I passi indietro dei caimani

E’ di oggi la notizia secondo cui il sottosegretario all’istruzione Rossi Doria avrebbe annunciato il ritiro della vergognosa norma della legge di stabilità che portava l’orario frontale dei docenti della scuola secondaria da 18 a 24 ore. Meglio tardi che mai, si potrebbe dire; ma resta il fatto che questo governo di banchieri e finanzieri, del tutto ignari dell’importanza della cultura e della formazione in questo Paese, ha fatto una pessima figura, sia quando ha formulato quella bestialità delle 24 ore sia quando se l’è poco onorevolmente rimangiata. Continuo a dire che siamo in pessime mani, alla mercé di un gruppo di privilegiati manager della finanza che tendono solo a salvaguardare le banche e gli interessi loro e dei baroni loro pari, facendo pagare alle fasce più povere della popolazione la crisi che loro stessi hanno creato. Il ministro Profumo poi non ha saputo combinare altro che disastri da quando è in carica, ha accumulato una serie di errori e di figuracce per le quali dovrebbe nascondersi e non farsi più vedere. Anche un bambino delle elementari (pardon, della scuola primaria) avrebbe saputo fare meglio di lui.

Che questo governo faccia tutto tranne il bene dei cittadini è evidente da ogni suo provvedimento, come questa sciagurata legge finanziaria, che ora chiamano “di stabilità”. Ma stabilità di che cosa? Dei loro bilanci, delle loro tasche piene, di quello che conviene a loro. I provvedimenti contenuti in questa legge sono iniqui e vessatori: basta citare l’aumento dell’IVA, una catastrofe vera e propria che farà aumentare tutti i prezzi, a scapito delle fasce sociali più deboli; a ciò si aggiunge il limite alle detrazioni fiscali, che oltre a vessare ancora i poveracci aumenterà a dismisura l’evasione fiscale, perché chi raggiunge i 3000 euro di reddito detraibile con il mutuo della casa, ad esempio, non chiederà più fatture e scontrini fiscali a nessuno, perché tanto non gli serviranno; e via dicendo con gli altri balzelli e tasse che il signor Monti continua a imporre agli italiani. E poi c’è il contentino della diminuzione di un punto dell’IRPEF per alcune fasce di reddito: una vera presa in giro, perché l’aumento dell’IVA, delle tariffe, delle bollette ecc. vanificherà del tutto questa elemosina che il governo ha creduto bene di concedere con rivoltante ipocrisia. E poi il ministro Grilli viene a dire che il 99 per cento dei contribuenti beneficeranno di questa legge? Che beneficio avranno, di doversi rivolgere alla mensa dei poveri? Ma ci faccia il piacere, diceva il buon Totò. Caro Grilli, gli italiani saranno condizionabili, ma scemi del tutto non lo sono, checché tu possa pensare!

L’eliminazione degli sprechi e il risparmio del denaro pubblico sono principi sacrosanti, ma non è con leggi come questa che si ottengono. Ci sono altre possibilità, e ben più redditizie. Tassare i grandi patrimoni e le rendite finanziarie, ad esempio; ma questo non lo farà mai questo governo, perché i ministri sarebbero i primi a doversi tassare, visto che sono finanzieri miliardari. E come si sa, cane non morde cane. Potrebbero mettere un’aliquota IVA del 35 o 40 per cento sui beni di lusso (auto supersportive, ville, yacht, gioielli, pellicce ecc.), ma non lo fanno perché colpirebbe loro stessi, e i signori del governo non vogliono intaccare i loro miliardi, meglio che paghino i soliti noti. Potrebbero diminuire le auto blu, gli stipendi dei parlamentari, il personale della politica e delle amministrazioni locali (spesso piene di ladri), i privilegi dei politici; ma non possono farlo, altrimenti chi gliela voterebbe in parlamento una legge del genere? Meglio colpire i lavoratori dipendenti da 1200 euro al mese e i pensionati da 600 euro, tanto loro hanno la pelle dura, sono abituati ai sacrifici e quindi, uno più o uno meno, che sarà mai?

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Attualità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...