vivono in solitudine, nonostante abbiano i computers, gli smartphone e quant’altro; è una solitudine in parte volontaria, nel senso che molti si isolano dalle relazioni umane rinchiudendosi in casa propria, ma in parte è anche forzata, perché è proprio nell’era delle comunicazioni e delle informazioni che tante persone non riescono a trovare vere amicizie o relazioni sentimentali. Sembra un assurdo ma è così: un tempo, quando non esistevano questi strumenti moderni, quasi tutti avevano amici da frequentare e si formavano una vita di coppia che sfociava generalmente nel matrimonio; oggi invece, quando sembrano aumentate così tanto le occasioni di conoscenza, tante persone vivono in isolamento e aumentano sempre più i cosiddetti “singles”, cioè uomini e donne che non hanno una relazione sentimentale stabile. E se questa condizione a volte è volontaria e dovuta a ragioni di lavoro o altro, molto spesso invece coloro che restano in solitudine non lo fanno per scelta, ma non riescono ad uscire dall’isolamento nonostante tutte le opportunità comunicative che il mondo attuale sembra loro offrire.
Si tratta di un fenomeno difficile a spiegarsi, ed io non sono un sociologo. Quello di cui desidero parlare riguarda invece la seconda osservazione che vorrei fare a questo riguardo. I social danno a tutti (purtroppo, aggiungo io!) la possibilità di esprimersi, di commentare qualunque notizia o avvenimento, di stabilire contatti con persone conosciute o sconosciute. Ma questi contatti portano spesso all’incomprensione, ossia a non intendere la vera sostanza di ciò che è stato scritto. Mi spiego. Se due persone parlano a voce e sono fisicamente l’una accanto all’altra, in genere riescono a cogliere lo spirito e l’intenzione con cui ogni frase è stata pronunciata; nell’esposizione orale dei concetti infatti, come ci insegna la retorica classica, non conta soltanto ciò che viene detto, ma anche “come” viene detto, cioè il tono della voce, l’espressione del volto del parlante, la gestualità. Così una frase teoricamente offensiva, come ad esempio “sei uno stupido”, potrebbe non essere intesa come tale se pronunciata in tono scherzoso, con volto disteso e con un’amichevole pacca sulle spalle, il che potrebbe far intendere a chi è così apostrofato che colui che l’ha pronunciata aveva in realtà intenzione di ammonirlo benevolmente, non di insultarlo. Se invece quella stessa frase viene scritta e letta così com’è, non può essere intesa altrimenti che come offensiva.
Ecco perché dico che la grande opportunità comunicativa che offrono i social e gli altri elementi della rete (forum, questionari, blog ecc.) è spesso ingannevole, ed è molto alta la possibilità di essere fraintesi, perché quando scriviamo un commento su Facebook, ad esempio, non sappiamo come sarà recepito da chi lo leggerà. A me personalmente è accaduto molte volte di aver espresso una mia opinione con una certa intenzione e che poi il mio pensiero sia stato inteso in modo opposto, ed è successo anche, di recente, di aver espresso considerazioni generiche, senza alludere a nessuno in particolare, ma che invece qualcuno si sia risentito come se le mie affermazioni fossero state direttamente rivolte a lui. Purtroppo la parola scritta, presa da sola senza la presenza fisica di chi l’ha espressa, presenta questo rischio. Mi si dirà che il problema c’è sempre stato, perché la corrispondenza privata e le opere scritte di pubblico dominio non sono cosa di oggi; ma il dato curioso è che proprio nella civiltà di internet e dei social esso si è ingigantito a dismisura. L’epoca della comunicazione, che avrebbe dovuto avvicinare le persone tra di loro, ha finito per allontanarle, sia in senso materiale (con l’aumento della solitudine e dell’autoesclusione dalla società) sia generalmente in senso relazionale, perché ciò che scriviamo sui social può essere stravolto fino a farlo passare come l’esatto contrario di ciò che l’autore voleva dire. Anche questo, a mio parere, è un aspetto del pensiero unico e di quel tipo di censura che esclude me da Facebook per trenta giorni solo perché ho scritto la parola “negro”. Se i signori censori avessero avuto modo di sapere lo spirito e l’intonazione con cui l’ho detta e quali erano le mie reali intenzioni, forse non avrebbero preso questo provvedimento; forse, se si sapesse qual è lo stato d’animo di chi si esprime in un certo modo, non si darebbe del “razzista” a chi fa presente i problemi che l’eccessiva presenza degli stranieri in Italia comporta. Ma io credo che a certe persone e certe ideologie faccia comodo così: meglio non impegnarsi per capire, basta interpretare come si vuole ciò che si legge e poter così comminare condanne morali e materiali a chi l’ha scritto. Si ottiene il massimo utile con il minimo sforzo.

2 commenti

Archiviato in Attualità

2 risposte a “Società della comunicazione o dell’incomprensione?

  1. Angelo Belloni

    Al solito il Suo contributo è ineccepibile: impossibile non essere d’accordo.
    Vedo però anche che nella Sua trattazione trascura alcuni piccoli particolari, che poi tanto piccoli non sono.
    Intanto il vocabolario, che è ormai ridotto ai minimi termini: per definirlo povero occorre essere già più che benevoli. Non parliamo poi dell’ortografia, della sintassi e dei tanti altri orpelli linguistici e stilistici che evidentemente sono ormai il disdicevole retaggio di un’era geologica passata.
    C’è però la sintesi … la sintesi, la sintesi: bella roba! I concetti sono ridotti ad una mezza frase fatta, e comunicati senza mai fornire le informazioni che consentano di valutarli e farli davvero propri: pigrizia? mancanza di volontà? oppure semplicemente incapacità di sviluppare o di recepire un ragionamento logico compiuto?
    Il risultato è l’affermarsi di bufale che sono deglutite senza colpo ferire (e poi ridiffuse) come verità inconfutabili, evidenti di per sé.
    Per lavoro e per passione mi occupo del mondo aeronautico. Prendiamo per esempio l’F-35, che nell’immaginario collettivo e nei vari blog specialistici è ormai preso come il non plus ultra della scienza e della tecnica.
    Eppure, cercando bene in Internet, si trova – tra i tanti altri analoghi – un rapporto degli uffici tecnici della Royal Australian Air Force (RAAF) dal quale l’F-35 esce disintegrato, soprattutto in relazione ai suoi possibili avversari.
    Certo, sono 150 pagine da leggere, ed ogni riga è densa di dati, informazioni e considerazioni che portano all’inevitabile conclusione logica.
    Volendo c’è anche una sintesi agli atti del parlamento australiano; ma sono pur sempre venti pagine da leggersi. Troppa fatica: meglio crogiolarsi nelle frasi fatte e senza fondamento, nell’illusione che l’F-35 sia davvero il portento che si vuol dare ad intendere.
    E come questo …

  2. Sapere di più per fare di più

    Post profondo e ramificato, che mi ha dato molto da riflettere. Penso che comunicazione e incomprensione siano due facce della stessa medaglia: quanto più è disponibile la prima, tanto più abbonda la seconda. Le nuove tecnologie offrono numerose possibilità in più di comunicare, e quindi anche di fraintendere. Gli stessi media, poi, fanno anche da cassa di risonanza per i fraintendimenti. Quindi, potremmo dire che questa è sia l’era della comunicazione, che dell’incomprensione, quest’ultima resa più evidente dal carattere pubblico di molti nuovi media, e facilitata dal fatto che non è necessario dimostrare nè chiarezza espressiva nè comprendonio per farne uso. D’altra parte, se questi ultimi fossero requisiti indispensabili per accedere ai nuovi media, non li utilizzerebbe quasi nessuno, riducendone enormemente l’interesse economico, Che fare, quindi? Credo che l’unica alternativa che ci resti sia cercare, nei limiti delle nostre possibilità, di dare buoni esempi. Lei che ne pensa?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...