Insegnare italiano: croce e delizia

Se l’insegnamento, in tutti i gradi di istruzione e in tutte le discipline, comporta un impegno continuo e stressante da parte di chiunque intenda svolgere seriamente il proprio dovere, tanto più questa caratteristica si riscontra in chi insegna italiano, ed in particolare nell’ultima classe dei Licei e di tutti gli altri istituti superiori. Non so quanti saranno in sintonia con questa mia affermazione; da parte mia, però, posso dire in tutta sincerità che in tutti i miei anni di servizio precedenti, in cui insegnavo soltanto il latino ed il greco (appartengo alla classe 52), non ho mai fatto tanta fatica e non sono stato mai così stressato come in quello corrente, quando alle discipline classiche si è aggiunto l’italiano in una classe terminale, da portare all’esame di Stato. Ho compiuto il ciclo triennale completo dell’italiano con questa classe, che avevo anche nei due anni precedenti, e già mi ero accorto che la letteratura italiana, bellissima e affascinante senza dubbio, richiede però al docente un impegno comunque gravoso; ma mentre in terza ed in quarta il carico di lavoro è sopportabile, in quinta diventa un fardello pesantissimo, considerata l’enorme vastità del programma e del tempo a disposizione, assolutamente insufficiente, per svolgerlo in modo dignitoso.
Già la letteratura dell’800 è sterminata, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo: autori come Foscolo, Leopardi, Manzoni e Verga già da soli sarebbero più che sufficienti per impegnare un intero anno scolastico, considerato anche che alla trattazione teorica del loro pensiero e delle loro opere deve sempre aggiungersi la lettura antologica, effettuata in classe, dei capitoli, dei passi e delle poesie più importanti. I movimenti letterari come il Romanticismo, il Verismo, il Decadentismo necessitano anche di un’adeguata introduzione storica, ché altrimenti non vengono adeguatamente compresi; e anche per questo ci vuole del tempo. Ci sono poi i cosiddetti “minori”, che poi tanto minori non sono e vanno comunque trattati o almeno accennati, con tanto di letture antologiche. E come se ciò non bastasse, va detto che il tempo disponibile non può essere dedicato tutto alla trattazione dei vari argomenti ed alle letture: ci sono anche le verifiche, che in una classe numerosa portano via molte ore, in qualunque modo si vogliano effettuare.
Ma il vero problema del programma di italiano si presenta con la letteratura del ‘900, quando il numero dei movimenti letterari e degli autori, pur se meno titanici di quelli dell’800, si moltiplica. Attualmente (e siamo praticamente già a maggio) sto parlando di Pirandello, un autore a me molto gradito e sul quale sarebbe necessario restare un po’ di tempo, diciamo due settimane; ma allora quando mai avrei la possibilità di trattare anche le opere di Svevo, Ungaretti, Montale, Saba, Quasimodo ed altri ancora? Sarò costretto, come tanti altri colleghi, a correre per poter includere nel programma gli autori citati qui sopra, con i quali temo che il programma stesso dovrà chiudersi, quando ci sarebbero invece tante altre voci da trattare, da Tozzi a Moravia, da Tomasi di Lampedusa a Pasolini, tanto per citarne alcuni che credo abbiano lasciato un’impronta indelebile nella cultura del loro tempo. Ma tanti altri ce ne sarebbero, che non potremo nemmeno nominare, e di ciò mi dispiace alquanto, anche perché non vedo alcuna soluzione accettabile al problema. C’è chi parla di “tagli” da fare per agevolare il percorso ma io, che ho sempre fatto del senso storico uno dei cardini della mia impostazione didattica, non vedo come si possa parlare di Manzoni senza parlare prima di Foscolo, come si possa trattare Tasso se prima non si è trattato l’Ariosto, e così via. Sta di fatto che il problema mi grava sulla testa come un macigno; e dire che ho chiesto io l’insegnamento dell’italiano, sia per ampliare la mia cultura sia per fare qualcosa di diverso dai soliti programmi, pur bellissimi, di letteratura latina e greca, che ho svolto ininterrottamente per trentacinque anni.
L’insegnamento dell’italiano in un triennio superiore, come ho potuto constatare sulla mia pelle, è gravoso e impegnativo anche per quanto concerne la preparazione e la correzione degli elaborati scritti. Ai miei tempi il professore ci dava la scelta tra due temi, uno di letteratura e l’altro di attualità, le cui tracce si riassumevano in poche righe; adesso preparare un compito di italiano è invece complicatissimo, perché occorre anzitutto trovare un passo poetico o prosaico adatto per l’analisi del testo, corredato oltretutto da una griglia di richieste ben precise, ed inoltre, cosa ancor più gravosa, preordinare il cosiddetto “saggio breve” o articolo di giornale. Per realizzare un’opera del genere bisogna anzitutto pensare ad un argomento che non sia banale ma al tempo stesso adatto agli studenti di quella età, e poi corredare l’argomento stesso con una serie di testi di autori diversi e di diverse epoche, il cui pensiero sia però collegabile mediante un “filo rosso” che consenta allo studente di sviluppare un ragionamento organico e coerente. E qui affermo, senza esagerare, che un pomeriggio intero spesso non è sufficiente per preparare lo schema delle tracce da presentare per il compito; a ciò si aggiungono, com’è facilmente intuibile, altri due o tre pomeriggi per la correzione dei vari elaborati, alcuni dei quali sono oscuri nell’interpretazione di alcune parti oppure scritti con una grafia quasi illeggibile, il che consuma gli occhi del docente, oltre che logorarne la mente già notevolmente stressata.
Per un docente laureato in lettere classiche e da sempre dedito all’insegnamento delle lingue e letterature latina e greca, persona che solitamente conosce sì la letteratura italiana ma non è uno specialista in questo campo, questa disciplina rappresenta una fatica incommensurabile, che finisce per occupargli tutto o quasi il tempo libero. Resta però la soddisfazione di poter ampliare in tal modo i propri orizzonti culturali, prima un po’ troppo limitati al mondo antico, e di poter operare continui e affascinanti confronti tra la cultura classica e quella moderna. Tenendo conto di ciò, ed a parziale ritrattazione di quanto scritto prima, affermo qui di non essermi mai pentito di aver deviato un po’ dal mio insegnamento tradizionale per assumere anche quello dell’italiano, materia splendida e affascinante com’è la nostra letteratura, senz’altro la più bella del mondo. Nonostante i sacrifici, quindi, il gioco vale la candela.

Annunci

8 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica, Scuola e didattica

8 risposte a “Insegnare italiano: croce e delizia

  1. Michele De

    A questo problema io le rispondo così: gli studenti dei licei italiani del 1871 usavano come manuale la “Storia della letteratura italiana” di Francesco De Sanctis, che arrivava fino a Manzoni. Da quello che ho compreso lei ha frequentato il triennio del liceo tra gli anni ’60 e ’70. A quel tempo fino a dove arrivavano i manuali e i professori con il programma? Se arrivavano anche oltre Manzoni facendo comunque bene tutti gli autori importanti allora vuol dire che ci si potrebbe ispirare ad essi per risolvere il problema che adesso lei come professore si ritrova nella sua classe.

    Saluti

  2. Non ho ben capito cosa vuol dire: io dovrei prendere a riferimento oggi i programmi che ho svolto io come studente nel 1973, quando frequentavo l’ultimo anno del Liceo? Allora arrivammo a Pirandello e non parlammo neanche di Svevo, figuriamoci ciò che viene dopo; ma oggi il punto di arrivo si è spostato molto in avanti, almeno in teoria. In pratica, invece, farò del mio meglio, ma i miracoli non ho ancora imparato a farli.

    • Michele De

      Intendevo dire che lei potrebbe confrontare come erano i programmi del 1973 rispetto a quelli del manuale di De Sanctis di un secolo prima e capire in che modo sono riusciti a fare spazio ai nuovi autori. Con buona probabilità hanno semplicemente dato meno spazio e brani ad autori “minori”, le segnalo comunque la seguente relazione di come una sua collega mette in pratica il programma di letteratura italiana:

      https://workshopdidattica.files.wordpress.com/2017/03/tagliare-e-cucire-zoni.pdf

      • Grazie della segnalazione, che visionerò subito. Normalmente però io sono contrario ai cosiddetti “tagli”, perché non si possono eliminare argomenti ed autori comunque importanti solo per fare spazio a chi si ritiene “maggiore”. E comunque, nonostante che ai cosiddetti “minori” sia dia ormai poca o nulla importanza, non si riesce comunque a concludere i programmi. Il confronto col 1973 è poco probante, perché allora non esistevano tutti i progetti e tutte le attività attuate oggi, che portano via una parte consistente del tempo-scuola.

  3. Alessandra

    Caro professore, la letteratura italiana è bellissima! L’ultimo anno di liceo-che allora si chiamava ancora “terzo”- ebbi una brava insegnante, giovane e competente, che ci fece amare la letteratura, tanto che pensai presentarmi all’orale di italiano. Alla fine preferii latino e storia e andò bene lo stesso. Oggi, laureata in Lettere classiche e Filologia catalana, insegno catalano e le posso assicurare che c’è una bella differenza. Il programma della materia si basa quasi esclusivamente sull’ortografia e la morfosintassi. I capitoli dedicati alla storia della letteratura sono due o tre (una decina di pagine). Le ore di lezione sono assolutamente tediose e le prove d’esame un cumulo di esercizi prattici sull’applicazione della normativa. Devo inventarmi strategie circensi per captare l’attenzione dei miei cari adolescenti. Per fortuna sono italiana e la fantasia non mi manca. Vedesse le mie colleghe…
    Un caro saluto
    Alessandra
    PS: grazie per il blog. Mi piace molto leggerne gli articoli: mi fanno sentire un po’ a casa.

    • Anche da altri suoi commenti ho compreso che non è molto contenta di ciò che deve insegnare, né della preparazione media dei suoi studenti. Si consoli pensando che tutto il mondo è paese e che anche in Italia, benché, la nostra scuola abbia punte di eccellenza, dobbiamo affrontare diversi problemi derivati non da noi ma dai nostri politici, che mettono mano a riforme sciagurate senza calcolarne le conseguenze. Sono felice che le piaccia il mio blog; almeno per tutto il 2017 continuerò a tenerlo, dopo non so.

  4. Paol

    Il problema purtroppo riguarda anche altre discipline. Da studente lo constato personalmente. Nonostante si proceda a tamburo battente, non si riesce comunque quasi mai a terminare del tutto un programma. Mi riferisco in particolare a Italiano, Storia, Fisica, Scienze, Storia dell’Arte. Mi rendo conto di come sia problematica la questione al quinto anno (avrò modo di sperimentarlo sulla mia pelle l’anno prossimo). L’unica soluzione sarebbe garantire le ore previste dalle tabelle ministeriali, fissando un tetto massimo per l’erosione del monte ore, ormai sempre più invasiva

    • Certo, il problema dei programmi troppo corposi per il tempo disponibile riguarda un po’ tutte le materie, ma per l’italiano del quinto anno la questione appare di dimensioni mastodontiche; con il latino ed il greco, invece, ho avuto sempre meno difficoltà. L’unica soluzione, se pur destinata a non risolvere tutto, sarebbe proprio quella che tu, da studente, saggiamente proponi: limitare cioè le varie attività (gite, conferenze, incontri, autogestioni ecc.) che erodono il tempo-scuola durante l’anno scolastico. Nella pratica però non ci riesce mai, per varie ragioni che ho accennato in altri post e che qui sarebbe superfluo ricordare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...