Il cellulare, nostro signore e padrone

In un passo celebre delle sue opere filosofiche (Epistole a Lucilio, 47, §17) Seneca scrive una frase altamente significativa, ancor oggi validissima: nulla servitus turpior est quam voluntaria. Credo che anche chi non conosce il latino, anzi si guarda religiosamente dal sentirne soltanto l’odore, ne comprenda il significato: “Nessuna schiavitù è più vergognosa di quella volontaria”. Certamente è così perché chi, al tempo di Seneca, nasceva in una famiglia di schiavi era costretto a restarlo per tutta la vita, ma non aveva responsabilità per questa sua condizione, né poteva provare a causa di essa alcun senso di colpa; ma chi invece, nato libero come oggi tutti lo siamo fortunatamente, si costringe per sua stessa volontà a divenire schiavo di qualcuno o di qualcosa, rivela non solo scarsa intelligenza e personalità, ma deve (o dovrebbe) almeno vergognarsi dei propri vizi e cercare di emendarsene. Così purtroppo non è in questa nostra sventurata epoca, in cui tutti o quasi siamo servi di istinti, passioni e vizi di ogni genere, sebbene ben pochi si rendano conto di esserlo.
Affrontare l’argomento nella sua totalità sarebbe lungo, anzi lunghissimo; e non è il caso di farlo in un blog. Mi limiterò quindi a parlare di una delle schiavitù che vedo con i miei occhi prender sempre più campo nella nostra società: quella dei telefonini cellulari. Il loro uso, anzi il loro abuso da parte di tante persone mi porta direttamente ad una conclusione: che cioè la tecnologia, che dovrebbe essere al servizio dell’uomo, ha finito per asservirlo e farne il proprio schiavo, un’eventualità questa che molti dei nostri padri scrittori, filosofi e scienziati temevano già molti decenni or sono. Mi piace, a tal riguardo, citare uno dei nostri “grandi” del secolo XX, Luigi Pirandello, che ben si era avveduto dei pericoli insiti nel progresso e nella tecnologia. Chi non lo avesse ancora fatto, legga i Quaderni di Serafino Gubbio operatore o i Giganti della montagna e si renderà conto della veridicità delle mie affermazioni. Non basta: lo stesso Einstein ebbe a dire che temeva fortemente il giorno in cui la tecnologia avrebbe sopravanzato la nostra umanità, perché allora il mondo sarebbe stato popolato da una generazione di idioti. Purtroppo quel giorno si sta avvicinando sempre più, se addirittura non è già arrivato.
Parliamo dei telefonini cellulari, questi aggeggi elettronici di cui tutti ormai sono dotati e di cui ho parlato in altri post a proposito del loro impiego da parte degli studenti per copiare i compiti scritti. Qui però non intendo ripetere quanto già detto su questo problema, ma esprimere il mio parere sul modo in cui questi strumenti hanno condizionato la nostra vita comune di tutti i giorni, danneggiando gravemente le relazioni sociali. Cominciamo dai nostri giovani, gli studenti ed anche coloro che occupano un posto di lavoro. A scuola, a parte le copiature sopraddette, il loro uso incessante disturba fortemente le lezioni perché distrae gli studenti dal seguire quanto il professore sta dicendo; e mentre alcuni anni fa capitava di riprendere due o tre alunni perché chiacchieravano tra di loro durante le spiegazioni, adesso succede più spesso di notare dei ragazzi o ragazze che, credendo di non essere visti, digitano sul cellulare messaggi, sms o altro nel bel mezzo della lezione. A me la cosa fa uscire dai gangheri perché odio i cellulari, e questo è un fatto mio personale; ma anche gli altri colleghi sono molto infastiditi da questi comportamenti, che comunque è difficile evitare perché non possiamo perquisire gli studenti, né far loro consegnare i cellulari prima della lezione, per non essere tacciati di essere dei biechi tiranni antisociali. Ma i danni provocati da questi congegni non si limitano all’ambiente scolastico: essi hanno distrutto l’amicizia reale tra le persone, trasformandola in virtuale. Quando sono fuori, per la strada in qualche città o in qualche luogo di vacanza, capita spesso di vedere gruppi di giovani, ragazzi e ragazze, che passeggiano insieme o si fermano su una panchina o altrove; ma mentre in passato li si sentiva parlare, ridere e discutere, adesso il silenzio predomina perché questi giovani non parlano più tra di loro, ma ciascuno tiene gli occhi fissi sul proprio cellulare; diventano quindi degli estranei, non comunicano più a voce, non scrivono né leggono più nulla tranne l’orribile linguaggio degli sms, che con la lingua italiana non ha più nulla a che vedere. La personalità dei giovani non si forma più come prima, attraverso il dialogo vocale o le lettere che tra amici o tra fidanzati venivano scambiate; adesso tutto è virtuale, tutto passa per questi dannati apparecchi elettronici. Anche l’amore tra i giovani non nasce più col dialogo, gli sguardi e i sorrisi, ma con gli “emoticons” e gli sms. Il cellulare, signore e padrone delle loro vite, fa nascere e morire le relazioni umane, che senza quel supporto non riescono più ad instaurarsi e a durare nel tempo. A me questo sembra un regresso, non un progresso, una perdita sostanziale della nostra umanità.
Anche nelle famiglie non si parla più, non si discute più. Tutti sono presi dal cellulare in ogni momento della giornata: persino a tavola, il momento in cui nelle case si svolgeva un dialogo su tutti gli argomenti d’interesse comune, adesso non si parla più, ci si perde nello schermo dello smartphone, ci si dimentica quasi di mangiare. Adesso tutti i luoghi dove le persone debbono fermarsi per qualche minuto o qualche ora non costituiscono più occasioni di dialogo o di ritrovo, ma sono diventati consessi di automi, di zombies che stanno con gli occhi fissi sullo schermo del cellulare come se vi si trovasse l’oracolo di Delfi, il messaggio di salvazione universale, il Vangelo salvifico del XXI secolo. Dovunque ci rechiamo, al supermercato, sul treno o sull’autobus, in un ambulatorio medico, in un locale pubblico qualsiasi, tutti sono contagiati da questo diabolico virus; e non parlo soltanto dei giovani, ma anche delle persone di mezza età e persino degli anziani, i quali spesso chiamano a casa con il cellulare per sapere se debbono comprare un kg di mele o di pere. Alle casse dei supermercati il problema riemerge con prepotenza: la persona che hai davanti nella fila, di qualunque sesso ed età, non fa a tempo ad arrivare a pagare il conto che puntualmente gli squilla il telefonino, e così si mette a rispondere ritardando le operazioni e facendo perdere la pazienza a chi, come il sottoscritto, ha fretta in primo luogo ed in secondo detesta questi comportamenti. Per non parlare degli zoticoni che, parlando in pubblico al cellulare, ti fanno sapere contro tua voglia tutti i fatti loro, tanto che ti verrebbe voglia di rovesciar loro addosso un barattolo di vernice. Tutte queste persone non stanno semplicemente usando un oggetto, ma sono essi stessi schiavi di questo aggeggio infernale, e questo comportamento è diventato così diffuso che è ormai accettato da tutti e considerato normale, mentre chi risulta anormale sono quelle persone che, come me, non portano mai dietro il cellulare e ritengono di poter vivere anche senza, come l’umanità ha vissuto per migliaia di anni senza subire alcun danno da questa mancanza. A parte la mia naturale avversione, quello che mi preoccupa di più è che l’uomo del XXI secolo non riesca più a vivere senza la tecnologia, che in tal modo sopravanza e distrugge la nostra umanità perché ci aiuta sì a vivere più comodamente, ma ci toglie anche la nostra dignità e la nostra libertà personale. Ed allora io la penso come il lupo della favola di Esopo, che preferisce soffrire la fame nel bosco anziché patire la catena che vede al collo del cane.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Attualità, Politica scolastica

2 risposte a “Il cellulare, nostro signore e padrone

  1. Alessandra

    Assolutamente d’accordo! L’abuso di questo tipo di tecnologia ci fa perdere facoltà, in tutti i sensi.

  2. Vincenzo

    I cellulari e gli smartphone sono strumenti e come tutti gli strumenti c’è chi li sa usare bene e chi non li sa usare. Essendo poi strumenti molto complessi da usare bene (specie gli smartphone con connessione ad internet), ne consegue che solo poche persone li sanno usare veramente bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...