Lo spettro della nuova anarchia – Capitolo I°: perché detesto Beppe Grillo e il suo “movimento”

In questo periodo così confuso e difficile dove tutto è entrato in crisi, non solo l’economia, ma anche i valori umani come la politica, la religione, la morale ecc., assistiamo ad una paurosa deriva ideologica che ha pesantemente colpito il nostro Paese: sembra che nessuno creda più a nulla e che tutti i settori della vita sociale siano pervasi da un nichilismo, uno sconforto, un puro pessimismo che tende a rifiutare ed a respingere – come fosse cosa obsoleta – ogni precedente certezza. In ambito politico, come possiamo vedere dalla campagna elettorale che si chiude oggi, questa deriva di valori e di ideali si è concretizzata nel cosiddetto “Movimento cinque stelle” di Beppe Grillo, che a mio avviso costituisce uno dei pericoli più gravi per il nostro Paese e per l’idea stessa della democrazia, l’unico sistema politico che – pur con gli indubbi difetti che presenta – viene accettato nelle moderne società industrializzate. Le esternazioni di questo istrione, che rimane tale e nulla più giacché non è certo elevabile al rango di uomo politico, mirano a distruggere tutto senza costruire nulla: mandare a casa tutti i politici, abolire i partiti, fare piazza pulita degli amministratori locali ecc. ecc. Il clown in questione sfrutta abilmente la sfiducia dei cittadini verso la politica ufficiale per raggranellare voti ma, a ben vedere, non è in grado di proporre nulla di concreto: sa solo sfasciare tutto senza nulla edificare, non ha saputo fare una sola proposta costruttiva, esige il voto dai cittadini sempre contro qualcosa o qualcuno, mai per qualcosa o qualcuno. Questa, a casa mia, si chiama anarchia, cioè distruzione di ogni autorità e di ogni poter a vantaggio del nulla, del caos, della confusione mentale più totale. Ed è molto pericolosa, perché non può esistere alcuna società civile senza potere e autorità, così come non ha senso una democrazia senza partiti e senza un’organizzazione amministrativa. Si tratta di una colossale truffa perpetrata ai danni dei cittadini italiani, che vengono attratti e blanditi mediante l’idea del “ripulire” la politica, da sempre considerata sporca, ma che in realtà non porterà altro che disorganizzazione e smarrimento, anche perché le istituzioni previste dalla Costituzione non possono essere smantellate o private delle loro prerogative. I candidati eletti nelle liste di Grillo dovranno pure, quando saranno in Parlamento, prendere posizione e votare sui vari provvedimenti in discussione: quindi diverranno politici esattamente come gli altri, come coloro che questo guitto ha sbeffeggiato e demonizzato in questi mesi.
Oggi più che mai, proprio per le condizioni di caos generale in cui viviamo, c’è bisogno di un rafforzamento, e non di un indebolimento, dell’autorità statale. C’è bisogno di regole, di disciplina, perché è ora di rimboccarsi le maniche e lavorare tutti per uscire dalla crisi in cui ci troviamo; e dalla crisi non si esce con le urla o gli slogan. Quello che ci consola, semmai, è che fenomeni come quello di Grillo non sono nuovi, e sappiamo per esperienza che col tempo finiscono per dissolversi e sparire totalmente, così come successe all'”Uomo Qualunque”, una formazione anarcoide attiva subito dopo la seconda guerra mondiale. Anche Grillo finirà nel dimenticatoio, e ben presto; ma nel frattempo produrrà molti danni, tra cui quello più grave non è certo la sottrazione dei voti agli altri partiti, ma la diffusione di queste idee giacobine e fuorvianti che inducono all’odio contro il “nemico” e non al dialogo, alla volontà di distruggere anziché di costruire, il che è proprio l’esatto contrario di ciò che sarebbe necessario al nostro Paese in questa delicata fase storica.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Attualità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...