Le donne al Parlamento

Il momento attuale di campagna elettorale, quando tutti (o quasi) i partiti fanno a gara per accaparrarsi i voti dei cittadini, concede una particolare attenzione all’elettorato femminile, facendo a gara per inserire nelle liste quante più donne possibile, quasi che questa fosse la soluzione principe dei problemi del nostro Paese. Il Partito Democratico, in tale ottica, ha stabilito addirittura una quota precisa (il 40 per cento) per le rappresentanti del gentil sesso da eleggere nel nuovo Parlamento.

Questo curioso atteggiamento intellettuale mi ha fatto venire in mente una celebre opera del commediografo greco Aristofane (ca. 445-380 a.C.), le Ecclesiazuse (“Le donne al Parlamento”), rappresentata ad Atene nel 392 a.C.   Quivi il poeta, deluso da tanti anni di guerra e di sfacelo politico e sociale delle istituzioni della sua città, immagina che il potere esecutivo, evidentemente mal gestito dagli uomini, venga conquistato dalle donne con un colpo di Stato. Ottenuto così il potere completo le signore ateniesi, guidate da Prassagora moglie di Blepiro, sconvolgono completamente gli ordinamenti precedenti introducendo una sorta di comunismo dei beni e delle donne stesse: ciascun cittadino perciò, ricco o povero, dovrà mettere in comune i propri beni e dedicarsi all’amore libero, senza più regolari matrimoni. Ne deriva una serie di conseguenze grottesche, tipiche della commedia farsesca propria di Aristofane: da un lato i ricchi sono reticenti a mettere in comune i propri averi, dall’altro si verifica una promiscuità sessuale senza precedenti tanto che un povero giovane, che aspirava ad amoreggiare con una ragazza sua coetanea, deve prima soddisfare tre vecchie tanto orrende quanto vogliose, in quanto così stabiliscono le nuove leggi. La commedia è una satira feroce, senza attenuanti: il governo delle donne non si rivela infatti migliore di quello degli uomini, conduce anzi ad un disastro morale ed umano, oltre che politico e sociale. Ovviamente tutto ciò resta sul piano dell’utopia, perché nel pensiero antico non era in alcun modo concepibile la partecipazione delle donne alla conduzione dello Stato, e su quello della risata crassa tipica del genere comico; che poi dietro al riso si nasconda l’angoscia e il disorientamento di chi ha visto la decadenza dei propri ideali, è ovvio. Del resto, tutti i grandi comici hanno adombrato dietro il riso una realtà spesso fortemente tragica.

Per tornare all’epoca nostrana, a me pare che questo interesse per le donne in politica, questa ostinazione a volerle a tutti i costi nella gestione della cosa pubblica, abbia origine da un presupposto errato e sia pertanto, anche se pare il contrario, discriminatoria nei loro confronti. Fissare un giorno di festa dedicato alle donne (l’8 marzo), o anche determinare delle “quote rosa” nelle amministrazioni pubbliche centrali e locali, significa trattare gli esseri umani di sesso femminile come “diversi”, come una particolare categoria differente, e spesso opposta, a quella maschile. Che le donne debbano entrare in Parlamento, come in ogni altro organismo, è giusto e inappuntabile; ma debbono arrivarci per meriti oggettivi, per capacità dimostrate, e non per una “quota” loro riservata, perché decidere a priori che un certo numero di posti è riservato alle donne è come trattarle da inferiori, è paragonabile alla riserva dei posti sugli autobus per gli invalidi o per gli anziani, categorie in certo qual modo protette perché particolari, diverse e disagiate rispetto ai comuni cittadini. L’elezione a tutte le cariche pubbliche e private dovrebbe avvenire sulla base dei meriti individuali, il solo criterio che a mio giudizio dovrebbe valere in ogni campo; che poi questi meriti ce l’abbia un uomo o una donna, è indifferente. Potrebbe pure accadere che in Parlamento entrassero l’80 per cento di donne anziché il 40 come ha deciso il signor Bersani, se i loro meriti fossero di tali proporzioni. Perché limitarle al 40, o al 20, o al 60 o a qualsiasi altra percentuale? Così facendo le si rinchiude in un ghetto, a mio giudizio, in una condizione di “diversità” che non deve esserci in uno stato moderno e civile. Io, se fossi una donna, non sarei affatto felice di questo trattamento, che mi parrebbe una sorta di discriminazione.

E questo ragionamento vale anche per l’età pensionabile, per la quale mi pare assurdo e inaccettabile che le donne siano autorizzate a lasciare il lavoro prima degli uomini. Prima di tutto, non si è invocata a ogni pié sospinto la parità dei sessi e la cosiddetta “pari opportunità”? Se uomini e donne hanno gli stessi diritti sociali, come è sacrosanto, allora non v’è ragione per cui le donne debbano andare in pensione prima. Anzi, se teniamo conto dei dati demografici del nostro Paese, dovrebbe avvenire il contrario, perché risulta che le donne vivono in media 6 anni più degli uomini; quindi dovebbero essere questi ultimi, semmai, a lasciare il lavoro prima, a rigor di logica. A me l’attuale legge pare un’ingiustizia vera e propria ai danni del sesso maschile; ma ormai di disparità nel nostro tempo ce ne sono così tante che, una più o una meno, non ci facciamo più caso.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Attualità

2 risposte a “Le donne al Parlamento

  1. alfredo

    La disamina del Prof. Rossi sarebbe condivisibile in una società ideale, perfetta, con reali pari opportunità. Purtroppo così NON è. La donna partorisce, e accudisce i figli e la famiglia e per questo invece che essere tutelata è punita. Infatti in alcuni ambienti di lavoro viene addirittura licenziata per questo. Fino alla recente modifica FORNERO la donna al momento dell’assunzione spesso firmava anche il licenziamento che poteva essere usato dal datore di lavoro nel caso di gravidanza(altro che protetta!!!). Questo si che era un incentivo alla interruzione della gravidanza, con buona pace della politica a favore della famiglia. Un dato recente dell’ISTAT comunica che le donne hanno migliori curricula scolastici, formativi, universitari, ma le peggiori posizioni dirigenziali e di carriera. Per non parlare dell’angosciante capitolo della violenza sulle donne, soprattutto in ambito familiare, un vero e proprio femminicidio. E anche qui da Aristofane si attacca Bersani, senza prendere in considerazione nemmeno un momento la concezione proprietaria, olgettina, orizzontale della donna che ne ha la destra berlusconiana soprattutto. La nostra memoria è talmente corta che non vengono ricordati nemmeno i procedimenti in corso come il processo Ruby(nipote di Mubarak?), o le innumerevoli escort che venivano offerte come gadget in cambio di favori politici. Tutto ciò viene consegnato all’oblio, ma non si perdona a Bersani di riservare appena la metà delle candidature alle donne. Nonostante le conclusioni seducenti del Prof. Rossi, che fanno pensare a tali provvedimenti come da riserva indiana, non si può non tener conto della realtà, dura, ingrata, paradossale, e dell’obbligo morale delle persone di buona volontà di metterci una toppa. In attesa che il mondo cambi. La discriminazione è un fatto. La correzione di tale aberrazione è un obbligo. Le quote rosa sono un rimedio, imperfetto, non soddisfacente, che non ne elimina le cause, ma questo non ci autorizza a continuare così.

    • Caro Alfredo, quando due persone dialogano e non si comprendono, se io dico “cuori” e tu rispondi “picche”, cortesia vuole che chi ha espresso l’opinione riconosca di essersi espresso male, come ho cercato di fare nella risposta al tuo primo commento; ma quando la cosa si ripete, quando succede, come ora, che tu risponda in maniera del tutto incoerente con quanto io ho affermato, allora viene il dubbio che tu non abbia capito proprio ciò che volevo dire, e spero tu non ti offenda per questo. Di fronte ad un mio ragionamento generale, secondo il quale non è opportuno (a mio giudizio, si intende, non pretendo di imporlo agli altri) riservare posti alle donne come se fossero una categoria speciale o disagiata, tu rispondi facendo riferimento a tante questioni che non c’entrano nulla con ciò che ho detto io: i migliori risultati delle donne nell’istruzione, la discriminazione sul lavoro, il licenziamento delle donne in gravidanza (e la Fornero non ha risolto proprio nulla da questo punto di vista) e perfino il femminicidio. Tutto questo non c’entra NULLA con quello che dicevo io: è chiaro che questi comportamenti sono errati e discriminatori, ma la colpa è di chi li adotta, perché la responsabilità di chi compie un atto è individuale, non si può incolpare di questo tutta la società, né tanto meno una parte politica. Tutto questo è ridicolo, come è assurdo che tu insista sempre e comunque sul vecchio e trito ritornello di Berlusconi, delle olgettine, di Ruby ecc., delle quali io non ho parlato affatto. I problemi che tu lamenti riguardo alla condizione della donna (che poi non è così drammatica, tranne alcuni casi limitati) non si risolvono con le quote rosa. Anzi, a me sembra che queste siano discriminatorie proprio nei confronti delle donne, quasi che esse non fossero esseri umani come i maschi, ma una categoria particolare ed in un certo senso inferiore. E’ giusto che le donne ricoprano tutti i ruoli sociali più prestigiosi, ma perché hanno dei meriti individuali e non semplicemente per il loro sesso.
      Spero di essermi spiegato, ma ne dubito, perché vedo che tu, forse per il clima elettorale che stiamo vivendo, hai assunto posizioni fondamentaliste e settarie che impediscono qualunque confronto. E poiché noi siamo stati amici e dobbiamo ancora mantenere un rapporto, non mi sembra opportuno proseguire questa discussione telematica che potrebbe portarci ad uno scontro, dato che è del tutto evidente che le nostre posizioni ideologiche sono totalmente contrastanti. E poi a me non piace il dialogo tra sordi, intendendo per sordi soprattutto quelli che non vogliono sentire e che non concedono agli altri di avere opinioni diverse dalle proprie. Perciò chiudo qui questo dibattito, e se vuoi possiamo proseguire il dialogo privatamente, fuori dal blog. Perciò ogni altro tuo commento di questo tono non sarà né letto né pubblicato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...